Quattroruote Ottobre 2021

Dal 1956 Quattroruote è la più amata, letta e autorevole rivista di automobilismo. Ogni mese news e anteprime dal mercato italiano e internazionale, inchieste, prove su strada e su pista, listino del nuovo e quotazioni dell'usato divenute riferimento per il mercato. Since 1956 Quattroruote has been  the most authoritative and appreciated car magazine in Italy. Every month it reports on car novelties, regulations, surveys, road tests and car-related economy. It is the true bible for car tests. Its quotations for second-hand and new cars are the benchmark for industry and consumers.

País:
Italy
Língua:
Italian
Editora:
Editoriale Domus Spa
Periodicidade:
Monthly
US$ 4,36
US$ 38,16
12 Edições

nesta edição

3 min
fronte elettrico cresce il dissenso

GLI AUMENTI DI ENERGIA E MATERIE PRIME MINANO LE BASI DELLA TRANSIZIONE Il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ci ha preso gusto nello scatenare polemiche. Prima ha rilasciato a Quattroruote un'intervista in cui affermava che «non possiamo morire d'inquinamento, ma neppure di disoccupazione», invocando un maggiore pragmatismo nel processo di decarbonizzazione imposto dall'Europa. Poi ha osato toccare uno dei tabù della società italiana, ovvero il nucleare: «Il mondo è pieno di ambientalisti radical chic e oltranzisti ideologici. Loro sono peggio della catastrofe climatica verso la quale andiamo sparati se non facciamo qualcosa di sensato. Sul nucleare, si stanno affacciando tecnologie di quarta generazione: se si verifica che i chili di rifiuto radioattivo sono pochissimi, la sicurezza elevata e il costo basso è da folli non considerare tale opzione». Pochi giorni…

1 min
a passo d'uomo lo smog cresce

Non si sa quale dei due "30" abbia fatto più rumore: se quello sulla maglia del più titolato calciatore del pianeta, acquistato dal Paris Saint-Germain, o il limite di velocità "ideologico" imposto sulle strade della Ville Lumière dal sindaco Anne Hidalgo «per contenere l'inquinamento». La stessa eco-teoria, sebbene priva di riscontro scientifico, sta per piovere anche su Milano, "gemellata" con Parigi nella crociata anti-auto: annunciando l'arrivo di autovelox per far rispettare i 30, il sindaco Sala ha già varato persino Zone 15 all'ora... Le carreggiate che nelle due città sono già state ridotte per far posto a corsie ciclabili ricavate con righe di vernice (pericolose e quindi poco utilizzate), le centinaia di monopattini senza targa e regole sguinzagliati nel traffico, il taglio continuo dei parcheggi e le modifiche stradali penalizzanti…

quattroit2110_article_009_01_01
3 min
una crisi che fa bene

Ripresa delle vendite affossata dalla crisi dei chip, prezzi delle materie prime alle stelle, investimenti miliardari per sostenere la transizione all'elettrico: sembrerebbe una tempesta perfetta, quella che si trovano ad affrontare i costruttori di automobili. Invece, le cifre uscite dai bilanci della prima metà dell'anno grondano utili come raramente s'è visto anche in tempi migliori di quelli attuali: tutti (o quasi) guadagnano soldi, a parte Jaguar Land Rover, classica eccezione che conferma la regola. E non parlo soltanto di quelli che vivono nel dorato mondo dei prodotti premium, che pure viaggiano a gonfie vele: tanto la BMW quanto la Mercedes, nel secondo trimestre 2021, hanno fatto margini a doppia cifra. LE CIFRE USCITE DAI BILANCI DELLA PRIMA METÀ DELL'ANNO GRONDANO UTILI... La sorpresa è che risultati altrettanto lusinghieri siano arrivati da gruppi…

quattroit2110_article_010_01_02
3 min
benzina rossa non trionfa più

Alla fine di agosto, l'ufficio Ambiente delle Nazioni Unite ha comunicato ufficialmente che le ultime pompe che distribuivano ancora la benzina con il piombo sono state chiuse. Erano in Algeria, un posto dove spesso ti puliscono il parabrezza con la nafta perché costa molto meno dell'acqua. Sono passati cent'anni dalla prima volta che la General Motors scoprì che il carburante con il piombo tetraetile rendeva più potenti i motori delle auto. Un secolo vissuto pericolosamente, perché quella benzina ha contaminato l'aria, la polvere, il suolo, l'acqua potabile e le colture alimentari, causando malattie cardiache, ictus e tumori vari. Secondo gli studi dell'Onu, il piombo era particolarmente pericoloso per i bambini perché danneggiava il loro cervello in via di sviluppo, limitando molto le capacità di apprendimento. Eppure per cinquant'anni e oltre la “super”…

quattroit2110_article_012_01_02
3 min
perché la tesla ora ha una rivale

Avrebbero fatto meglio a vendere almeno una macchina prima di organizzare un'ipo da miliardi di dollari». Con questo tweet piuttosto acido, Elon Musk ha commentato l'avanzamento dell'iter di quotazione della Rivian, che si prepara a sbarcare a Wall Street a inizio 2022. Mai prima d'ora il patron della Tesla aveva preso posizione sull'arrivo in Borsa di un potenziale rivale. A ragione, stando a quanto espresso sul listino dalle varie Nio, Fisker e Lucid, le quali non si sono mai allontanate troppo dalla capitalizzazione di partenza, peraltro già molto generosa. E allora perché nel caso della Rivian il Divino ha voluto esporsi, mal nascondendo un pizzico di nervosismo dietro una battuta sarcastica? Davvero la new entry può rappresentare una minaccia concreta al "monopolio" borsistico della Tesla nel settore dell'auto elettrica? In effetti,…

quattroit2110_article_014_01_02
3 min
il navigatore tra me e te

Non ringrazierò mai abbastanza l'ingegnere giapponese che, nel lontano 1981, mise a punto il primo, rudimentale sistema di navigazione montato sulle Honda, né tutti gli altri tecnici che ne hanno poi consentito la diffusione di massa con la modalità satellitare, a partire dal 1991, sulle lussuose versioni a marchio Eunos della Mazda. Ma anche Peter Frans Pauwels e gli altri tre inventori olandesi del TomTom, che all'inizio del nuovo millennio hanno reso portatile questo prezioso strumento, permettendoci di spostarlo da una macchina all'altra. Per non parlare degli sviluppatori di Google Maps o dell'app Waze, che trasformano i nostri smartphone in navigatori formidabili e sempre aggiornatissimi. Perché tanta gratitudine? Perché questi signori, con il loro ingegno, mi hanno evitato (ma sono sicura che succede anche a voi) infinite discussioni sul tragitto…

quattroit2110_article_016_01_02