ZINIO Logo
ENTDECKENBIBLIOTHEK
Wissenschaft
Mistero Magazine

Mistero Magazine

Gennaio 2021

Nato dal successo della storica trasmissione di Italia 1, Mistero Magazine ti svela l’altra faccia della realtà, spingendosi laddove le altre riviste non osano. Una porta di accesso a tanti mondi paralleli, esplorati senza pregiudizi e convenzioni, dove si mettono in discussione le certezze e ci si confronta con l’inspiegabile.

Mehr lesen
Land:
Italy
Sprache:
Italian
Verlag:
RTI spa
Erscheinungsweise:
Monthly
ABONNIEREN
CHF 25.96
12 Ausgaben

in dieser ausgabe

2 Min.
covid & cospirazioni

Ben ritrovati, cari lettori, con il primo numero dell’anno! La storia di copertina non può che essere dedicata a un argomento che continua a essere al centro delle nostre vite, chissà ancora per quanto: la pandemia da Covid-19, intorno alla quale si moltiplicano le fake news e i punti di vista “altri”, spesso vicini all’incredibile. Umberto Visani fa il punto sulle teorie cospirazioniste che ci accompagnano da ben prima di questa terribile emergenza (vedi alla voce: Torri Gemelle). Una nuova avventura per la coppia Claudia Meinero e Cristian Valinotti, come sempre instancabilmente a caccia di fantasmi. Questo mese i nostri ghostbusters si sono spinti sulle colline pistoiesi, per un’incursione al cardiopalma in un sito che è tutto un programma: «il padiglione dei soldati fucilati». Narra la leggenda che, prima di…

2 Min.
l’aldilà virtuale

team Italian Ghost Hunters League L’articolo che state per leggere non riguarderà fatti storici o vicende legate a luoghi in cui presunte entità spiritiche si manifesterebbero, ma tratterà di un particolare esperimento di ricongiungimento post mortem. In questi mesi, forse a causa del particolare periodo che stiamo vivendo, sia personalmente che tramite segnalazioni al mio gruppo, ho riscontrato testimonianze di persone che sostengono di ricevere messaggi da un proprio defunto o che vogliono entrare in contatto con lui. Soprattutto per il contatto ho cercato di dissuadere gli interessati dal ricorrere a metodi “alternativi”, consigliando loro un lavoro su sé stessi preferibilmente con l’aiuto di un professionista qualificato. La volontà di poter ritornare a vedere e interagire con i propri cari dopo la loro dipartita è presente nell’uomo da sempre. Questa tematica è…

2 Min.
rapito dagli alieni?

scrittore, ufologo, appassionato di controinformazione «Mi hanno rapito gli alieni, insieme a loro ho visto anche Robbie Williams». Russ Kellett, cinquantasettenne di Bradford, in Inghilterra, è venuto alla ribalta della cronaca con questa stupefacente affermazione. Era alla guida della sua moto in una strada nelle vicinanze di un luogo dall’evocativo nome di Druid’s Altar quando, oltrepassata una galleria, all’improvviso si ritrovò su una sedia con la sensazione di un corpo estraneo in gola, mentre gli veniva praticata un’iniezione alla base del collo. «Avevo un terrore assurdo, mi sono ritrovato lì da un momento all’altro, in una stanza. Poi mi hanno fatto alzare, ho indossato un’uniforme e stavo in fila domandandomi dove fossi finito. Mi sono guardato intorno e ho visto che c’era qualcuno accanto a me. L’ho riconosciuto e gli ho…

2 Min.
otto colpi per un delitto

redattore ed esperto di noir Chiavari, 6 maggio 1996, ore 9. È un lunedì. Oltre la porta dell’ufficio situato all’interno 5 del caseggiato di Via Marsala numero 14 giace in un lago di sangue, agonizzante, la segretaria di uno studio commercialista. Il suo nome è Nada Cella, 24 anni, nubile. Il cranio è fracassato, il collo spezzato. Il suo datore di lavoro, Marco Soracco, si imbatte per primo nella donna moribonda e telefona subito al pronto soccorso. Vengono chiamate anche la madre di Soracco, Marisa Bacchioni, e la zia, residenti nello stesso stabile al piano superiore. Il trasporto in barella, i tentativi di rianimazione e l’operazione chirurgica d’urgenza non servono a salvarle la vita. Nada spira alle ore 14 e 10 all’ospedale San Martino di Genova. Quella che a prima vista…

2 Min.
e se la terra smettesse di ruotare?

La Terra sta rallentando in modo progressivo la velocità di rotazione, ovvero quel moto che compie attorno al proprio asse, (impiegando 23 ore, 56 minuti e 4 secondi per un giro completo), a una velocità pari a 1668 chilometri orari all’Equatore, perché ai poli è pari a 0 chilometri orari. La sua forma può essere avvicinata a una sfera, quindi le velocità sono angolari e dipendono dalla latitudine. Anche se noi abbiamo la percezione che il nostro pianeta sia immobile, non è così. Non ne percepiamo l’effetto perché, secondo il principio d’inerzia, ciascun corpo perdura nel proprio stato, che sia di quiete o di moto rettilineo uniforme, fin quando non intervengono forze che ne mutano lo stato stesso. Se questo moto, che accompagna l’uomo da miliardi di anni, cessasse improvvisamente? Noi,…

15 Min.
il grande complotto

«Il Grande Complotto, si può esserne (quasi) certi, non esiste; non c’è alcuna Tavola (né rotonda, né di altre forme geometriche) attorno alla quale seggano Superiori Sconosciuti. Ma disegni e programmi formulati per seguire interessi particolari di lobbies e di corporations da personaggi e da gruppi che contano al di fuori e al di sopra della legalità interna e internazionale: questi sì, ce ne sono parecchi; per quanto si cerchi in tutti i modi a livello di mass media di non farne trapelare esistenza ed attività» (Franco Cardini) Franco Cardini, uno dei massimi storici non solo italiani ma mondiali, inquadra con queste parole il discorso “complottismo”, in un modo che non potrebbe essere più preciso e puntuale. Infatti, questa frase racchiude perfettamente il fulcro della questione, vale a dire l’inesistenza di un…