ENTDECKENBIBLIOTHEK
Männerzeitschriften
GQ Italia

GQ Italia Aprile 2020

LIVE. Il racconto del presente. MODE. Il radar dello stile. GQ ti suggerisce ogni mese dei look possibili con il suo inconfondibile gusto. AFTER HOURS. L 'album delle passioni maschili. Pagina dopo pagina, troverai tutto ciò che ti prende di più.

Land:
Italy
Sprache:
Italian
Verlag:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Erscheinungsweise:
Monthly
Mehr lesen
ABONNIEREN
CHF 10.35
10 Ausgaben

in dieser ausgabe

5 Min.
le conseguenze del costruire

Forse non è saggio dirlo così ma, se cercate un bravo architetto, be’, sinceratevi che sia un po’ schizofrenico. Una certa schizofrenia è infatti la condizione necessaria, ancorché non sufficiente, per produrre architettura di una certa qualità, per superare gli schematismi accademici e aprirsi a un’altra dimensione del tempo e della progettualità. Il rapporto che noi architetti abbiamo con lo scorrere degli anni, con lo zeitgeist e con le idee che lo permeano, è infatti contemporaneamente complesso e potenzialmente critico, anche per la riuscita delle nostre opere. Quando pensiamo a uno spazio, a cosa costruirci, a come trasformarlo, dobbiamo da un lato essere aperti alle suggestioni, alle istanze sociali, ai gusti personali e collettivi, persino alle mode: dobbiamo essere osmotici col contesto. Eppure, nello stesso istante, dobbiamo anche saperci chiudere,…

2 Min.
gli elisir di lunga vita

La paura dell’uomo di invecchiare e il conseguente ossessivo tentativo di mostrarsi per sempre giovani. L’illusione di bloccare un naturale processo degenerativo e il senso di impotenza nel rendersi conto che, per quanto valga la pena di essere affrontato, si tratta di uno scontro impari. Da mesi pensavamo di costruire un numero di GQ, ricco di sguardi laterali, intorno alla fascinazione maschile per l’espressione: anti-aging. Il presidente della Triennale di Milano, Stefano Boeri, ha scritto per noi dell’aspirazione all’eternità di una città e dei luoghi che la compongono. Partendo dall’idea che per produrre architettura di qualità sia utile una certa schizofrenia, che diventa fertilizzante per aprirsi a un’altra dimensione del tempo e della progettualità, superando gli schematismi. Con Pierre-Alexis Dumas, direttore creativo di Hermès, abbiamo ragionato di come la ricerca…

1 Min.
le firme di questo mese

VASCO ROSSI Il Komandante e The King of Cool: ecco come ci si innamora di Steve McQueen e si finisce a scrivere una canzone come Voglio una vita spericolata (PAG. 182) STEFANO BOERI Architetto, urbanista, presidente della Triennale di Milano: nel Prologo il suo ragionamento su come progettare le città destinate a durare in eterno (PAG. 11) UMBERTO GALIMBERTI «Questo è l’istante in cui la biologia esprime leggermente la sua rivolta»: il pensiero di un filosofo, sociologo, antropologo culturale e psicanalista (PAG. 32) CHRISTOPHE MEIMOON È un vero collezionista di facce: ritrattista per il cinema e la musica e fotografo di moda, per GQ ha unito la passione di Marracash a una super sneaker (PAG. 128)…

4 Min.
la formula della giovinezza

Da ragazzino non sognava di diventare calciatore, né astronauta. Le sue passioni erano i documentari sugli animali, Superquark, Piero Angela e rispetto al suo futuro non aveva dubbi: da grande avrebbe fatto lo scienziato. Che poi Ennio Tasciotti, nato 42 anni fa a Latina, non abbia realizzato esattamente l’obiettivo di partenza è un dettaglio: «Invece di documentare con una telecamera la vita degli animali, ho iniziato a registrare al microscopio quella delle cellule». Dopo la laurea in Biologia molecolare alla Scuola Normale Superiore di Pisa, e la specializzazione in medicina molecolare all’ICGEB di Trieste, si è trasferito negli USA per dedicarsi alla nanomedicina. È rimasto per 15 anni in Texas, diventando professore di Medicina rigenerativa e dirigendo il Centro di Medicina Biomimetica, da lui fondato nel 2015 presso il Methodist Hospital…

4 Min.
mai smettere di stupirsi

L’innovazione è qualcosa di modesto, silenzioso, appartato. L’innovazione è un’altra possibilità. È deragliare verso il cambiamento, è realizzare con passione qualcosa che valorizzi la capacità tattile dell’uomo, è esplorare lo spazio tra il pensare e il realizzare, è risolvere un problema rimanendo curiosi. Chi l’avrebbe mai detto che a ben sezionare i significati dell’innovazione si sarebbe scoperto un mondo di sfumature lessicali, che raccontano idee così complesse e articolate? Ci siamo ricreduti accettando un invito particolare. Un appuntamento a Governors Island, nel cuore della baia di New York, al Lower Manhattan Cultural Council’s Arts Center, per ragionare su cosa si celi davvero dietro il concetto di innovazione. È questo il tema che Hermès ha scelto per il suo annuale think tank, che ha portato in cattedra il filosofo François Jullien,…

6 Min.
uomo e biologia, a che punto siamo

Il cambiamento imposto dal coronavirus sembra una sofferenza difficile da sopportare, anche se l’umanità ha superato di molto peggio. Succede perché ci troviamo nella condizione in cui tutta la nostra modernità, la tutela tecnologica, la globalizzazione, il mercato, insomma tutto ciò di cui andiamo vantandoci, ciò che in sintesi chiamiamo progresso, si trova improvvisamente a che fare con la semplicità dell’esistenza umana. Siamo di fronte all’inaspettato: pensavamo di controllare tutto e invece non controlliamo nulla nell’istante in cui la biologia esprime leggermente la sua rivolta. Dico leggermente, perché questo è solo uno dei primi eventi biologici che denunceranno, da qui in avanti, gli eccessi della nostra globalizzazione. Se questo è il quadro, c’è forse un’incapacità di evolverci, come esseri umani? Il Cristianesimo ha diffuso in Occidente un ottimismo che ci ha…