menu
close
search
EXPLORARMI BIBLIOTECAREVISTAS
CATEGORÍAS
DESTACADOS
EXPLORARMI BIBLIOTECA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Estilo de Vida Masculino
L'Officiel Hommes ItaliaL'Officiel Hommes Italia

L'Officiel Hommes Italia 16

Launched in 2009 by Les Editions Jalou, L'Officiel Hommes Italia is the biannual reference among international men fashion magazines worldwide. Thanks to its creative team, it introduces to its readers a brand new vision of men's fashion. Lanciato nel 2009 da Les Editions Jalou, L'Officiel Hommes Italia rappresenta il punto di riferimento tra i magazines mashchili internazionali dedicati all'universo fashion & luxury. Grazie al lavoro del team creativo, L'Officiel Hommes Italia offre ai suoi lettori una nuova visione contemporanea della moda mashchile e del lusso.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Les Editions Jalou
Leer Máskeyboard_arrow_down
COMPRAR NÚMERO
3,34 €(IVA inc.)
SUSCRIBIRSE
6,72 €(IVA inc.)
2 Números

EN ESTE NÚMERO

access_time2 min.
editoriale

Il completo monopetto, la giacca doppiopetto, la cravatta, i gemelli, il papillon e tutto il corredo della classica eleganza maschile sono considerati, da un certo tipo di pubblico, come una vetusta armatura portata dagli avi, baluardo di un potere sorpassato, che va sovvertito a colpi di trasgressioni estetiche. Il risultato di queste reazioni è però spesso insensato e al limite del ridicolo, con l’unico effetto di innescare una risata, anziché una rivoluzione. L’altra frangia, invece, quella contrapposta alla fazione sovversiva, lo considera come l’unico modo di abbigliarsi senza possibilità di divagazioni o alternative. Una rigidità pari alla corazza tanto contestata dagli oppositori iconoclasti. Però come sempre, e nella moda di oggi soprattutto, la verità sta nel mezzo. Non in una ordinaria, noiosa e ripetitiva via, una comfort zone che uccide…

access_time2 min.
l'alternativa al tradizionale

Chissà cosa direbbe Gae Aulenti osservando il suo studio di Piazza San Marco adattato a spazio di una Maison d’alta sartoria come quello firmato MP Massimo Piombo. Probabilmente apprezzerebbe il tatto con il quale lo stilista ha deciso di non rivoluzionare i duecentocinquanta metri quadrati disposti su tre piani che hanno assistito all’evoluzione della storia dell’architettura italiana. Una location in cui si intrecciano arti differenti, ma allo stesso tempo simbiotiche. «Arte, architettura, natura rappresentano per me una sequenza di desideri, sogni, ossessioni che danno origine e forma alla concezione di stile e moda», afferma Massimo Piombo. Il creativo si dedica da sempre alla scoperta di trame e tessuti durante i suoi numerosi viaggi. «Cappotti, giacche e maglieria sono dedicati al pubblico del futuro, utilizzando materiali e colori che “pesco” dal…

access_time2 min.
ritorno all' isola

«Vogliamo lasciare una traccia. E dare un contributo a una terra che ha bisogno, in primis, di rientro di know-how». Si presentano così Ivano Atzori e Kyre Chenven, menti e anime di Pretziada, in una luminosa pasticceria di Santadi. Il paese, nel Sulcis della Sardegna è il luogo che hanno scelto per far crescere il loro progetto. Nato nel 2015 come un portale di storytelling col quale proporre al mondo la loro percezione della Sardegna, lo scorso giugno Pretziada è diventato anche un e-shop dove è possibile acquistare le rivisitazioni di alcuni oggetti simbolo delle tradizioni dell’isola, pensate e create insieme ad artisti e designer da tutto il mondo. Artista e writer di origini sarde lui, set designer e manager californiana lei, con un forte attaccamento alla Sardegna. «Avevamo entrambi…

access_time1 min.
il minimalismo di cos

COS lancia una capsule collection ispirata al lavoro della pittrice statunitense Agnes Martin, in occasione della retrospettiva a lei dedicata al Salomon R. Guggenheim di New York. La capsule collection sarà disponibile in selezionate boutiques COS di tutto il mondo (a Milano, in Corso Venezia) a partire dal 7 ottobre, giorno di inaugurazione della mostra al Guggenheim, che sarà visitabile fino all’11 gennaio. Il marchio svedese di abbigliamento è anche main sponsor della mostra: «il lavoro di Agnes Martin è sempre stato fonte di ispirazione per il nostro team», afferma il direttore creativo di COS Karin Gustafsson. «Ogni pezzo di questa collezione, nella delicatezza dei colori e nella purezza delle forme, rimanda alle sue opere ». A metà tra il minimalismo e l’espressionismo astratto, Agnes Martin è stata una delle…

access_time2 min.
la prima f irmata ackermann

Il debutto è previsto per gennaio 2017, con la collezione autunno-inverno 2017-2018 che sarà presentata durante la settimana della moda maschile di Parigi. Il nuovo uomo di Berluti firmato da Haider Ackermann, nominato direttore creativo della Maison a inizi settembre 2016, ripartirà da lì. Pochi mesi per imprimere a uno stile affinato in cinque anni nell’abbigliamento (ma con una storia di oltre un secolo nelle calzature) un segno forte, ma non per un designer come Ackermann che, con la sua linea donna nata nel 2003 (l’uomo risale al 2013), ha subito mostrato la consistenza del vero stilista, rendendo identificabile come proprio un corollario di stilemi quale il drappeggio fluido, i volumi, i tagli asimmetrici. 45 anni, nato a Bogotà, in Colombia, ha vissuto con la famiglia in diversi paesi africani…

access_time2 min.
elogio alla lentezza

Anche la scrittura può essere considerata un ornamento. La calligrafia è una tradizione millenaria che non si è persa con il tempo. Anzi, rivive attraverso la sapienza di calligrafi, come sir Paul Antonio, esperto in arte araldica e studioso dell'arte geroglifica (sua la parete di geroglifici egiziani per il prestigioso Metropolitan Museum di New York). Una tendenza in contrasto con la velocità dei giorni nostri, un elogio alla lentezza, “al tempo giusto che serve a non dimenticare chi siamo”, come nella favola di Sepùlveda (“La storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza”). Un approccio rivoluzionario, rispetto alla frenesia dei tempi. E Persol riscopre e incentiva questa controtendenza attraverso il saper fare di Paul Antonio, calligrafo ufficiale del Royal office di Londra, che scrive ancora oggi per la Regina…

help