ESPLORALA MIA LIBRERIA
Arte e Architettura
Domus

Domus Maggio 2019

Since 1928 Domus is a reference for architects, industry professionals, designers and students as well as a precious tool for work, for staying abreast with the news and for deepening knowlwdge. Completely bilingual (English and Italian), Domus is international in form, content and distribution.

Paese:
Italy
Lingua:
English
Editore:
Editoriale Domus Spa
Frequenza:
Interrupted
Leggi di più
COMPRA NUMERO
5,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
42,99 €(VAT inclusa)
11 Numeri

in questo numero

6 minuti
passiamo all’azione!

Action! In questo numero troverete molti prodotti presentati al Salone del Mobile di Milano, un evento che è da sempre la colonna portante e la vetrina del design internazionale. Qui, ogni anno, il settore del design si mette in mostra nell’interminabile serie di stand della Fiera di Milano. In contemporanea, in tutta la città, prodotti innovativi e opere artistiche di ogni genere sono esibiti in una girandola di eventi collaterali. Due anni fa sono stato ambasciatore della Dutch Design Week di Eindhoven, un evento incentrato sulla sperimentazione. Per il numero di aprile di Domusabbiamo incontrato Claudio Luti, presidente del Salone. Questo mese parliamo invece con Martijn Paulen, direttore della Dutch Design Foundation, della sua visione dell’evento e dei prodotti per la città del futuro. In queste pagine i nostri lettori troveranno una…

12 minuti
la fine dello sci

The end of skiing Urbanism Effects of climate change Impact of artificial snow Is skiing sustainable? Il cambiamento climatico condiziona sempre più la scelta del momento e del luogo in cui sciare. Dai Pirenei alle Alpi, le stazioni sciistiche sparse in tutta Europa sono giunte al punto di doversi adattare alla mancanza di neve: secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, gli inverni del 2015 e del 2016 hanno registrato le temperature più alte di sempre, e tanto le piste di discesa quanto gli anelli da fondo di tutto il continente rimangono senza neve anche per nove mesi all’anno. Il verde di cime che toccano i 2.000 m è allarmante e pone una serie d’interrogativi circa l’assurda immagine di sciatori di livello mondiale che sfrecciano su una striscia di neve sintetica in un paesaggio dolomitico estivo. Sport…

13 minuti
darwin in città

Darwin comes to town Urbanism Urban ecology Evolution and the city Technologies for greening In piedi in un corridoio del Park Hyatt Hotel di Tokyo, naso premuto contro il vetro, il mio sguardo si stende sulla giungla urbana della capitale giapponese, che con 38.000.000 di abitanti è ancora la metropoli più grande del mondo. E per me, biologo urbano, la parola ‘giungla’ non è una metafora. Vedo vita ovunque: sui davanzali delle finestre della vicina Mori Tower soggiornano piccioni e cornacchie; ciuffi di correggiola giapponese spuntano da angoli dimenticati lungo la strada principale; nell’angolo della finestra dell’albergo un ragno del ponte tesse la sua tela... In tutto il mondo, le città si espandono e si moltiplicano, mentre nelle campagne l’agricoltura intensiva sta diventando sempre più innaturale. Ecco allora che la natura urbana non può…

1 minuti
la città selvaggia

The Wild City The Wild City è una ricerca di Giovanni Bellotti ed Erik Revellé sviluppata presso la Why Factory,TU Delft, nel 2011. L’indagine esamina i cambiamenti cui andrebbe incontro una città se per 100 anni non fosse più sottoposta a manutenzione alcuna. La città diventa il luogo dove design, botanica e architettura s’incontrano al di fuori della cornice tecnica della sostenibilità e di un ambiente bucolico confortevole. Lo studio invita a scoprire nuove forme di natura selvaggia in città. The Wild City, a study by Giovanni Bellotti and Erik Revellé developed at The Why Factory,TU Delft, 2011, examines the changes that a city would undergo if it were no longer subject to maintenance for 100 years.The city becomes a place where design, botany and architecture coincide outside the technical framework of…

16 minuti
prodotti per salvare il pianeta

Products to save the planet Discussion The politics of design Everything is design The Dutch approach Da alcuni anni Martijn Paulen sta delineando una nuova stagione del design olandese, ma non solo. Dalla sua posizione privilegiata di CEO della Dutch Design Foundation, Paulen ha accettato di rispondere alle domande di Domus a pochi giorni dall’inizio di un altro appuntamento internazionale del design, la Milano Design Week, divenuta kermesse globale, dove si trasformano i segnali deboli in interpretazioni forti. Walter Mariotti: Signor Paulen, che cosa sta succedendo al design? Martijn Paulen: [Sorride]. Succedono molte cose, ma – se mi permette – provo a rispondere prendendo il caso del design olandese che, per molti aspetti, mi pare rappresentare una case history. WM: Partiamo dall’Olanda, allora. MP: Il design olandese ha una storia singolare, che, negli ultimi decenni, si…

7 minuti
parigi accessibile

Architecture A house for all Housing and generosity Challenging the context Social wealth M6B2 torre della biodiversità/tower of biodiversity Progetto/Project: Maison Edouard François Progettazione paesaggistica/ Landscape design: BASE; École de Breuil Ingegneria/Engineering: Arcadis Consulenti/Consultants: Arcoba Committente/Client: Paris Habitat DPO Superficie costruita/Total floor area: 13,830 m² Completamento/Completion: 2016 Programma/Programme: residenza, asilo nido, spazi commerciali/ housing, nursery and retail Localizzazione/Location: 13e arrondissement Il complesso è organizzato attorno a un giardino che media l’accesso agli edifici. La progettazione paesaggistica di questa corte centrale ha previsto una crescita a ritmo differenziato della vegetazione. I volumi più bassi sono rivestiti di zinco o alluminio, mentre la torre è stata concepita come “strumento per la semina”: è rivestita di titanio ed è avvolta da una rete che permette alle piante rampicanti di svilupparsi sui fronti. I suoi 50 m di altezza, rispetto ai 37 concessi di norma,…