EXPLORARMI BIBLIOTECAREVISTAS
CATEGORÍAS
DESTACADOS
EXPLORARMI BIBLIOTECA
 / Cultura y Literatura
Focus StoriaFocus Storia

Focus Storia Agosto 2019

La rivista interamente dedicata alle vicende, ai personaggi, alle curiosità che hanno caratterizzato i secoli passati. Ogni mese un numero speciale da conservare, con i grandi temi approfonditi alla maniera di Focus, per entrare nella Storia in modo diverso e avvincente.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Mondadori Scienza S.p.A.
Leer Más
COMPRAR NÚMERO
4,65 €(IVA inc.)
SUSCRIBIRSE
32,56 €(IVA inc.)
12 Números

EN ESTE NÚMERO

1 min.
editorial

Rodrigo Borgia aveva grandi appetiti terreni, i mezzi per soddisfarli e pochi scrupoli. Così, anche se era il papa (dal 1492, come Alessandro VI), si ritrovò con una famiglia numerosa da sistemare. Sognava in grande: per (e con) i suoi figli voleva fondare una casata principesca al pari di quelle che all’epoca dominavano l’Italia. Intrighi, alleanze, matrimoni, corruzione e assassini (spesso per mano del figlio Cesare) resero il clan spagnolo potente e temuto. Poi il papa morì e i suoi figli uscirono di scena. Eppure i Borgia ebbero comunque il loro posto nella Storia. In quella scritta dai nemici, che alimentarono fin da subito la leggenda nera che ancora oggi avvolge il loro nome. E in quella degli ultimi anni che, al netto di bugie e pregiudizi, sta contestualizzando e…

1 min.
problema araldico

Vorrei rintracciare una nobile famiglia francese a partire da alcuni simboli. Il primo è uno scudo diviso in quattro sezioni, due delle quali sono gialle (o bianche) e le altre due rosse. Il secondo consiste in una serie di sagome a forma di campanella gialle (o bianche) su campo rosso. Il terzo e ultimo stemma che vi descrivo, invece, contiene le lettere “M” e “A” sovrapposte l’una sull’altra sotto una corona con alcuni gigli di Francia. Probabilmente quest’ultimo simbolo indica le iniziali di un illustre membro di questa famiglia. Qualcuno riuscirebbe a dirmi, a partire da questi indizi, di che famiglia si tratta?…

5 min.
la pagina dei lettori

I mille volti di Addis Abeba Ho letto l’interessante articolo su Menelik II (sopra) pubblicato su Focus Storia n° 151. Per quanto concerne lo spostamento della capitale ad Addis Abeba, ho letto un volume illustrato intitolato Abuna Messias, stampato in occasione del bicentenario della nascita del cardinale Guglielmo Massaia dall’associazione Frà G. Massaia. Il libro riporta che Menelik volle che Abuna Messias (così veniva chiamato Massaia) fondasse una missione nella propria residenza di Fekerie Ghemb per poterlo avere vicino; poi Abuna Messias, con il missionario Taurino Cahagne, fondò una missione a Finfinnì, che era la residenza estiva della regina Taitù. Finfinnì divenne in seguito la capitale con il nuovo nome di Addis Abeba. Franco Accomazzo Il “nostro” ponte Leggendo l’articolo pubblicato su Focus Storia n° 151 sulla difficile costruzione, a fine Ottocento, del Ponte…

1 min.
la voce della storia i nostri podcast

Cosimo I de’ Medici, duca di Firenze e poi di Siena, granduca di Toscana, nacque a Firenze, 500 anni fa, il 12 giugno 1519, da Giovanni, detto delle Bande Nere, discendente da un ramo cadetto della famiglia Medici, e da Maria Salviati, discendente per via materna dal ramo principale di quel casato e nipote di Leone X. A raccontarci sulla “Voce della Storia” le vicende di questo personaggio è il grande storico medievalista Franco Cardini. Nei nostri podcast, infatti, esperti e scrittori ci aiutano a interpretare i temi di attualità. Per essere sempre coerenti con lo slogan di Focus Storia: scoprire il passato, capire il presente. Sempre all’ascolto. Le nostre interviste e approfondimenti si possono ascoltare dal sito www.focus. it/storia/podcast ma anche su Spotify (bit.ly/ VoceDellaStoria ). Ogni mese la redazione vi porterà…

2 min.
la lettera rubata

Sul mercato antiquario può capitare di imbattersi in qualche oggetto rubato, ma la lettera scovata di recente ha una storia lunga: risale al 1780 ed era scomparsa da più di 70 anni. La missiva (sopra) fu scritta durante la Guerra d’indipendenza americana contro la madrepatria inglese (1775-1783) da Alexander Hamilton, uno dei padri fondatori degli Stati Uniti; era indirizzata al Marchese di La Fayette, alleato degli americani, e contiene informazioni sugli spostamenti delle truppe inglesi. Conservata negli archivi del Massachusetts, fu trafugata da un impiegato tra il 1937 e il 1945. Ladro seriale. L’uomo, arrestato per furto nel 1950, rubava documenti d’archivio per poi rivenderli. Tra i beni sottratti c’erano anche delle lettere del presidente degli Usa George Washington e dell’inventore e patriota Benjamin Franklin. Negli Anni ’40 del Novecento la…

1 min.
erode la prima pietra

Fu Erode il Grande (73-4 a.C.) a erigere le gigantesche fondamenta del Tempio di Giove a Baalbek, in Libano. A risolvere la questione è stato Giulio Magli, docente di Archeoastronomia al Politecnico di Milano. Mentre le 12 enormi colonne (oggi ne restano 6) risalgono sicuramente al 60 d.C., in epoca romana, la datazione del basamento e del muro circostante è oggetto di controversie da tempo. La risposta? Nelle stelle. L’enorme costruzione ha fondamenta massicce, costituite da blocchi di pietra da 500 tonnellate alla base, su cui posano ancora più imponenti parallelepipedi di 4x4x20 metri, del peso di 1.000 tonnellate. Blocchi simili sono stati trovati pure in una vicina cava. Magli ha notato che il tempio è orientato in direzione del punto in cui sorgono le Pleiadi, che nel mondo greco-ellenistico –…