EXPLORARMI BIBLIOTECA
Estilo de Vida Masculino
L'Officiel Hommes Italia

L'Officiel Hommes Italia 20

Launched in 2009 by Les Editions Jalou, L'Officiel Hommes Italia is the biannual reference among international men fashion magazines worldwide. Thanks to its creative team, it introduces to its readers a brand new vision of men's fashion. Lanciato nel 2009 da Les Editions Jalou, L'Officiel Hommes Italia rappresenta il punto di riferimento tra i magazines mashchili internazionali dedicati all'universo fashion & luxury. Grazie al lavoro del team creativo, L'Officiel Hommes Italia offre ai suoi lettori una nuova visione contemporanea della moda mashchile e del lusso.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Les Editions Jalou
Periodicidad:
Biannually
Leer Más
ESPECIAL: Risparmia il 40% sul tuo abbonamento con il codice: DIGITAL40
COMPRAR NÚMERO
2,87 €(IVA inc.)
SUSCRIBIRSE
5,77 €(IVA inc.)
2 Números

en este número

2 min.
editoriale

Questo editoriale era diverso fino a poco fa. Proprio mentre scrivo, accade l’ennesima strage in Florida. Un diciannovenne ha ucciso 17 persone e causato decine di feriti (bilancio non definitivo perché al momento sono ancora in atto i soccorsi), irrompendo con un fucile d’assalto semi-automatico Ar-15 nella Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, circa 70 km a nord di Miami, la sua ex scuola. Un ragazzo in possesso di un fucile da guerra. Ho subito cercato informazioni sull’arma e ho scoperto che da questo fucile la Colt, proprietaria del modello, ha poi realizzato il modello M16, che fu il fucile d’ordinanza delle forze armate statunitensi per un certo periodo. Onestamente è sconvolgente e ogni volta che sento e leggo di queste stragi annunciate mi colpisce il fatto di come…

1 min.
manifesti programmatici, pour parler

Il troppo stroppia e nausea. L’abbondanza d’ogni cosa, a getto continuo, ottunde i pensieri zavorrando ogni slancio. A costo di suonar giurassici - ma la vulgata non glorifica poi l’anacronismo come sale della modernità? - si stava meglio quando si stava peggio. Ovvero, quando i denari scarseggiavano. La miseria pungola, sferza e stimola, ecco tutto. Costringe a darsi di verso. E allora ben venga un po’ di volontaria frugalità, di privazione consapevole, di forzato pauperismo. È un esercizio duro e plumbeo, ma aver meno costringe a far di più e meglio. Solo le pezze al culo ci possono salvare dal qualunquismo rintontito che avanza. Spirito e apparenza di certo ne giovano. O no?…

2 min.
suv e-pace, sensualità felina

Questa è una storia d’amore con un finale ancora da scrivere. L’avevo già incrociata in un salone. Non nego che ad attirare la mia attenzione era stata la sua sensualità. È successo anche a Milano. Stavo uscendo dalla metro di Porta Venezia, e l’ho intravista da dietro. Davanti a me, un signore molto anziano si è girato e le ha strizzato l’occhiolino. A gennaio, infine, mi chiama un’amica già a conoscenza della mia cotta: «Ti andrebbe di passare due giorni con lei? L’aria del mare, una terrazza un po’ appartata e la luce del tramonto sulle strade tortuose della costa. Vieni in Corsica con noi». Al mio arrivo, lei era lì ad aspettarci all’aeroporto di Figari. Era di bianco vestita. All’inizio certo c’è stato un po’ d’imbarazzo. Più da parte…

2 min.
un omaggio a milano

Rivede la luce, dopo oltre un anno di lavori, lo spazio storico Dsquared2 di via Verri, nel quadrilatero della moda milanese. La boutique, che ospita le collezioni uomo, donna, kids e accessori, riapre i battenti proprio nel luogo che ha accolto fin dal principio la Maison fondata dal duo creativo canadese Dean e Dan Caten. Sviluppandosi su 450mq, il nuovo flagship store rivoluziona il gusto del passato e incarna un continuo dialogo con la città che lo ospita: Milano. Dialogo che diventa omaggio, in un susseguirsi di reference colte e iconiche ma mai nostalgiche. Un elogio ragionato e appassionato all’estetica domestica di certi atri della borghesia meneghina, al buongusto modernista, all’ottimismo consapevole del design italiano. E non è un semplice restyling, è un nuovo concept progettato dallo studio milanese Storage…

2 min.
da record

Uno dei ricordi più vividi della mia adolescenza è l’Elf Master Star Karting a Parigi Bercy, gara di kart fra stelle della Formula 1 a cui assistetti dal vivo all’età di 16 anni. C’era Ayrton Senna, ma feci una foto con Prost, di cui ancora ricordo la tuta della Williams. E Prost vinse. Ebbene, grazie a Richard Mille, a 25 anni di distanza ho avuto l’opportunità di incontrare di nuovo il quattro volte campione del mondo di Formula 1 e di salire su di una Renault RS 01 con lui, dalla pista Paul Ricard. Ma l’occasione usciva dal circuito mentale in cui siamo abituati a immaginare il francese, perché veniva presentato un segnatempo sì progettato in collaborazione con il Professore e di impostazione racing, ma pensato per il ciclismo. Ciò…

2 min.
sportivo con stile

Il dinamismo dello sportswear e la raffinatezza impeccabile della couture: due mondi solo apparentemente lontani si fondono nella sfilata Valentino Uomo primavera-estate 2018 dando vita a una collezione ricca di sorprese. Un’unione che definisce un vero e proprio cambio di prospettiva da parte del creative director, Pierpaolo Piccioli, a partire dalla rivisitazione del logo Valentino che viene “abbreviato” in VLTN, simbolo più diretto, contemporaneo e dinamico di quello anni 80 e 90, eppure immediatamente riconoscibile, e fil rouge che percorre l’intera collezione come elemento decorativo. Stampato o intarsiato sui capi, il nuovo logo impreziosisce i look ma anche gli accessori (tote, zaini, marsupi), trasformandoli in sportswear raffinato. Il logo è presente su knitwear, felpe o caban in cashmere, stampato a grandi lettere e in colori a contrasto sulle T-shirt, sul…