Moda
ELLE Italia

ELLE Italia Numero 08 - 2019

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Leggi di più
COMPRA NUMERO
1,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

4 minuti
la prima volta che ho scoperto

che potevo anche essere carina è successo per caso. Mi dovevo truccare. Non era una scelta, dovevo. Recitavo in una compagnia di teatro, neanche troppo scalcagnata, ed ero la più giovane. Si era stati a provare per mesi, vedendosi quasi ogni sera. Mesi in cui erano nate confidenze e simpatie, piccoli rituali e prese in giro tra gente che poco prima a malapena si conosceva. Era bello incontrarsi, ritrovare off records la stessa complicità che si creava sul palco interpretando una parte, scoprire cose di sé mentre si scoprivano cose degli altri. Fino alla settimana prima della prima. Mi diedero un costume di scena, mi dissero «Truccati, perché la tua faccia si deve vedere fino in fondo alla sala», aggiunsero «Sbrigati». Ubbidiente, eseguii. Occorre a questo punto specificare che a 18 anni…

3 minuti
ditelo a elle

UNA CERTA IDEA DI MATERNITÀ Gentile direttore, scrivo sulla scia delle sensazioni che mi ha lasciato leggere il suo commento sulla “scelta di non far figli”, unite a riflessioni sempre più costanti e corali sul tema della maternità che mi circondano in questo periodo. Prima di tutto qualche dato: ho 27 anni e sono dottoranda di ricerca in Diritto pubblico, sono cresciuta in Italia con qualche fuga più o meno prolungata all’estero, dove mi trovo anche ora, e dove si trovano anche molti dei miei più cari amici e interlocutori. Già da qualche tempo ho un desiderio – non bruciante e inarrestabile, ma pur sempre un desiderio – di maternità. E questo convive con la mia progettualità di vita, che è piuttosto articolata e a tratti incerta. Ho un desiderio di…

3 minuti
altro che passione, è solo schiavitù

È stato il mio primo amore. Io avevo 20 anni, lui 40. Un prete moderno, che fa sport e non porta la tonaca. All’inizio avevamo deciso di chiudere, che era un amore sbagliato, ma non ce l’abbiamo fatta a stare lontani. Lui ebbe una grande crisi, voleva lasciare il sacerdozio e sposarmi. Ma ha vinto l’amore per la carriera, è ambizioso e ha fatto molta strada. Ci vediamo solo a letto. Ho avuto difficoltà economiche, lui è di famiglia ricca, è un divo della tv locale, fa articoli e conferenze, insegna all’università, ha disponibilità. Ma quando gli ho chiesto un prestito per curare mio padre (che poi è morto), mi ha risposto che il nostro rapporto era già abbastanza complicato, senza che ci fossero fra noi storie di soldi. A…

1 minuti
storie intramontabili di amore e di letto

Sergej Esenin e Isadora Duncan (Mosca, 1921). Erano tutti e due bellissimi. Lui Sergej, 25 anni, il poeta più biondo e più scandaloso di Russia, il dandy contadino sempre ubriaco, il teppista angelico che sfida la rivoluzione. Lei: Isadora, ballerina, 40 anni, famosa in tutto il mondo. Quando la conobbe, lui danzò per lei vorticosamente sopra un tavolo, finché sfinito le cadde ai piedi, dicendo: «Uccidetemi». Invece si amarono, con grande risonanza, i giornali ne parlarono tutti. Lei non sa il russo, lui non sa l’inglese. Si capiscono solo con la vodka, il corpo e la musica (mica poco). Sergej ama sinceramente la sua dama, ma in lui batte anche un trepido cuore di marchetta che vuol essere portata all’estero. Si sposano, partono in tournée per l’America. Sergej si aspetta…

4 minuti
cose belle

Vive la folie! Donne che trascendono le donne. In qualsiasi identità liquida si incarnino, le amazzoni fashion di Thierry Mugler si distinguono da sempre per le loro silhouette a(na)tomiche e per le spalle possenti, capaci di farle apparire come creature invincibili, futuribili, a tratti bioniche. Sintesi e nemesi dei favolosi anni ’80, saranno loro – oltre al diretto interessato – le vere protagoniste della mostra Thierry Mugler: Couturissime, dal 2 marzo al Montreal Museum of Fine Arts. Un omaggio dovuto allo stilista ex ballerino, che conquistò Parigi vestendo gli abiti che di lì a poco avrebbe portato in passerella, 140 dei quali – i più significativi, raccolti fra il 1973 e il 2001 – verranno esposti per la prima volta insieme a documenti e disegni finora inediti. Coup de cœur garantito!…

2 minuti
ragazze elettriche ditelo col rossetto

A volte mi è capitato, prima della presentazione di un libro o di incontrare qualcuno per un’intervista, che questa persona mai vista prima di allora mi dicesse: «Ti ho riconosciuta dal rossetto». E ogni volta è subentrato un principio di inadeguatezza, come se mi fossi affidata a un rossetto rosso troppe volte negli anni, nel timore di non essere ricordata, nell’ansia di lasciare un’impressione di me. Ripenso a tutte le volte che crescendo mi sono sentita una cattiva femminista perché volevo trasformare i miei connotati con il trucco, o in cui ho temuto di non essere una scrittrice abbastanza seria perché badavo molto al taglio di capelli o alle scarpe. Mi pareva doveroso tendere all’estetica acqua e sapone degli anni Settanta, che oltre alle conquiste politiche ci hanno lasciato in eredità…