EXPLORARBIBLIOTECA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Moda
Vogue ItaliaVogue Italia

Vogue Italia

Novembre 2019

Moda, beauty, cultura. E poi viaggi, design, architettura, cinema. E ancora personaggi, eventi, news e curiosità. Il mondo di VOGUE Italia. Internazionale ed esclusivo. E insieme a VOGUE Italia potrà apprezzare anche i suoi splendidi supplementi.

País:
Italy
Língua:
Italian
Editora:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Ler Maiskeyboard_arrow_down
ASSINATURA
US$21,31
12 Edições

NESTA EDIÇÃO

access_time6 minutos
vogue italia

Direttore Responsabile EMANUELE FARNETI Progetti Speciali Moda e Talents Vice Direttore SARA SOZZANI MAINO Brand Visual Director ALESSIA GLAVIANO Moda FRANCESCA RAGAZZI Fashion and Accessory Market Director ROBERTA PINNA Fashion Market Contributor CHIARA SPENNATO Fashion Market Contributor SILVIA PESCIA Accessory Market Contributor ALESSANDRO ROCCIA Fashion Assistant Contributor Fashion Editor at Large PATTI WILSON Casting Directors PIERGIORGIO DEL MORO SAMUEL ELLIS SCHEINMAN Bellezza SUSANNA MACCHIA Caporedattore VITTORIA FILIPPI GABARDI Photo CHIARA BARDELLI NONINO Photo Editor FRANCESCA MARANI Contributor Vogue.it FRANCESCA REBOLIWeb Editor SOFIA VIGANÒ Beauty Editor, Head of Beauty Desk ELENA BARA ELISA PERVINCA BELLINI GIORGIA GENOCCHIO FRANCESCA GIORGETTI Network Editor NICOLETTA SPOLINI ITALO PANTANO Contributor Special Project FABIO MESSANA Content Editor, Vogue Sharable SERENA CASTRIGNANO Talents Contributor MARIUS MADALIN MUSAT Contributor IVANA FERRARA Segreteria Segreteria Responsabile SILVANA SACCHETTI Segreteria di Direzione ANTONELLA AIRAGHI DAVIDE BUSSI Creative Director FERDINANDO VERDERI Attualità LELLA SCALIA Caporedattore BARBARA AMADASI ELISABETTA CAPROTTI FEDERICO CHIARA Art Consultant MARIUCCIA CASADIO Reparto Artistico LAURA MARINO Caporedattore COSTANZO COLOMBO REISER ROBERTA MASCIULLI JACOPO RIVA Special Projects MARIO BAZZONI Ferdinando Verderi Team BETTINA SORG Creative Managing Director JUSTIN…

access_time2 minutos
a vogue’s tale

La palazzina di fronte casa mia era stata occupata nel 1993 da un flusso di studenti e musicisti provenienti da tutta la Germania. Li guardavo dal balcone. Avevano iniziato con i piani superiori, scendendo fino all’Hochparterre con cortile dove avevano aperto un bar che serviva birra a mezzo marco. Le prime scritte erano arrivate allora. Le tag degli avventori si stratificavano come le foglie dei tigli sul marciapiedi in autunno. La facciata era già completamente ricoperta nel 2004, quando i vigili del fuoco chiusero il bar e il demanio trasferì la proprietà a una holding britannica che iniziò lo sfratto. Fecero togliere lo striscione di protesta perché danneggiava i cornicioni, così gli abitanti hanno coperto i graffiti con slogan di denuncia a grossi caratteri bianchi. Per tre anni l’ho vista ogni mattina. Nel…

access_time2 minutos
#ootd

Un ordre de passage, stringato e istantaneo, di outfit del giorno, dimenticabilmente indimenticabili come l’anglicismo inevitabile che li fissa nella viralità di un hashtag (outfit of the day, #ootd appunto), colti qui e lì per strada e organizzati in una sfilata di sole parole, perché la moda è ovunque, ed è di chiunque*. -L’ignaro passante, non più giovane ma energico e pimpante, indossa una camicia dal volume oversize. Per accentuare la vaporosità quadrettata e croccante del cotone inamidato, il classico modello button down, a maniche corte con tasca applicata, è infilato dentro ampi pantaloni a due pince di fresco di lana grigio, stretti dalla cinta d’ordinanza e portati à la façon ascellare, che si arrestano svolazzanti ben al di sopra del malleolo. Completano l’insieme stringate nere e un berretto finemente paillettato. -L’ignara…

access_time3 minutos
questa non è una fotografia di moda

Forse il nome di Jim Marshall, così tipicamente americano, non vi dirà granché, ma di sicuro avete visto le sue immagini. Il fotografo di San Francisco (1936-2010) ha scattato alcune tra le testimonianze più iconiche nella storia della musica, da Chuck Berry a Mick Jagger, passando per Jimi Hendrix, John Coltrane, Janis Joplin, Jim Morrison e i Beatles. Ha preso Lsd con i Grateful Dead, è andato in tour con i Rolling Stones per la rivista Life , ed era l’unico fotografo sul palco insieme a Johnny Cash quando ha suonato nel carcere di Folsom. Come fotografo “ufficiale” di Woodstock, durante i suoi tre giorni di pace, musica e pazzia non ha praticamente mai chiuso occhio, finendo per collassare dietro al palco per lo sfinimento (e chissà cos’altro) alla fine del…

access_time1 minutos
il muro, 1989/2019

A trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino, il mondo appare sempre più diviso da nuove barriere, politiche e sociali. E torna nelle piazze la protesta giovanile, per reclamare, come allora, un cambio radicale di paradigma economico e nuove prospettive. Per capire l’oggi, vale la pena tornare all’ombra del Muro per antonomasia e rievocare, attraverso la lente della creatività, lo spirito di radicale cambiamento di quegli anni. Cominciando dalla “Bohème di Prenzlauer Berg”, immortalata dai raffinati bianchi e neri di Sven Marquardt e Sybille Bergemann: un sottobosco di outsider e creativi, tra cui il collettivo di moda Allerleirauh, che seppero fare delle ristrettezze della vita nella grigia Berlino Est uno straordinario stimolo alla propria arte. E della celebrazione collettiva della propria diversità ed esuberanza creativa, un’elegante ed ironica forma di…

access_time4 minutos
la scintilla e l’incendio

Berlino Est, maggio 1988. Nella Haus der jungen Talente si consuma uno degli eventi più memorabili della scena underground della Ddr: la sfilata del collettivo estberlinese Allerleirauh. Protagonista assoluta di quel fumoso e affollato evento, ripetuto pochi mesi dopo a grande richiesta nella Gethsemanekirche, la pelle: totalmente reinventata, attraverso fantasiose e laboriose operazioni di taglia e cuci, e ibridata con strisce di materiale elastico, così da creare l’effetto straniante, e non scevro di sensualità, di un manto animale perfettamente aderente sul corpo delle modelle. Come inquietanti divinità telluriche emerse dalle cupe profondità di una foresta nordica, o da un dipinto di H.R. Giger, i loro capelli, impastati con l’argilla, erano acconciati in forme audaci e voluminose; a impreziosire il tutto, l’improbabile applicazione sugli abiti di rami, piume, e persino denti…

help