DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUE
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Art et Architecture
AD ItaliaAD Italia

AD Italia Novembre 2018

È la rivista delle case più belle del mondo: ogni mese AD propone una panoramica dettagliata delle tendenze e delle innovazioni più originali nel campo dell’arredamento, del design, dell’architettura e dell’arte

Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Lire pluskeyboard_arrow_down
J'ACHÈTE CE NUMÉRO
4,89 €(TVA Incluse)
JE M'ABONNE
19,62 €(TVA Incluse)
11 Numéros

DANS CE NUMÉRO

access_time2 min.
editoriale.

numero speciale, numero da collezione quello che AD propone ai lettori questo mese. 300 PAGINE che sintetizzano un anno, il 2018, di creatività italiana attraverso l’illustrazione delle “cose” che più hanno colpito la redazione e me. Oltre 130 HIGHLIGHTS che spaziano tra prodotti di design e per la casa, tra progettisti e architetture, tra aziende, mostre, film, personaggi, invenzioni, eventi, manifestazione del bien vivre e del lifestyle ossia ristoranti, chef, hotel ma pure auto, yacht e financo biciclette (d’acqua, però!). Ognuno raccontato per notazioni svelte, quasi impressionistiche cercando di spiegare LE RAGIONI per cui li abbiamo preferiti alle altre, tantissime, espressioni del genio italico incontrate quest’anno. Selezionati in base a ragione e sentimento, non a una seriosa griglia scientifica, i nostri highlights tracciano, nel loro insieme e nelle loro differenze,…

access_time1 min.
open mind

MOZIONE D’INTENTI Da effimere a permanenti. Ci sono casi in cui artefatti temporanei realizzati per grandi eventi meriterebbero, stante la loro bellezza, di diventare permanenti. È il caso, a mio avviso, del Padiglione del Vaticano alla Biennale Architettura a Venezia (vedi a pag. 114). L’OPINIONE Mediocrità nemmeno aurea. A costo di sembrare anacronistico, non posso tacere l’idea che mi sono fatto del mondo di oggi: l’abuso di smartphone ci sta trascinando in un gorgo di ipermediocrità favorita da algoritmi su cui non abbiamo più controllo. La copertina. Totem di Cleto Munari, poltroncina Ella di Jacopo Foggini (Edra) e tavolo Tulip (Knoll) per arredare la terrazza di una casa di Napoli prospiciente Castel dell'Ovo: dove la storia incontra il design.…

access_time2 min.
in questo numero.

GIUSEPPE BOVE Architetto dal 1991 con studio a Napoli, si occupa di spazi residenziali e alberghieri, di showroom e industria. Le sue scelte progettuali per definire nuovi spazi tendono, in linea generale, a “eliminare” piuttosto che ad “aggiungere”. La Napoli barocca più sorprendente? «Palazzo Donn’Anna a Posillipo, costruito dal Fanzago alla fine del XV secolo su un edificio già esistente e rimasto incompiuto per la morte della proprietaria. Ha mantenuto nei secoli il fascino di una rovina corrosa dal vento e dal mare». PIERRE-YVES ROCHON Diplomato all’École Supérieure de Beaux-Arts et Arts Appliqués a Tolosa, nel 1979 ha fondato PYR Design, specializzata nella progettazione di interni per l’ospitalità di lusso e residenziale. La sua architettura preferita a Roma? «La Fontana di Trevi, tanto più incredibile perché è il retro di un palazzo. La sua composizione…

access_time1 min.
1 movimento liquido

Si “inforca” come un surf, si muove pedalando come una bici. È il prototipo di Swimmy, brevetto di Gianfranco Rossi, inventore e titolare di decine di brevetti industriali, nato osservando le macchine acquatiche di Leonardo da Vinci esposte al Palazzo della Cancelleria di Roma nel 2010: un mezzo a pedali, ergonomico con cui “camminare” nell’acqua, in completa sintonia con il mare. La genesi è veloce: il primo schizzo è dello stesso anno, firmato dal designer Mario Vernacchia, l’ingegnere che in passato ha diretto la divisione Transportation Design della Pininfarina. Segue un primo prototipo, e a stretto giro altri due, in cui viene ottimizzato il sistema propulsivo con eliche disegnate ad hoc e la tavola di galleggiamento ad alta scorrevolezza. La versione finale, depositata con brevetto internazionale nel 2014, è un natante…

access_time1 min.
2 roma e i nuovi mecenati

1 Un luogo dedicato alla creatività a tutto tondo: il MAXXI non è soltanto un museo, perché offre sempre percorsi inaspettati, workshop, mostre. Bellissimo. 2. Per la “rinascita” della città il mecenatismo contemporaneo è un valore fondamentale. Grazie al suo intervento l’Arco di Giano ha acquisito un’illuminazione permanente firmata da Vittorio e Francesca Storaro. 3. Nonostante lo scollamento fra il centro e le periferie, Roma resta una città unica, che dovrebbe essere protetta. Per me il simbolo della bellezza assoluta è piazza di Spagna con la Barcaccia del Bernini. 4. Concentrare sforzi e attenzione per dare senso e speranza alla città, valorizzandone i beni culturali: sono rinati così, grazie a investimenti privati, la Fontana di Trevi e il Colosseo . WHO’S WHO Simona Agnes presiede la Fondazione intestata a suo padre Biagio, che incoraggia e…

access_time1 min.
3 la forma e l’essenza

Al centro il dettaglio, come nelle foto di moda di cui Giovanni Gastel è protagonista indiscusso. Dettaglio dei complementi Edra nella nuova campagna dedicata a Standard, On The Rocks, Pack, Essential e Stand By Me, fotografati da Gastel in bianco e nero, per comunicare con forza i valori dell’azienda e dei prodotti della collezione, con le loro caratteristiche di morbidezza e comfort (con l’invenzione tecnologica del “cuscino intelligente”): le sedute geometriche del divano On The Rocks, con schienali mobili che creano diverse configurazioni, l’“orso” peloso che funge da appoggio per il divano Pack, gli schienali modellabili del letto Stand By Me, per citarne tre. Lo sfondo neutro che il fotografo ha scelto ribadisce l’importanza del prodotto e la sua versatilità: ognuno dei cinque prodotti fondamentali ritratto entra con naturalezza in ogni…

help