DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUE
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Jeunesse
Focus Wild Focus Wild

Focus Wild

Agosto 2019

Focus Wild è la rivista per ragazzi e ragazze dai 10 ai 14 anni appassionati di animali e cuccioli. Suddivisa in due parti, nella sezione Mondo si potranno ammirare immagini fantastiche, reportage sugli animali e sul loro comportamento, interviste con personaggi famosi e tante notizie curiose; nella sezione PetClub si troveranno tutti i consigli e i trucchi per la cura dei propri animali domestici.

Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
Mondadori Scienza S.p.A.
Lire pluskeyboard_arrow_down
J'ACHÈTE CE NUMÉRO
3,05 €(TVA Incluse)
JE M'ABONNE
20,37 €(TVA Incluse)
12 Numéros

DANS CE NUMÉRO

access_time1 min.
pixel

COLAZIONE A MOLLO Un castoro europeo (Castor fiber) sgranocchia un ramoscello di salice: la dieta di questo vegetariano comprende oltre 300 specie di piante, erbacee e legnose. Grazie all’olfatto molto sviluppato percepisce la presenza di salici e pioppi a distanza di centinaia di metri. NON TI SENTI OSSERVATO? Due damigelle appostate dietro a un tarassaco: gli occhi composti, formati anche da 30 mila unità chiamate ommatidi, danno loro una visione quasi a 360°. Il fotografo ha raccontato che, per avvicinarsi agli insetti senza farli scappare, basta alzarsi presto al mattino e scattare quando sono ancora intorpiditi dal freddo della notte.…

access_time1 min.
editoriale

Cari lettori, dopo aver letto questo numero di Focus Wild, credo che anche voi come me smetterete di usare l’espressione “muto come un pesce”. Infatti, come viene spiegato a pag. 40, gli abitanti dei mari producono vocalizzi per comunicare tra loro, che noi fatichiamo a udire perché abbiamo un orecchio adattato a captare i suoni nell’aria. Grazie all’idrofono, che è un orecchio elettronico, abbiamo iniziato a sentirli. e a capire che cosa si dicono E sapete qual è il pesce più chiacchierone? Il pesce pagliaccio! Buone vacanze mail: sarah.pozzoli@mondadori.it…

access_time1 min.
focus wild

Direttore responsabile Sarah Pozzoli Redazione Chiara Borelli (coordinamento, vicecaposervizio), Marta Ferrario Ufficio fotografico Laura Giovannitti Ufficio grafico Cristina Mercante (art director, caporedattore) Segreteria di redazione Barbara Francesconi Progetto editoriale Chiara Borelli Progetto grafico Cristina Mercante Hanno collaborato a questo numero: Sonia Campa, Maddalena Jahoda, Stefano Malavasi, Gérard Mangiagalli, Roberto Marchesini, Giulia Paracchini, Lara Perego, Dunia Rahwan, Francesco Tomasinelli, Emilio Vitaliano…

access_time1 min.
casa mobile

UN POLPO SBUCA DA UNA CONCHIGLIA E, APPURATO CHE NON CI SONO PERICOLI, ESCE E SI SPOSTA TRASPORTANDO ANCHE IL SUO RIFUGIO In Indonesia un polpo venato (Amphioctopus marginatus) fa capolino dal suo rifugio, la conchiglia di un mollusco (1), si guarda intorno per valutare la presenza di pericoli (2) e, una volta allo scoperto, si sposta in punta di tentacoli trascinandosi dietro la casa (3): lo sforzo è grande e la distanza massima percorsa è di 20 metri. Questo comportamento dimostra la capacità del polpo di utilizzare strumenti (oltre alle conchiglie, sfrutta come roulotte anche i gusci di cocco rinvenuti sott’acqua), a conferma della sua intelligenza.…

access_time3 min.
notizie dal mondo

I gatti sanno il loro nome Giappone. Uno studio pubblicato su Scientific Reports dalla psicologa ed esperta di gatti Atsuko Saito, ricercatrice della Sophia University di Tokyo, ha dimostrato che i gatti sono in grado di riconoscere il proprio nome, anche se viene pronunciato da uno sconosciuto. Durante l’indagine, che ha coinvolto 78 felini domestici e gli ospiti di un “cat caffè” giapponese, è stato chiesto ai proprietari e alle persone estranee di pronunciare il nome del micio mentre venivano annotati i segnali di una risposta dell’animale, come i movimenti delle orecchie o uno scodinzolio. Lo studio ha dimostrato, inoltre, che i gatti sono capaci di distinguere il proprio nome da altri simili o da quelli dei loro conviventi. La reattività al richiamo, però, è risultata inferiore a quella dei cani:…

access_time5 min.
benvenuti nel mio nido

CIVETTA DELLE TANE ( ATHENE CUNICULARIA ) Questo rapace nidifica nel terreno come un coniglio e utilizza spesso cavità scavate da altri animali e può modificare quelle già esistenti se il suolo è morbido. In questi nidi sotterranei le civette si stabiliscono in famiglie numerose di più coppie e alcuni individui, come questo giovane in una grande pianura del Sudamerica, passano molto tempo sulla “porta di casa“ per sorvegliare la situazione. PENDOLINO ( REMIZ PENDULINUS ) Il nido del pendolino (Remiz pendulinus), a forma di pera, è costruito dal maschio con erbe intrecciate, piume e materiale soffice. Il lavoro richiede diversi giorni e solo quando la costruzione è finita può sperare di attirare una compagna con cui allevare i piccoli. Questi uccelli, che si trovano anche in Italia, frequentano soprattutto le zone umide, appendendo…

help