UDFORSKBIBLIOTEK
Mode
Marie Claire Italia

Marie Claire Italia Luglio 2019

Quando l'eleganza è di moda. Una delle più qualificate riviste internazionali. Moda da sogno, shopping irrinunciabile, bellezza e benessere. Approfondimenti di attualità e interviste esclusive. Marie Claire da oltre 25 anni racconta le donne e le loro passioni con uno stile unico e inconfondibile

Land:
Italy
Sprog:
Italian
Udgiver:
HMC IITALIA SRL
Frekvens:
Monthly
Læs mere
KØB UDGIVELSE
26,74 kr.(Inkl. moms)
ABONNER
134,25 kr.(Inkl. moms)
12 Udgivelser

i denne udgave

2 min.
editoriale

Mi piace quando un fiore o un piccolo ciuffo d’erba crescono attraverso una fessura nel cemento. È così fottutamente eroico. George Carlin Parliamo per iperboli, è vero, ma gli eroi esistono e in questo numero di mezza estate ve ne presentiamo parecchi. Sono stata a San Francisco e ho trascorso qualche giorno con le finaliste dei Cartier Women’s Initiative Awards: imprenditrici di tutto il mondo che grazie al talento, a un’idea geniale e soprattutto al coraggio di non mollare mai, hanno avviato start-up che hanno un impatto sociale nei luoghi dove vivono e sono entrate a far parte di un network di donne capaci davvero di cambiare le cose. Per me è stata un’esperienza entusiasmante e formativa: quanta forza gentile, quanta determinazione. Ma anche quanta voglia di farcela nonostante tutto: lo…

1 min.
scriviamoci

IL PUDORE DEI RICORDI Bello l’articolo sul senso del pudore nel numero di giugno, mi ha regalato uno scambio di confidenze con mia figlia. Come le due autrici, ci siamo raccontate i nostri ricordi al mare. E lei mi ha rammentato la tenerezza di un rituale che avevamo io e lei, quand’era bambina: lasciavamo gli altri in spiaggia e andavamo a fare il bagno dietro uno scoglio, togliendoci il costume. Che emozione, grazie. Annalisa Cara Annalisa, ti ringraziamo di aver condiviso questo ricordo: il senso del pudore è di nuovo oggetto di discussione. Come dicono le autrici dell’articolo, se una volta nel mostrarsi nudi c’era un desiderio di libertà, oggi forse c’è più narcisismo da social network. Accumulare leggings e vivere felici Ho 14 paia di leggings, sono il mio capo preferito. Ho scoperto…

2 min.
mc progetti

marie claire Bodytelling Il 20 giugno, allo Spazio Teatro No’ Hma di Milano, Marie Claire premierà le tre opere vincitrici del progetto Bodytelling. Un percorso che, dallo scorso gennaio, ha coinvolto gli studenti di 20 Università e Accademie in Italia. La sfida: raccontare il corpo della donna con gli strumenti della loro formazione (video, servizi fotografici, articoli, racconti, layout editoriali, web doc). Tra i 150 lavori arrivati ne sono stati selezionati 20, ora all’esame di una giuria di professionisti. E intanto abbiamo centrato due obiettivi: creare un osservatorio sulla generazione Z e dare visibilità ai nuovi talenti. i finalisti ATMAN Anahita Noori Accademia di Brera - Milano OLTRE IL FILO ROSSO Yasmine Utama Fiorini Accademia del Lusso - Milano COLOR Ana Gabriela Teran e Yara Ghaouch Domus Academy - Milano AUTOEROTISMO E TABÙ Cristina Sinelli IED - Milano RICORDI D’INFANZIA Sabina Candusso Istituto Italiano di Fotografia -…

3 min.
le donne pensano di poterti cambiare. non lasciano mai perdere. anche questo è amore

Michele Neri vive a Milano (dove è nato nel 1959). Giornalista e scrittore, ha diretto l’agenzia fotografica Grazia Neri. Ha tre figli da due donne. Con Nicola, il maggiore, ha scritto Scazzi (Mondadori), che la dice lunga sul loro rapporto. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo romanzo, Sospensione (Centauria). Ho cambiato auto, è sabato e mi appresto alla prima gita con compagna e figlia. È un classico, mi sento come mio padre o mio nonno. Ci accomodiamo nel caratteristico profumo di nuovo, metto in moto e getto il portaocchiali sotto il bracciolo. La compagna l’afferra al volo per infilarlo in una cavità sotto il cruscotto che non avrei mai notato. È il suo posto. Obietto. Andava bene dov’era. Alza la voce manco l’avessi insultata. Qui potrebbero cadere. Obietto meno convinto,…

3 min.
che dici, partiamo? e torniamo a essere compagni di viaggio, non soltanto genitori

Chiara Gamberale nasce a Roma nel 1977, dove vive. È scrittrice, autrice radio e tv. Ha una figlia, Vita, nata nel novembre 2017. Tradotta in 16 Paesi, ogni suo libro è un best seller. È appena uscito il suo nuovo romanzo L’isola dell’abbandono (Feltrinelli). Sai? Se dovessi spiegare chi siamo a uno sconosciuto, gli farei vedere una foto di quell’alba che abbiamo visto spuntare a Gerusalemme. Quella, sì. Poi gli farei chiudere gli occhi e gli racconterei: il rumore delle cascate in Islanda, la montagna rosso pazzo che improvvisa spunta nel deserto australiano, i profumi di spezie e il canto del muezzin nelle città del Marocco, i villaggi sulla riva del Gange, il silenzio irreale dei templi giapponesi, le brughiere viola spazzate dal vento sulle coste d’Irlanda… Eravamo nati come compagni…

3 min.
una nuova serie, un gol: viva la vita fino all’ultimo secondo

Non mollare mai, è questo il modo giusto di prendere la vita, lo so. Però ogni tanto le certezze vacillano. I pensieri bui della notte, un brutto inciampo, le paturnie. E adesso? Adesso, cioè un mese fa, le stelle che aiutano a orientarsi sono tornate a brillare. Mio figlio, che ha 25 anni e vive a Roma, è di passaggio a Milano. E io, per il puro piacere di stargli appiccicata almeno un po’, mi metto a guardare con lui Ajax-Tottenham in tv. Già la sera prima il Liverpool aveva ribaltato il Barcellona, e per le rimonte (e la mia gioia) pensavo potesse bastare. E ora sono ancora qui, che via via mi entusiasmo e comincio a tifare Tottenham. Perché i suoi giocatori sono più belli, più allegri, più tutto.…