DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUEMAGAZINES
CATÉGORIES
  • Art et Architecture
  • Aviation et Bateau
  • Business et Finance
  • Auto et Moto
  • Presse people
  • Comics & Manga
  • Artisanat
  • Culture et Littérature
  • Famille et Éducation
  • Mode
  • Cuisine et Vin
  • Forme et Santé
  • Maison et Jardin
  • Chasse et Pêche
  • Jeunesse
  • Luxe
  • Presse Masculine
  • Film, Télé et Musique
  • Actualité et politiques
  • Photographie
  • Science
  • Sports
  • Tech et Jeux Vidéo
  • Voyages et Plein air
  • Presse Feminine
  • Adulte
SÉLECTION DU JOUR
DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUE
Presse Masculine
L'Uomo Vogue

L'Uomo Vogue Maggio - Giugno 2017

L’UOMO VOGUE: Menswear fashion shows, cinema, art, design: read the stories from top celebs, artists, sports stars and entrepreneurs with a unique style. L’UOMO VOGUE è il riferimento dello stile maschile nel mondo, interpretato da personaggi internazionali, icone di tutti i tempi. Attualità e tendenza, arte, design, cinema, musica, sport, cultura e sociale.

Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Lire plus

Dans ce numéro

2 min.
in cover

Da 10 anni L'Uomo Vogue dedica con cadenza biennale il numero di maggio/ giugno all'Esposizione Internazionale d'Arte di Venezia. In questo 2017, proprio come 10 anni fa, viviamo una congiuntura eccezionale, perché oltre a Biennale inaugurano anche dOCUMENTA (ad Atene e Kassel) e Skulptur Projekte Münster, per non parlare di fiere importanti come Frieze New York e Art Basel. In questo momento teniamo particolarmente a sottolineare la vitalità di Milano. Uscita splendidamente dal doppio appuntamento di MiArt e Salone del Mobile, ha tenuto a battesimo una nuova mostra della Fondazione Trussardi, curata da Massimiliano Gioni (“La terra inquieta”, in Triennale), oltre agli appuntamenti di Hangar Bicocca. Sempre in città, proprio a ridosso della Biennale, ha preso il via l'ultimo grande esperimento del protagonista della nostra copertina. Un asse, quello tra…

3 min.
agenda veneziana : una guida ragionata agli eventi collaterali

Il punto di partenza per un ideale percorso tra gli appuntamenti collaterali veneziani è Palazzo Fortuny. A metà strada tra Palazzo Grassi (sede dell'imperdibile mostra in corso di Damien Hirst) e Piazza San Marco, la casa-museo del geniale Mariano Fortuny è diventata una delle sedi museali più affascinanti di tutta la città lagunare. Fino al 27/11 ospita la mostra “Intuition”: un excursus sul tema dell'intuizione a partire da opere storiche dell'iconografia religiosa, scorrendo tra capolavori e correnti del '900, fino al più stretto contemporaneo. Da questo progetto antologico proseguiamo alla scoperta di pagine importanti dedicate ai grandi maestri dell'arte italiana come Giovanni Anselmo, Alighiero Boetti e Michelangelo Pistoletto, accomunati dall'aver esordito nel movimento dell'Arte Povera. La mostra di Anselmo, dal lungo titolo “Senza titolo, invisibile, dove le stelle si avvicinano…

1 min.
beyond venice: athens, kassel, münster .

È paragonata a un fenomeno astrologico, un allineamento di pianeti dalle eccentriche traiettorie. L’evento eccezionale, che si verifica ogni 10 anni, è quello che interessa tre importanti kermesse dedicate all’arte contemporanea,tutte inaugurate tra aprile e giugno. Kassel, Münster e Venezia ospitano rispettivamente dOCUMENTA, Skulptur Projekte e la Biennale d’Arte. La prima, quinquennale, ha inaugurato eccezionalmente i battenti lo scorso aprile ad Atene e aprirà nella sede storica di Kassel il 10/06. La tappa greca è stata decisa dal direttore Adam Szymczyk per riflettere sul tema della tensione tra Nord e Sud Europa – il titolo dell’edizione è esplicativo:“Von Athen Lernen” (Learning from Athens). L’idea è anche che esista un nesso tra l’attuale crisi greca e quella vissuta da Kassel dopo la Seconda guerra mondiale. Dopo Atene,Venezia: il 13/05 apre i…

3 min.
inaugura a new york lo iaia museum . dedicato alla cultura araba e islamica, sarà per ora itinerante

La decisione di fondare lo IAIA, il nuovo museo e hub culturale newyorchese per la promozione dell'arte dei paesi arabi e islamici, nasce dalla constatazione che i continui pregiudizi sul nostro mondo, sempre più amplificati dalla politica, hanno finito col limitare e danneggiare profondamente gli scambi culturali tra i paesi dell'area e gli Stati Uniti», racconta lo sceicco qatariota Mohammed Rashid Al-Thani (nella foto), studioso d'arte e fondatore del neonato museo e centro culturale newyorchese, la cui inaugurazione ufficiale è stata il 4 maggio scorso nella sede provvisoria di 3 Howard Street. «La nostra prima mostra, intitolata senza troppa fantasia “Exhibition 1”, raccoglie le opere di quattro artiste – la palestinese-saudita Dana Awartani, l'iraniana Monir Shahroudy Farmanfarmaian e le indiane Zarina Hashmi e Nasreen Mohamedi – accomunate da una forte…

1 min.
dopo ny e londra “1:54” va a marrakech african art fair

Diciannove gallerie (tra cui la milanese “Officine dell’Immagine”) e 60 artisti: sono i numeri di “1:54 Contemporary African Art Fair”, la fiera di riferimento nel mondo per l’arte contemporanea africana (nelle foto, due delle edizioni passate), che si è chiusa il 7 maggio a New York. «Una rara occasione per ammirare, sotto lo stesso tetto, sia le opere degli artisti africani più affermati globalmente, come Ibrahim El-Salahi, William Kentridge e Malick Sidibé, sia per avvicinarsi alle pratiche di emergenti di grande talento, come Cheikh Ndiaye, Serge Attukwei Clottey, Boris Nzebo», spiega la businesswoman e curatrice marocchina Touria El Glaoui, fondatrice della fiera, inserita da Forbes nel 2016 tra le “100 most powerful African women”. «Ma la vera novità è che, dal 2018, la fiera sbarcherà finalmente sul suolo africano». La…

1 min.
la quintessenza della nightlife londinese: mr. burberry edp

Per la versione Eau de Parfum di Mr. Burberry, Christopher Bailey ha chiesto a Francis Kurkdjian, autore dell'originale Mr. Burberry Eau de Toilette, una formula più intensa, più ricca, con una texture più complessa, sempre nel rispetto della tradizione della classica profumeria inglese maschile. Il risultato? Una fragranza speziata, calda, strutturata, con un'importante componente boisée. «Un profumo molto più radicale del primo, dove si riconoscono la cannella, il patchouli, l'ambra e il vetiver. L'EdT è fresca, luminosa, leggera. Le due fragranze sono perfettamente complementari», sottolinea Kurkdjian. Gli fa eco l'attore Josh Sensuale, romantico, l’equivalente olfattivo di un tuxedo. Firmato Francis Kurkdjian Whitehouse, testimonial di entrambe: «L'EdT è leggermente pungente, perfetta per il mattino, il nuovo Mr. Burberry è decisamente più romantico, eccitante come la preparazione a una serata londinese, quando domina la…