ZINIOlogo
UDFORSKBIBLIOTEK
Mode
Marie Claire Italia

Marie Claire Italia Ottobre 2020

Quando l'eleganza è di moda. Una delle più qualificate riviste internazionali. Moda da sogno, shopping irrinunciabile, bellezza e benessere. Approfondimenti di attualità e interviste esclusive. Marie Claire da oltre 25 anni racconta le donne e le loro passioni con uno stile unico e inconfondibile

Læs mere
Land:
Italy
Sprog:
Italian
Udgiver:
HMC IITALIA SRL
Frekvens:
Monthly
KØB UDGIVELSE
26,69 kr.(Inkl. moms)
ABONNER
134,03 kr.(Inkl. moms)
12 Udgivelser

i denne udgave

2 min.
editoriale

In tempi di crisi i saggi costruiscono ponti, mentre gli stupidi innalzano barriere. Black Panther Punto e a capo. Facciamo finta che questo mese inizi un nuovo anno, come quando andavamo a scuola, e auguriamoci che possa riprendere serenamente. Non mi dimentico che l’ospite indesiderato del 2020 gironzola ancora tra noi. Ha minato i nostri polmoni, le nostre vite, il nostro lavoro, l’intero sistema. Proteggiamoci, ma concediamoci un respiro diverso. Da dove iniziare? Per esempio dalla semplicità. Ne scrive Michele Neri, e nelle sue riflessioni semplificare è inteso, più che come una rinuncia ai beni, come un abbandono delle opinioni consolidate. Come il ristabilire una nozione di tempo che parta da noi. Le ricerche ci dicono che oggi c’è desiderio di generosità, onestà, relazioni stabili. Buonismo? Paura? Utopia? No, credo piuttosto…

1 min.
quanto amiamo il made in italy

Dirette di stile Sfilate dal vivo e incontri digitali da condividere: dal 22 al 28 settembre la Milano Fashion Week ritorna con le collezioni Primavera/Estate 2021. Su marieclaire.it/moda il punto di vista critico di Antonio Mancinelli, che commenta quotidianamente protagonisti, stili, presentazioni virtuali e non. Per ripartire e sostenere la moda italiana. Il gusto raccontato Viaggiando nelle regioni italiane, abbiamo riscoperto sapori memorabili. Su marieclaire.it/lifestyle continueremo a esplorare le leggende della tavola e gli artigiani della bontà. Come il bacio pantesco, la torta caprese, le tagliatelle romagnole: invenzioni che sono patrimoni nazionali e famigliari. Da tramandare, e assaggiare!…

3 min.
scriviamoci

diversamente migliori Mi ha molto colpito la testimonianza di Vanessa Riding Bonami. Mi ha ricordato un periodo della mia infanzia. Quando sono arrivata in Italia dall’Iran all’età di 11 anni, ho dovuto frequentare una scuola privata perché i miei studi internazionali non erano equiparati. Nonostante parlassi tre lingue perfettamente, ho dovuto imparare a leggere e a scrivere l’italiano, cosa che mi ha creato notevoli problemi di integrazione. Ero spesso esclusa e mi sentivo diversa. È vero che il razzismo può toccare tutti, al di là della classe sociale e dall’istruzione. Ero bianca, ma ero straniera. Sally GENTILE SALLY, OGNI VOLTA CHE QUALCUNO MI DICE: «MA È DIVERSO» (CHE SI PARLI DI PERSONE, OBIETTIVI, PUNTI DI VISTA), DENTRO DI ME UNA VOCE RISPONDE SEMPRE: «QUINDI, MIGLIORE». UN’EVENTUALITÀ IN GENERE NON CONTEMPLATA, COME SE…

3 min.
chissà se l’abbiamo scelto da bambine di crescere per diventare lei o l’altra

Gentile Lei, mi dispiace disturbarLa proprio di domenica, l’unico giorno in cui, ogni settimana di questi ultimi cinque anni, può avere creduto che io non esistessi - perfino io, sa, oramai di domenica lo credo: credo di non esistere. E anche per questo Le scrivo, mentre La immagino impastare la torta di mandorle che tanto piace al Suo Eugenio, e lui guarda la partita e presto troverà una scusa per scendere in garage e telefonare. Ma non a me, oggi pomeriggio: è proprio questa la grande notizia che sono felice di darLe. Telefonerà all’Altra Ancora, certo. Ma all’Altra no, non telefonerà. Dovesse anche provarci, stanotte ho bloccato il suo numero e non potrà più avere nessun modo per entrare in contatto con me. Come si sente, Lei che è sempre…

3 min.
ogni casa ha le sue regole che attraversano le generazioni come gioielli. o maledizioni

Colazionata. L’ho detto. Appena sveglia mia figlia ormai undicenne aveva impugnato il suo smartphone ricevuto da poco, io ho gridato: e la prima regola?! Niente telefonino finché non sei lavata, vestita e colazionata! Il giorno in cui avevo abbandonato l’idea di una figlia senza protesi digitali, avevo accompagnato il regalo con le istruzioni. Mi sentivo un capitano rassegnato a perdere e che dava raccomandazioni per opporsi al futuro. Di fronte alla prima sconfitta, la frustrazione è esplosa con quel termine indegno. Le regole costituiscono l’ossatura famigliare e attraversano generazioni come gioielli o maledizioni. Incontri una persona e vedi l’intelaiatura di norme che l’ha cresciuta. Sarà perché nel 2020 non hanno fatto altro che diffondere regole di comportamento, ma ho cominciato a interrogarmi sulle mie. Sono venute a trovarmi dall’infanzia e da…

3 min.
liberi, anarchici, vulnerabili: evviva l’età dell’innocenza di vecchi e bambini

Li vedo arrivare da lontano e via via che si avvicinano li metto a fuoco. Poi ci incrociamo, loro continuano per la loro strada, e io rimango lì imbambolata manco avessi visto gli extraterrestri uscire dalla navicella alla fine di Incontri ravvicinati del terzo tipo. I miei marziani sono un bel signore anziano e un bambino sui tre anni che vicini vicini se la raccontano, ridono, scherzano, e sembrano i padroni del mondo. Dietro di loro, a spingere una carrozzella e un passeggino perfettamente allineati, due giovani intenti anche loro a dirsi cose che sembrano metterli di splendido umore. Sono nonno e nipote, quel bambino e quel vecchio? Chi lo sa, quel che è sicuro è che sono indimenticabili. Sono l’immagine più vivida di qualcosa che sai da sempre ma…