EXPLORARMI BIBLIOTECA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Cultura y Literatura
Focus StoriaFocus Storia

Focus Storia Settembre 2019

La rivista interamente dedicata alle vicende, ai personaggi, alle curiosità che hanno caratterizzato i secoli passati. Ogni mese un numero speciale da conservare, con i grandi temi approfonditi alla maniera di Focus, per entrare nella Storia in modo diverso e avvincente.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Mondadori Scienza S.p.A.
Leer Máskeyboard_arrow_down
COMPRAR NÚMERO
4,65 €(IVA inc.)
SUSCRIBIRSE
32,56 €(IVA inc.)
12 Números

EN ESTE NÚMERO

access_time1 min.
editorial

C’è mistero e mistero. Quello destinato, prima o poi, a sbrogliarsi; e quello che per sua natura difficilmente troverà mai una soluzione. Abbiamo dedicato questo numero agli enigmi che ancora oggi tengono in scacco archeologi, storici e avventurieri. A cominciare dall’Arca dell’Alleanza, la famosa Arca perduta e ritrovata, solo cinematograficamente, da Indiana Jones. Ammesso che sia esistita davvero, dov’è ora? E i tesori “mappati”nel Rotolo di rame trovato in una grotta a Qumran (Cisgiordania), perché non sono ancora venuti alla luce? Passando dagli indecifrabili messaggi del manoscritto di Voynich alle meraviglie ancora da svelare attorno all’esercito di terracotta, fino alle tombe di grandi protagonisti del passato perse nei secoli, i rompicapo storici senza soluzione sono davvero tantissimi. Ne abbiamo scelti 10, uno più affascinante dell’altro. E ve li spieghiamo seguendo…

access_time1 min.
1937 l'asse roma - berlino

Dal 24 al 30 settembre 1937 Benito Mussolini lasciò volupta Roma per quidelici andare officie in Germania ndanditatum in visita ufficiale. quatios Dopo Monaco apisquodit ed Essen et unt , il 27 moluptatur , i due leader partirono apeditis , su treni re, separati comnis , apernatem alla volta di dolores Berlino, dove tutto porere era pronto sequi (o nonsed quasi) per militatur ricevere ? in pompa Imil incimagnimus magna il dittatore autet italiano mos ium . est, A parte omnihil i ritocchi iquiandest dell’ultimo , qui minuto ut as eostioremos (nella foto), l’ingresso aut nella capitale pore, solupta fu un trionfo quiandis : due explandes milioni di et berlinesi ratissi taquam schierati qre su 15 km rero di doluptae percorso acclamarono volo conse senzasosta il duce.…

access_time4 min.
la pagina dei lettori

Se non puoi batterli… Riguardo al numero di Focus Storia n° 153, dedicato a Cleopatra, volevo precisare che il lavoro diplomatico svolto dalla regina non fu di certo più spregiudicato o arrivista rispetto a molti altri comportamenti di personaggi della stessa epoca, di epoche precedenti e future. Un esempio su tutti si ritrova in Filippo II di Macedonia che per “puntellare”i confini della Macedonia attuò una serie di matrimoni con varie principesse dei regni limitrofi alla sua Macedonia. Cleopatra lavorò nello stesso modo. In un periodo in cui l’uomo più potente di Roma aveva già conquistato la Gallia e stava puntando a Oriente, la regina d’Egitto per salvaguardare la sua patria decise di giocare l’ultima carta che aveva a disposizione: se stessa! Pur disponendo di un’ottima flotta l’Egitto avrebbe capitolato di…

access_time1 min.
la voce della storia i nostri podcast

Lo scorso 3 luglio, al Salerno War Cemetery di Montecorvino Pugliano si è svolta la cerimonia di sepoltura dei resti di due soldati britannici, rinvenuti nel 2017 sulle colline di Giovi dai volontari dell’associazione “Salerno 1943”. Le indagini per dare loro un nome sono ancora in corso, ma non sarà cosa facile: durante la Seconda guerra mondiale i militari inglesi indossavano infatti un piastrino di riconoscimento in cuoio che, nel terreno, con gli anni si decompone. I due militari avevano partecipato allo sbarco a Salerno, in Campania. Di che cosa si trattava? Col nome in codice Operazione Avalanche, lo sbarco ebbe inizio alle ore 3:50 del 9 settembre 1943, poche ore dopo che Pietro Badoglio aveva informato il popolo italiano, via radio, dell’armistizio con gli Alleati anglo-americani. Il nostro Paese…

access_time1 min.
da facebook

Un gioiello da scoprire Luni, colonia romana e importante porto, risalente al 177 a.C., è un gioiello urbanistico che risplende del marmo bianco estratto dalle vicine Alpi Apuane. Fin dall’antichità venne celebrata per la sua bellezza da svariati autori latini e dal “sommo poeta” Dante Alighieri... Inoltre si dice che i Vichinghi, una volta arrivati in città, l’avessero persino scambiata per Roma, tale era il candore e la bellezza del marmo che ne adornava gli opulenti edifici. E nell’anno 860, i guerrieri provenienti dal Nord non si lasciarono sfuggire l’occasione di saccheggiarla. Vorrei segnalare ai lettori di Focus Storia che oggi è possibile visitare il Museo archeologico nazionale e i relativi scavi dell’antica città di Luni, nell’omonimo comune, in provincia di La Spezia. Alberto Corda Campagna di Russia Scrivo in qualità di presidente dell’Associazione…

access_time1 min.
luigi ix, altro che peste

Anche i libri di storia possono sbagliare. Vi si leggeva che il re di Francia Luigi IX (chiamato san Luigi, in quanto venne canonizzato) fosse morto di peste nel 1270 a 56 anni. Oggi un nuovo studio condotto dal paleoantropologo Philippe Charlier, esperto nell’analisi dei resti umani di personaggi storici, racconta però una storia diversa: Luigi IX morì a causa dello scorbuto, una malattia provocata dalla carenza di vitamina C. Approfondimenti. Secondo le fonti, il re spirò sotto le mura di Tunisi durante l’Ottava crociata, a causa di una non meglio precisata malattia. Gli storici pensarono si trattasse della peste, all’epoca assai comune. Charlier ha però esaminato allo scanner e al carbonio 14 la mandibola di Luigi IX, conservata in un reliquiario nella cattedrale di Notre-Dame di Parigi: ha così scoperto…

help