EXPLOREMY LIBRARY
Science
Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine

Novembre 2020

Il noto divulgatore Roberto Giacobbo, presentatore dell’omonima trasmissione in onda sulle reti Mediaset, ci conduce in un viaggio alla scoperta delle meraviglie della natura e della storia, oltre il confine della conoscenza. Una lettura all’ultimo respiro, con tanti fatti nuovi, approfondimenti e immagini spettacolari.

Country:
Italy
Language:
Italian
Publisher:
RTI spa
Frequency:
Monthly
Read More
SPECIAL: LA NOSTRA SELEZIONE DI QUESTO MESE!
BUY ISSUE
₹ 207.04
SUBSCRIBE
₹ 2,072.98
12 Issues

in this issue

7 min.
freedom news

MEDICINA UN ATLANTE DEL CORPO UMANO Per capire meglio come i milioni di cellule che compongono il corpo umano comunicano e interagiscano tra loro, un gruppo di ricercatori ha avuto l’idea di realizzare una specie di Google Maps del corpo umano. Come ha spiegato Jonathan Silverstein, dell’Università di Pittsburgh, ben 18 team di ricercatori stanno lavorando a quello che è stato chiamato Atlas Human BioMolecular (HuBMAP), una mappa completa del corpo umano che i medici potranno consultare e utilizzare per monitorare lo sviluppo delle malattie, nonché per tenere sotto controllo il corpo dei propri pazienti. CLIMA PIANETA TERRA SEMPRE PIÙ ESTREMO Una équipe di studiosi coordinati da Thomas Westerhold, dell’Università di Brema in Germania, ha calcolato che le temperature del nostro pianeta potrebbero raggiungere livelli mai toccati addirittura negli ultimi 50 milioni di anni. Secondo…

7 min.
al centro del covid

«A salvarmi la vita sono state quattro cose: l’ossimetro, che mi ha fatto capire che l’ossigenazione del sangue stava calando e che la mia non era una febbre da laringite; il mio amico cardiochirurgo Massimo Massetti, che per telefono ha capito dalla mia voce che ero in pericolo e mi ha spinto a correre al pronto soccorso; il primario della rianimazione Massimo Antonelli, che con competenza e freddezza ha deciso di non intubarmi e mi ha curato con ogni mezzo fino alla guarigione e infine, ma non meno importante, la schiera di giovani sanitari che si è presa cura di me senza risparmio nei 42 giorni di questa battaglia. Il mio grazie va a tutti loro.» Il Covid ha colpito tutta la famiglia di Roberto Giacobbo, la moglie e le tre…

10 min.
napoli sorprendente crypta neapolitana e piscina mirabilis

«A ciascuno è destinato il suo giorno. Breve e inesorabile è per tutti il tempo della vita, ma la virtù per mezzo delle azioni può prolungarla con la fama.»Publio Virgilio Marone La Crypta Neapolitana è davvero una testimonianza fantastica del passato. Si tratta di una galleria che da tempo immemore congiunge, o meglio congiungeva, il quartiere Piedigrotta con un altro quartiere posto dall’altra parte della collina di Posillipo, Fuorigrotta. Ed è proprio la Crypta Neapolitana la “grotta” che ha dato origine al nome di questi due famosi rioni di Napoli. La cosa interessante è che la galleria intercetta un condotto che porta, dopo ben 27 km, a uno dei siti archeologici più incredibili che si possano mai visitare: la Piscina Mirabilis, una delle più grandi cisterne al mondo costruita dall’Impero romano, una…

10 min.
le linee di nazca i disegni di una tela gigantesca

Il 9 marzo 2020 è la data che tutti gli italiani ricorderanno per molto, molto tempo. È il giorno del lockdown. Le misure restrittive imposte, impediranno alle persone di uscire di casa se non per motivi strettamente necessari che tutti noi conosciamo bene. Anche la squadra di Freedom si ferma. I progetti per i viaggi futuri vengono congelati, le idee sui copioni delle nuove puntate si bloccano nelle teste degli autori, i sogni di immagini spettacolari restano negli occhi del regista. Per la prima volta, Freedom è costretto dentro il confine. Ma c’era un viaggio che Roberto Giacobbo desiderava proporre al suo team. Tornare in Perù, dopo oltre dieci anni dall’ultima volta con Voyager e intraprenderlo con la innovativa tecnologia a disposizione, con permessi speciali unici, con nuove immagini e…

3 min.
attento omar! il tormentone di freedom

Sui social spuntano di continuo post che dicono “trova un uomo che ti tratti come Roberto tratta Omar”, tanto che in molti vorrebbero saperne di più. Ma chi è l’uomo che con la sua telecamera rappresenta l’occhio del pubblico? Romano di padre siriano, Omar ha iniziato giovanissimo a lavorare con camera, luci e obiettivi ed oggi è uno dei pochissimi capaci di fare avventura con ottiche cinematografiche. Il suo è un lavoro molto delicato che richiede tecnica, delicatezza e forza, visto che la sua telecamera pesa oltre 17 chili. Portarla a spalla lungo discese vorticose o ripide salite, scale a chiocciola strette o cunicoli impervi non è una cosa da tutti. Anzi, ad oggi diremmo che è l’unico a saperlo fare senza perdere mai l’inquadratura perfetta su Roberto Giacobbo, che possiamo definire il…