EXPLORARMI BIBLIOTECAREVISTAS
CATEGORÍAS
  • Arte y Arquitectura
  • Aviación y Navegación
  • Negocios y Finanzas
  • Coches y Motos
  • Famosos y Cotilleo
  • Comics & Manga
  • Artesanía
  • Cultura y Literatura
  • Familia y Paternidad
  • Moda
  • Cocina y Vinos
  • Salud y Fitness
  • Hogar y Jardín
  • Caza y Pesca
  • Adolescentes
  • Lujo
  • Estilo de Vida Masculino
  • Cine, TV y Música
  • Noticias y Política
  • Fotografía
  • Ciencia
  • Deportes
  • Tecnología y Juegos
  • Viajes y Aire Libre
  • Estilo de Vida Femenina
  • Adultos
DESTACADOS
EXPLORARMI BIBLIOTECA
 / Famosos y Cotilleo
GenteGente

Gente

Numero 49 - 2019

Il settimanale di attualità della famiglia italiana. Moderna da sempre. Ogni settimana appassiona e coinvolge con l’informazione, l'attualità e l’intrattenimento. Grandi inchieste e reportages, interviste esclusive ai personaggi del momento e dello spettacolo, servizi con consigli pratici per la famiglia. In più servizi e rubriche sulla salute con le risposte di grandi esperti e ancora: moda, bellezza, arredamento, cucina, viaggi, giochi, oroscopo e programmi TV.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Hearst Magazines Italia spa
Leer Más
SUSCRIBIRSE
US$ 41,33
52 Números

EN ESTE NÚMERO

4 min.
perlomeno io la penso così

Era mercoledì 27 novembre. Sono sicura della data perché noi, qui a Gente, mandiamo il giornale in stampa martedì sera e dunque il mercoledì mattina sposto la sveglia di un’ora e dalle solite 7.45 la punto alle 8.45: mi concedo un po’ di sonno in più, il mercoledì io tiro un momento il fiato. Lo so che non lavoro in miniera, assolutamente, però certe giornate sono davvero lunghe. Era mercoledì quando alle 8 mi è arrivato un sms: din! Io tengo sempre il cellulare con la suoneria alta, così mi sono svegliata. Un altro din! e poi un altro ancora. No, c’è qualcosa che non va, tre sms di seguito: non avranno stampato il giornale, stanotte? È stato questo il primo pessimo pensiero. Ho aperto definitivamente gli occhi e ho…

1 min.
il presepe ovunque: parola di francesco

Gentile direttrice, il Papa ha di recente dichiarato che il presepe dovrebbe essere fatto dappertutto, non solo nelle chiese, ma anche nelle scuole e per le strade. Anche nelle carceri. Io sono d’accordo e in casa mia ne ho già fatto uno grandissimo. E lei come la pensa? Carla Certoli Cara Carla, Francesco è stato al Santuario di Greccio (Rieti), dove nel 1223 San Francesco di Assisi realizzò il primo presepe vivente della storia, e ha ricordato che il presepe “ripropone la bellezza della nostra fede con semplicità”. Io il presepe l’ho sempre fatto e quando mio figlio era piccolo per noi era un rito di meraviglia. Mettiamola così: fossi atea, penserei comunque che un bambino povero in una grotta non dia fastidio a nessuno.…

5 min.
la posta dei lettori

UNO SBAGLIO, MA SENZA COLPA Gentile direttrice, ho letto su Internet del gran debito che ha con il Fisco Cristina Chiabotto. Che delusione: la nostra ex Miss Italia, che da pochi mesi è anche moglie di un milionario, non paga le tasse. Per lei, però, non ci sono le manette tanto invocate dal ministro Bonafede per gli evasori. Emilia F. Cara Emilia, ti invito alla prudenza e a un linguaggio meno da odiatrice del Web, che su un giornale di carta, e certamente su Gente, non può trovare spazio. Avevo deciso di non trattare l’argomento, e infatti su questo numero non lo troverete, perché la Chiabotto è stata vittima di un imbroglio, non ha evaso le tasse volontariamente. E comunque, già che ci siamo, a me le manette per gli evasori fanno orrore.…

1 min.
le orche che hanno perso la strada

Gentile Monica, compro sempre Gente in abbinata con Il Secolo di Genova. A noi genovesi farebbe piacere che dedicaste un servizio ai bellissimi quattro esemplari di orca che da due giorni [questa mail è arrivata lunedì 2 dicembre, ndr] stazionano di fronte alla diga del porto di Voltri. Noi crediamo sia un segnale portafortuna per la nostra Genova che, oltre al ponte Morandi, ha avuto grandi difficoltà anche con il maltempo. Giorgia M. Cara Giorgia, mi piace la tua teoria delle orche portafortuna, la condivido. Mai prima d’ora questi cetacei erano stati avvistati nel mare della Liguria: vivono infatti in acque profonde e molto fredde e si cibano di foche. I biologi marini si stanno domandando come mai siano arrivate da voi e perché restino tanti giorni quasi ferme nello stesso tratto…

1 min.
risposte lampo

I giovani italiani non sono più in grado di capire cosa leggono? Sì. O almeno è quello che appare guardando i risultati dell’indagine dell’Ocse tra gli studenti di 79 Paesi: solo il 5 per cento dei quindicenni italiani è in grado di comprendere un testo e valutarne l’attendibilità. Compreremo un’auto o una moto senza un salasso assicurativo? Scatterà nel 2020 la “polizza familiare”: tutti i veicoli, auto o moto, appartenenti a un membro dello stesso nucleo potranno essere assicurati con la miglior classe di merito. Oggi valeva solo per le auto. Un “ex” può chiedere di cancellare le foto dai social network? Lo ha stabilito il tribunale di Bari, dando ragione a un uomo che aveva chiesto all’ex compagna di rimuovere da Facebook le foto postate durante la loro relazione. Non conta il fatto che,…

6 min.
la gente domanda risponde

FARSI IBERNARE È PERFETTAMENTE LEGALE ANCHE IN ITALIA? Un’azienda modenese offre un servizio di crioconservazione dopo la morte. Può farlo? Farsi crioconservare dopo la morte, in attesa che i progressi della scienza siano in grado di offrire un modo per farsi riportare in vita, è reale e perfettamente legale. Si tratta di donare il corpo alla scienza, nella fattispecie alla KrioRus, centro specializzato con sede a Mosca. Quando il fine vita è in qualche modo “annunciato”, nel caso per esempio di un malato terminale, si organizza il trasferimento in Russia presso una clinica e, sopraggiunta la morte, il corpo viene crioconservato a una temperatura di -196 gradi. Se invece il decesso è improvviso, nel caso di un infarto, siamo noi in Italia a organizzare il trasporto in Russia conservando la salma a…