ZINIO logo
DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUE
Presse Masculine
L'Uomo Vogue

L'Uomo Vogue Ottobre 2017

L’UOMO VOGUE: Menswear fashion shows, cinema, art, design: read the stories from top celebs, artists, sports stars and entrepreneurs with a unique style. L’UOMO VOGUE è il riferimento dello stile maschile nel mondo, interpretato da personaggi internazionali, icone di tutti i tempi. Attualità e tendenza, arte, design, cinema, musica, sport, cultura e sociale.

Lire plus
Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Fréquence:
Back issue only
J'ACHÈTE CE NUMÉRO
5,08 €(TVA Incluse)

dans ce numéro

2 min.
all around the world : in una serie di ritratti i protagonisti di oggi

Millie Bobby Brown e Sam Smith rappresentano due superstar di nuovo tipo, vicini tra loro anche se 12 anni li separano a livello anagrafico. Diventati famosi velocemente e in maniera strabiliante, fanno allo stesso tempo parte della cultura mainstream pur non rinunciando alla loro eccentricità, cosa che li rende molto distanti dagli idoli pop di 10 anni fa. Il fenomeno Millie Bobby Brown – fotografata per noi da Cass Bird – è nato l'anno scorso con “Stranger Things” (il 27 ottobre inizia la seconda stagione) e ha incantato tutti. In molti hanno riconosciuto in lei quel mix unico di bravura, intensità e forza che capita una sola volta per ogni generazione di attrici. Sam Smith ritorna invece da un periodo di silenzio, e l'ha fatto con 4 concerti molto intimi…

2 min.
palm angels : francesco ragazzi e il suo stile tra l.a., milano e tokyo

«Palm Angels è essenzialmente una visione dietro cui si cela una persona in carne e ossa» e chi sta dietro questo progetto è Francesco Ragazzi, art director formatosi nella comunicazione, nonché fotografo con diploma di master conseguito presso la School of Visual Arts di New York. Milanese, Ragazzi ha iniziato a dedicarsi a Palm Angels nel 2011 come ricerca fotografica sulla cultura skater di Los Angeles. «Voglio creare un nuovo lifestyle e raggiungere l'utente senza filtri, devono essere i miei capi a parlare»: così il designer descrive la filosofia del suo brand, una visione concreta e votata a un pubblico che condivide la sua estetica. «Los Angeles ha l'atmosfera unica di una città che sembra sempre in vacanza, mi affascina la sua luce particolare, un aspetto che la rende ancora…

2 min.
contrasti cromatici e silhouettes slim: l’easywear di luca larenza

«Gianluigi è la perfetta incarnazione dell'uomo Luca Larenza, un uomo a cui piace viaggiare, affermato sul lavoro, appassionato d'arte e attento ai dettagli. Ci lega un forte rapporto d'amicizia. Gianluigi è la persona che interpello ogni volta che ho bisogno di consigli perché è un avvocato, un grande studioso di diritto e la sua esperienza in fatto di tutela dei marchi nel mondo della moda è stata di vitale importanza sin dal mio esordio». Così Luca Larenza descrive il rapporto unico che lo lega al professionista Gianluigi Passarelli, figura indispensabile del suo entourage che è da sempre al fianco dello stilista. L'arte è uno dei punti cardine dell'estetica del designer che nel passato è stato uno street artist e che continua a ispirarsi a questo mondo per le sue creazioni.…

3 min.
daniel harding prende il volo senza la sua orchestra

È uno dei più amati e celebri direttori d'orchestra: Daniel Harding, inglese classe 1975, ha esordito negli Anni 90 come assistente di Simon Rattle con la City of Birmingham Symphony Orchestra, e da allora non si è più fermato. Ha sempre voluto volare alto, ma non ci era ancora riuscito veramente fino a quando non ha ottenuto la licenza per pilotare aerei. Con cui ora gira il mondo, da una sala da concerto all'altra. Fino a Lucerna, dove il 10 settembre ha diretto la Vienna Philharmonic per festeggiare i 60 anni dal debutto della storica orchestra viennese al festival. «Sono sempre stato affascinato dal volo fin da bambino», ci racconta comodamente seduto in una saletta della Philharmonie di Parigi, in Boulevard Sérurier, «giocavo con il simulatore al computer e sognavo…

4 min.
in mozambico alla scoperta di un turismo intelligente e “alternativo”

Dopo trent’anni di guerra civile, oggi finalmente una stabilità politica. E gli investimenti decollano Da quando nel 1898 cedette all'attuale Maputo il suo ruolo di capitale della colonia portoghese, il tempo a Ilha de Moçambique sembra essersi magicamente fermato. Solo il vento e la salsedine, scrostando e sbiadendo gli intonaci delle facciate dei suoi sontuosi palazzi ormai diroccati, hanno trasformato l'isola nel corso di oltre un secolo di abbandono, conferendole una patina che la rende uno dei luoghi più fotogenici del Mozambico. Passeggiando in religioso silenzio tra le strade polverose di questo gioiello di architettura coloniale, miracolosamente sfuggito agli artigli del XX secolo, ci si ritrova a vagheggiare con la fantasia i contorni di quello che un tempo fu un nevralgico centro dei commerci con l'Oriente: un'affascinante città cosmopolita e multiconfessionale,…

2 min.
sydney e dintorni , tra resort di lusso e indirizzi gastro-chic

Non più solo paradiso per surfisti ed escursionisti. L'Australia, paese ospite dei World's 50 Best Restaurants 2017, esce da un colossale sforzo organizzativo con due nuovi assi nella manica: ristorazione e ospitalità, ai massimi livelli. E se Noosa, Tasmania e Mornington Peninsula sono le destinazioni per chi ha già provato il resto, è Sydney il luogo da cui partire, perfetto per buongustai e amanti della natura e del lusso easy. Noi abbiamo trascorso un weekend lungo in città e dintorni. Tra gli hotel oltre al Park Hyatt, affacciato sul Sydney Harbour, è da provare The Old Clare, nel vivace quartiere di Chippendale: qui si trovano anche Automata, dove Clayton Wells presenta la sua versione rarefatta di cucina dell'ingrediente, l'ottima panetteria Brickfields e la galleria d'arte cinese contemporanea White Rabbit. Si…