ZINIO logo
DÉCOUVRIRBIBLIOTHÈQUE
Art et Architecture
AD Italia

AD Italia Ottobre 2019

È la rivista delle case più belle del mondo: ogni mese AD propone una panoramica dettagliata delle tendenze e delle innovazioni più originali nel campo dell’arredamento, del design, dell’architettura e dell’arte

Lire plus
Pays:
Italy
Langue:
Italian
Éditeur:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Fréquence:
Monthly
J'ACHÈTE CE NUMÉRO
4,89 €(TVA Incluse)
JE M'ABONNE
19,62 €(TVA Incluse)
11 Numéros

dans ce numéro

2 min.
editoriale.

A nnotava la scrittrice e teologa Adriana Zarri, protagonista di tante battaglie di cultura durante la seconda metà del ’900: AUTUNNO «è tempo di chiudere le finestre e riscoprire la casa… Autunno di silenzio ritrovato, di concentrazione densa, di solitudine calda, di meditazione». Le case che visitiamo in questo numero di AD respirano le stesse struggenti e insieme rilassanti atmosfere, ma vi aggiungono una MISURA ARTISTICA e vitalistica che scaturisce da una ricca e colorata popolazione di quadri e sculture come pure dalla varietà bene impaginata degli arredi. A Milano la dimora di una dinastia dolciaria è stata riformulata da due giovani interior designer mostrando come il genius loci possa essere attualizzato senza perder il contatto con le origini. Una villa ottocentesca sospesa sul Mar Ligure rivisitata dal designer Andrea…

1 min.
open mind

PROVE DI SOSTENIBILITÀ Mobilità al futuro Come ci sposteremo domani per non inquinare? Su quale sistema di motorizzazione puntare? Il motore elettrico e quello a idrogeno producono zero emissioni, ma soffrono l’uno di problemi di smaltimento, l’altro di stoccaggio del carburante. Che la soluzione, almeno a livello urbano, stia nei mezzi individuali come il longboard elettrico (sopra, l’italico Linky)? L’OPINIONE Cattive abitudini Nuovo governo, vecchi vizi. Tra i tanti: torna il Ministero dei Beni e Attività Culturali che accorpa anche la funzione Turismo. Come se il turismo, elemento nodale della nostra economia, non necesitasse invece di un ministero a sé in grado di promuovere il Paese a 360°. La copertina Nella foto: la piscina e il suo peristilio del resort Masseria Torre Maizza in Puglia.…

2 min.
in questo numero.

CHIARA DAL CANTO Ama tutto ciò che è visivo, il cinema, la fotografia, l’arte. Ama le storie raccontate dagli altri nei libri e nei film. Così nel suo lavoro (da Interni a Grazia, da Casa Vogue a D La Repubblica) ha mescolato le due cose. Cercando di unire immagini e testo, fotografie e parole. Una casa-museo? «A breve aprirà l’abitazione torinese dell’artista Carol Rama. Donna originalissima e trasgressiva, visse per 70 anni nella dimora di via Napione che è stata custode del suo lavoro e testimone delle sue frequentazioni con artisti e intellettuali dell’epoca. Una casa leggendaria, ritratta molte volte». NATHALIE E VIRGINIE DROULERS Laureata una in Architettura al Politecnico di Milano (Nathalie) e l’altra in Design grafico alla Parsons School of Design di New York (Virginie) le sorelle Droulers hanno fondato insieme, nel…

3 min.
ispirazioni incrociate

Una casa, due anime. Il Marocco è nelle fotografie, nei colori, nei tappeti; l’Europa negli arredi vintage – il tavolo da pranzo anni ’70 disegnato da Willy Rizzo – e nei pezzi di design contemporaneo – le poltrone di velluto blu di Jasper Conran in salotto. La casa londinese di Yalda Alaoui è un crocevia di Paesi, storie, suggestioni: «Amo circondarmi di oggetti che rievocano il mio passato e i miei luoghi d’origine, Iran e Marocco, ma anche i viaggi, gli amici e le persone che ho incontrato», racconta l’imprenditrice. Un passato nel mondo della finanza, Alaoui, dopo che le sono state diagnosticate due malattie autoimmuni, ha fondato la piattaforma online Eat Burn Sleep per offrire consigli su salute e nutrizione a persone con problemi simili. Nato come un blog,…

1 min.
col divin tubero

Nel maggio scorso Virgilio Martínez è stato fermato dalla polizia dell’aeroporto di Los Angeles. Agli agenti che gli chiedevano come giustificasse la presenza nel suo bagaglio di quaranta piranha sigillati in buste, ha risposto: «Sono flesh and blood, la carne e il sangue, del mio Paese», mostrando le foto del piatto che avrebbe cucinato quale chef peruviano di punta al LA Food Festival. Dieci anni fa, giovane cuoco affascinato dal nuovo concetto di “cucina locale”, ha capito di essere circondato dal nuovo oro incaico: gli straordinari prodotti di una terra che contiene ventun zone climatiche diverse, dalla Cordigliera andina alla foresta pluviale, al Rio delle Amazzoni. 2.500 varietà di patate, 50 tipi di mais, radici, erbe, tuberi, bacche sconosciute, pesci di fiume altrove scomparsi. Ha mollato tutto e, un po’…

2 min.
il valore aggiunto

«QUESTI PEZZI PARLANO DELLA NOSTRA RELAZIONE CON LE TRADIZIONI. COSA POSSIAMO PRENDERE DAL PASSATO PER PORTARLO NEL FUTURO». JOANA VASCONCELOS Nei suoi lavori, spesso monumentali, Joana Vasconcelos usa oggetti comuni: pentole, telefoni, asciugacapelli. Ma anche centrini, tubi di gomma, perline da ricamo. Come quelli che utilizza nei pezzi di queste pagine, nati dalla collaborazione con Roche Bobois. Un progetto arrivato per caso: un giorno l’artista, cercando una lampada per il suo ufficio, è entrata nel loro showroom di Lisbona. Lì ha scoperto che il divano Mah Jong, uno dei loro best seller, era del 1971. Come lei. Perché non fare qualcosa insieme? Nicolas Roche, direttore delle collezioni dell’azienda, ha accettato subito. «È nato un progetto semplice, ed è questa la sua forza», racconta. Vasconcelos ha dotato i moduli del divano di…