Moda
ELLE Italia

ELLE Italia Settembre 2018

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Leggi di più
COMPRA NUMERO
1,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

3 minuti
chiedilo a e. jean

ATTRAZIONE PERICOLOSA? NO, SOTTO ZERO CARA E. JEAN , sono sposata da un anno e mi vergogno a dirlo, perché mi rendo conto che è una cosa orribile ma… non sono attratta fisicamente da mio marito. Il nostro è un rapporto davvero splendido, se non fosse per questo aspetto. Lui è sicuramente l’uomo migliore del mondo, e io lo amo tanto e apprezzo il suo modo di essere. Ma vorrei riuscire a desiderarlo un po’ di più. Sono davvero una brutta persona? Vorrei ma non posso MIA CARA vorreimanonposso: datti una mossa, e in fretta. Corri a indossare della lingerie come si deve. Sì, lo so, è una soluzione un po’ fuori moda che la zia Jean tira fuori dal cassetto solo ogni due o tre anni, eppure è qualcosa che va suggerito,…

4 minuti
mail

QUALCUNO HA BOCCIATO LE QUOTE ROSA MA FUNZIONANO. ORA TOCCA AGLI STIPENDIManuela PARITÀ SALARIALE UN SOGNO? Cara Elle, ho letto l’articolo sul gender pay gap (“Essere donne non paga”, a pag. 60 del numero di agosto) e non so se essere più arrabbiata, delusa o, paradossalmente, confortata perché l’Italia non è poi così lontana - in termini di discriminazioni salariali - dalle altre realtà. Tutto il mondo è paese, insomma, soprattutto se si parla di disuguaglianze a danno delle donne. La mia storia non è diversa da quelle di tante ex ragazze che hanno fatto l’università con entusiasmo e hanno iniziato, con passione, a cercare il lavoro dei propri sogni. E, forse, è stato lì l’errore: ci sembrava così fantastico poter fare il lavoro per il quale avevamo studiato che, quello che…

1 minuti
faccia a faccia

Visual art, su borse “spaziali”, costruttiviste, ispirate ai lavori di Roy Lichtenstein, Julian Opie e Naum Gabo. Le già cult Bao Bao Issey Miyake, grazie agli iconici moduli triangolari, nella nuova serie Face danno vita a volti-totem la cui espressione cambia a seconda della prospettiva. In versione tote e clutch, qui in pendante pressoché perfetto in total look della collezione Pleats Please (isseymiyake.com). FOTO PAOLO MUSA - STYLING FABRIZIO FINIZZA - MODELLA TANYA@NEXT - PETTINATURE CLAUDIO FURINI@FACETIFACE - TRUCCO SARA J CASIRAGHI@FREELANCER USING MAC COSMETICS…

1 minuti
mickey, ti amo!

1928 Origini umili (è nato in un garage) e futuro brillante per Mickey Mouse (qui in una foto del 1935 con “papà” Walt Disney) 1942 Mascotte pacifica su cacciabombardiere USA 1967 Twiggy a Disneyland con orecchie d’ordinanza 1971 Il re del Pop ha 13 anni e sfoggia una T-shirt vintage: da Disneyland a Neverland il passo sarà breve 1980 L’attrice americana esce con Peter Gabriel in pellicciotto cartoon 1985 Dopo E.T., per Drew Barrymore c’è Mickey, in frac e tuba 2008 “Yes we can”, diceva Obama in campagna elettorale: con l’endorsement del topo più famoso d’America 2012 Orecchie sì, ma di pizzo per la fashionista Sarah Jessica Parker 2013 Miley Cyrus è una bellezza da fumetto, in pull a tema 2016 Rita Ora sulla cover di Elle UK è hot…

2 minuti
glamour girl

LA RAGAZZA si destreggia sul set con massima disinvoltura. Ammicca, inforca gli occhiali da sole, si mette in posa, accavalla le gambe assorta in un attimo di pausa. I suoi movimenti non hanno nulla di improvvisato: del resto, Anna Ewers è una top model. Tedesca di Friburgo, 25 anni, una certa somiglianza con Claudia Schiffer e soprattutto Brigitte Bardot, ha posato per centinaia di editoriali e per il calendario Pirelli nel 2015, e ha calcato decine di passerelle. L’ultimo impegno? Con Liu Jo, da cui è stata scelta come volto per la campagna A/I 2018-’19. #Glamourizing, questo il concept dell’adv, è una vera dichiarazione d’intenti da parte di un brand all italian, che ha fatto del glamour un forte tratto distintivo. E per renderlo al massimo, sono state chiamate due star…

2 minuti
la forma dell’acqua

ACCOMPAGNATO dal suono argentino del fiume che sfocia nel lago Maggiore, al cospetto del pittoresco comune di Lesa, nacque 70 anni fa uno dei vanti del Made in Italy nel mondo. È il 1948 infatti quando Giuseppe Marenzi fonda la Herno (il nome, “figlio” dell’unione creativa dell’“H” di H2O e dell’Erno, il torrente di cui sopra). Impermeabili prima, cappotti di cashmere poi, più una specializzazione nei capi double-face e un’attenzione particolare verso innovazioni tecniche e di performance, hanno portato l’azienda a una previsione di fatturato per il 2018 attorno ai cento milioni di euro. Per festeggiare questo compleanno storico – nonché i 50 anni della loro fortunata presenza sul mercato nipponico – il brand ha celebrato in grande, con un’installazione alla Stazione Leopolda e una collaborazione speciale con il Polimoda…