L'Uomo Vogue

L'Uomo Vogue Gennaio 2017

L’UOMO VOGUE: Menswear fashion shows, cinema, art, design: read the stories from top celebs, artists, sports stars and entrepreneurs with a unique style. L’UOMO VOGUE è il riferimento dello stile maschile nel mondo, interpretato da personaggi internazionali, icone di tutti i tempi. Attualità e tendenza, arte, design, cinema, musica, sport, cultura e sociale.

Lire plus
Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Fréquence:
Back issue only
5,08 €(TVA Incluse)

dans ce numéro

3 min
mark bradford

www.vogue.it/l-uomo-vogue/people-stars “Social Abstraction”: non capita spesso che un artista abbia la lucidità per inquadrare storicamente il suo lavoro, o per trovarsi una definizione critica così calzante. Ma d'altronde Mark Bradford non è un artista che capita spesso. Sin dagli anni in cui divideva le sue giornate tra la pittura e il negozio di parrucchiera della madre a Leimert Park, il mondo dell'arte ha unanimemente riconosciuto in questo californiano altissimo e magrissimo un talento importante, che meritava spazio. Oggi Bradford quello spazio lo riempie con una personalità cristallina, che riesce a rendere leggibile – quasi naturale – l'astrattismo contemporaneo. Nato nel 1961 a Los Angeles, cresciuto a Santa Monica, formatosi al California Institute of Arts – il cosiddetto CalArts, ad altissimo tasso concettuale – e poi tornato a lavorare a South Central…

2 min
streetwear e ricercatezza formale: fumito ganryu, talento eclettico della scuderia di rei kawakubo

Se Rei Kawakubo, mente geniale che si nasconde dietro il marchio Comme des Garçons, ha ispirato un cult following è anche per l'incredibile fiuto per i nuovi talenti. Tra le sue più fortunate scoperte c'è Fumito Ganryu (sotto, a destra), classe 1976, che racconta: «Quand'ero adolescente, sfogliando una rivista di moda mi sono imbattuto nella collezione Comme des Garçons Homme Plus e sono rimasto folgorato. Ho pensato “Ecco, questo sì che mi piace!”. Credo che la mia passione per la moda sia iniziata proprio in quel preciso istante». Ganryu, la sua omonima collezione di debutto, risale al 2007 e sin da subito lo stilista ha espresso in maniera cristallina la sua personale estetica: «Il mondo dello skateboard è stato il punto di connessione tra me e la moda. Sono da…

2 min
l’uomo moschino secondo jeremy scott: la sesta stagione

UNO STILE che non esita a definire “over exaggerated”. Un esempio? La sua Glove Bag gigante Creare la collezione maschile è per un verso più facile: mi basta pensare a quello di cui ho voglia veramente per me stesso. Dall'altro è più difficile, sono meno libero, ho meno opzioni che per la donna. Il punto di partenza? Sempre diverso. Può essere l'emozione che mi dà una fotografia, la sensazione lasciatami da un film. Comunque e prima di tutto, mi interessa che i miei abiti trasmettano un feeling». Parla Jeremy Scott, lo stilista lanciato da Isabella Blow e amatissimo per le sue creazioni Snapchat e Instagram-friendly da star come Rihanna, Lady Gaga, Katy Perry, Miley Cyrus e A$AP Rocky. La nuova collezione, che sfilerà per la prima volta dalla sua nomina a…

2 min
alessio carbone, étoile dell’opéra di parigi, festeggia a passo di danza i 10 anni di pt pantaloni torino

ANIMA, corpo e tradizione. Due mondi affini mossi dallo stesso principio: la passione È un incontro fortunato quello tra PT Pantaloni Torino e Alessio Carbone (nella foto), primo ballerino dell'Opéra di Parigi, chiamato a festeggiare i primi 10 anni del brand made in Italy con un progetto che fonde moda e arte, danza e passione. «È arrivata una mail alla segretaria della direzione dell'Opéra», racconta, «una richiesta “ufficiale” che mi ha colpito e stupito, perché è la prima volta che per trovarmi contattano la direzione di un teatro». Il punto di incontro tra i due mondi è la dedizione, termine che per la storica azienda torinese di pantaloni è simbolo di artigianalità e cura e che ben si ricollega alla danza, dove vita e lavoro si intrecciano, così come corpo ed…

2 min
in cover/contents

Pierre Casiraghi non ha certo bisogno di presentazioni, eppure di lui si sa molto poco. Possiamo scoprirlo un po' di più nel nostro primo servizio di copertina che lo ritrae nei “suoi” luoghi a Montecarlo e che ci offre un'idea dello spirito di quest'uomo sportivo ed elegante. Andiamo in tutt'altra direzione con la nostra seconda cover: Lucas Hedges, svelato da “Manchester by the sea”, sta diventando, in fretta, un volto del cinema internazionale. Bruce Weber lo ha portato in giro per Brooklyn, dove Hedges è cresciuto, cogliendo, come pochi sanno fare, la sua autentica personalità. Sì, perché il numero di gennaio vuole proprio scoprire il carattere di ogni personaggio attraverso lo stile: coglierne l'originalità, oppure reinterpretarlo, senza però tradire l'essenza individuale. Rispettare il carattere di ognuno, per noi, è una…

3 min
antonio briseno at dunas de samalayuca

Antonio Briseño è un tipo decisamente tranquillo. «Sarà perché sono di Guadalajara, dove tutti sono piuttosto calmi», suggerisce il calciatore, «in ogni caso non me la prendo mai più di tanto». Tranne quando è in campo. Briseño, 23 anni, talentuoso difensore centrale in prestito al Tiburones Rojos de Veracruz (una squadra di calcio professionistica di prima divisione, la Liga MX), si è guadagnato un po' la fama di testa calda. «Be', sono un giocatore molto appassionato», scherza lui che con il suo metro e 85 è alto per tutti i canoni e torreggia su molti suoi avversari, «ed è vero che a volte la passione prende il sopravvento. Ovviamente, per via della mia stazza ho un gioco molto fisico». Commenta Ricardo A. López, stimato esperto di calcio messicano: «Fate attenzione,…