ZINIO logo
DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUE
Maison et Jardin
Marie Claire Maison Italia

Marie Claire Maison Italia Giugno 2017

Un giornale da abitare. Uno stile da vivere. MC Maison è il magazine internazionale che racconta le case come un riflesso dello spirito creativo delle persone che le vivono. Ma non solo.. E’ un universo “caldo” in cui convivono lifestyle, design e charme, raccontati con eleganza e semplicità.

Lire plus
Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
HMC IITALIA SRL
Fréquence:
Monthly
J'ACHÈTE CE NUMÉRO
3,04 €(TVA Incluse)
JE M'ABONNE
17,32 €(TVA Incluse)
10 Numéros

dans ce numéro

2 min.
la vita è proprio adesso

Tra le nuove abitudini adottate dalla sottoscritta, quella che sta sortendo gli effetti più inattesi risponde al nome di Mindfulness. Devo essere sincera: come tutti i trend spirituali troppo pubblicizzati, che ingenerano in me uno snobistico sospetto, era stata relegata inizialmente in un cassetto cerebrale contrassegnato dall’etichetta “Cose da provare (con scarsa convinzione) quando avrò un attimo libero (cioè mai)”. Poi una sera, reduce da una giornata ispirata – per i livelli di stress – al film cult di Martin Scorsese Fuori orario (1985), mi sono ritrovata in un anonimo centro yoga, circondata da volti sconosciuti (ma altrettanto stralunati) e ho sperimentato una pratica essenziale quanto potente, destinata a diventare un appuntamento irrinunciabile del mio quotidiano. Quello che viene richiesto è tecnicamente semplice (ma non facile) e consiste nel prestare attenzione…

3 min.
eventi

STARDUST I PIONIERI DEL MUTO E I MOSTRI SACRI CHE HANNO POPOLATO HOLLYWOOD. A ROMA SFILANO I DIVI DEL GRANDE SCHERMO MADE IN USA Un red carpet affollato dalle leggende del cinema muto, come Charlie Chaplin o Mary Pickford, e da interpreti eccezionali dei primi film sonori, tra i quali spiccano Marlene Dietrich (qui ritratta da Eugene Richee sul set di Marocco, 1930) e Clark Gable. Ma anche i giganti del Dopoguerra capitanati da Paul Newman, Marlon Brando e Marilyn Monroe. Le icone del cinema hollywoodiano sono sotto i riflettori di una mostra che attinge dai ricchi archivi della Fondazione John Kobal. Hollywood Icons. Palazzo delle Esposizioni, Roma. Dal 24/6 al 17/9. palazzoesposizioni.it PULSIONI OSCURE GREGORY CREWDSON: CATHEDRAL OF THE PINES The Photographers' Gallery, Londra. Dal 23/6 all'8/10 Soggetti sconsolati colti in azioni o pose…

1 min.
“me time” metropolitano

FORME, TEXTURE, COLORI. LE TENDENZE CHE RENDONO PIÙ AFFASCINANTE E PREZIOSA LA NOSTRA CASA…

2 min.
miss & mr fantasy

Si muovono con disinvoltura in un mondo fantastico, «dove tutto è possibile, perché dalla continua sperimentazione o attraverso tecniche spesso insolite si nutre quotidianamente la creatività». Emma Marga Blanche e Fredrik Färg parlano all'unisono. Coppia nel lavoro e nella vita, nel 2010 hanno fondato il loro studio a Stoccolma, nel quartiere bohémien di Södermalm. In un garage dall'anima ruvida, con annesso laboratorio e showroom, realizzano pezzi unici e produzioni per piccole gallerie. Ma nel ricco portfolio vantano anche collaborazioni con brand del calibro di Gärsnäs, Design House Stockholm, Petite Friture e BD Barcelona Design. Francese lei e svedese lui, amano sfidare i confini della progettazione e della realizzazione tecnica, come dimostra l'avveniristica Metal Stitching: poltroncina in metallo (con poggiapiedi) percorsa da punti passati con la macchina per cucire. IN PERFETTO SAMURAI MOOD,…

2 min.
a filo doppio

TEXTURE DALL’ANIMA RUVIDA E FORME PLASTICHE VESTONO LA CASA, AMBASCIATRICI DI UN CODICE ESTETICO INDUSTRIALE Come un Giano bifronte, Gabriel Hendifar e Jeremy Anderson sono i due volti di Apparatus, studio di design fondato quasi per caso nel 2011 a Manhattan. Partner nella vita e nel lavoro, hanno avviato l'attività ristrutturando il loro appartamento di New York. «In giro per showroom non trovavamo nulla in linea con il nostro gusto; così abbiamo iniziato a disegnare lampade e arredi, prodotti che io realizzavo a mano», racconta Jeremy. Con un passato nelle pubbliche relazioni e un'expertise nella lavorazione della ceramica, è lui quello pragmatico. A Gabriel spetta la parte creativa. «Ho studiato scenografia e costume all'Università della California e lavorato per anni nella moda. Mi diverte creare oggetti sorprendenti usando texture o materiali insoliti»,…

2 min.
murakami pop

RIFLETTORI PUNTATI SULLA CREATIVITÀ. PITTURA, SCULTURA E ARCHITETTURA, TRA NOMI CELEBRI E TALENTI DA SCOPRIRE ATMOSFERE PSICHEDELICHE E TINTE ACIDE. L’AUTORE ESORCIZZA COSÌ TENSIONI E PAURE DI UN MONDO ALLA DERIVA Una mostra-evento di dimensioni monumentali, tra opere di oltre trenta metri, dipinti giovanili mai esposti prima e tele inedite. Così il Museum of Contemporary Art di Chicago celebra Takashi Murakami, artista/ imprenditore che ha fatto dei manga superkitsch un brand esclusivo. Intitolata The Octopus Eats Its Own Leg, la retrospettiva (dal 6 giugno al 24 settembre) mette in scena tutto il suo universo. Così, fiori sorridenti sbocciano tra teschi colorati, funghi mutanti sgranano malinconiche pupille verdi e topi con denti aguzzi saltellano su nuvole radioattive. Alla base c'è una società irreale, senza gerarchia né spessore, in cui convivono perfettamente arte colta…