ZINIO logo
ESPLORALA MIA LIBRERIA
Moda
ELLE Italia

ELLE Italia Numero 17 - 2019

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Leggi di più
Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Frequenza:
Monthly
SPECIALE: 20% di sconto sul tuo abbonamento
COMPRA NUMERO
1,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €27,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

3 minuti
“mamma, ma dove vuoi andare?”

La ragazza mi richiama perentoria e mi strattona per portarmi via. Avevo commesso la leggerezza di imbambolarmi davanti a una vetrina di vestitini svolazzanti con fantasie di fiori e Vichy, che trillavano alla primavera come un canto d’uccelli. A completare la mise, ballerine d’argento, borsina a tracolla e un foulard lieve legato al collo che già mi vedevo su una Vespa a fare il remake di Vacanze romane. Certo, un po’ corto l’abito, ma in certi casi la statura aiuta. A me arriva sotto il ginocchio. Il problema non è l’altezza – mi rammentano il braccio arpionato e il risveglio brutale – il problema è l’età. Il vantaggio di avere figlie adolescenti è che non si corre il rischio di lanciarsi in mise fuori tempo massimo, passando per ridicole. Tutti i…

2 minuti
ditelo a elle

DONNE E LAVORO/1 Carissimo direttore, ho quasi 32 anni, due lauree e diverse esperienze lavorative, un contratto a tempo indeterminato ma un posto di lavoro che mi soffoca e non mi valorizza. Vivo la quotidianità a giorni alterni, ora cercando di cogliere i (pochissimi) lati positivi di questo lavoro, ora con l’autostima sottoterra. E poi un grandissimo desiderio di maternità mi riempie i pensieri da qualche anno. Forse sotto sotto penso che se non sarò soddisfatta a livello personale e lavorativo non potrò essere una buona madre... Avrò mai la mia occasione? D.P. DONNE E LAVORO/2 Ho appena terminato di leggere il suo editoriale “Più donne, più Pil” (Elle 15), argomento di cui bisognerebbe parlare più spesso. Tra l’altro, mi ha fatto ricordare la nonna, mio esempio di vita. Lei avrebbe voluto laurearsi…

2 minuti
mi ha salvata. e io l’ho mollato

Ho un carattere ansioso. La bulimia è cominciata quando facevo la tesi di laurea, mangiavo e vomitavo, divoravo qualsiasi cosa, ma non riuscivo a smettere. Il mio ragazzo sapeva tutto, cercava di aiutarmi, ma io non volevo nessuno tra me e il mio incubo. Mi facevo schifo. A lui, invece,non faceva schifo niente di me. Si è improvvisato psicologo e infermiere, ed è riuscito poco a poco, con pazienza infinita, a riportami alla salute. Mi sono trovata guarita, laureata, appagata... Ma non lo amo più. Appena sono stata bene l’ho lasciato. Lui è a pezzi, io sto male per lui, ma l’amore o c’è o non c’è. Mi sento un mostro di ingratitudine... Margie Basta che non ricominci a mangiare per via di questa nuova frustrazione. Non consolerà né te né…

1 minuti
storie intramontabili di amore e di letto

In Russia, nel 1917, si innamorarono sulle barricate. Lei era Larisa Rejsner, la bellissima dea ventenne della rivoluzione, eroina della presa del Palazzo d’Inverno. Lui era Vanja Raskol’nikov, un piccolo marinaio diventato ammiraglio per il suo valore. Il loro amore fu tutto un duello. Quando andarono a combattere insieme sul Volga, Larisa si lanciava contro il nemico per prima sfidando la morte, che con lei perdeva sempre. E Vanja cercava di superarla. Ma si sfidavano anche a tradirsi. I soldati erano tutti innamorati di lei, del suo eroismo, del suo teatro, e delle cronache che mandava ai giornali sulle gesta della guerra civile, cantando se stessa. Due volte si introdusse nel campo nemico, travestita da ufficiale. Le soldatesse, invece, erano pazze di Raskol’nikov, del suo fascino di eroe silenzioso. Fu…

3 minuti
cose belle

La borsa e la vita Sperimentazioni. La borsa come espediente per ripercorrere la storia della moda attraverso le campagne di Vivienne Westwood e Marc Jacobs, o i volti di Cindy Sherman, Winona Ryder, Tilda Swinton. È quanto fa Juergen Teller, iconico fotografo tedesco (sua l’estetica trasgressiva che dominava la fashion photographydegli anni ‘90, e aveva per musa Kate Moss), con la mostraHandbags, curata da Adriana Rispoli e Mario Codognato e pensata appositamente per gli spazi di Villa Pignatelli-Casa della Fotografia, a Napoli. Una carrellata di oltre 600 scatti in cui l’accessorio-feticcio per eccellenza - indispensabile e superfluo al tempo stesso - diventa parte di un racconto che coinvolge top model e personaggi dello star system, immortalati nella quotidianità oppure nei più sperduti angoli del pianeta. Per immagini in bilico fra il…

1 minuti
facciamo la pace

Guerre e pace. Ê il titolo della quarta edizione del Festival dei Diritti umani: a Milano dal 2 al 4 maggio, il 7 a Bologna, l’8 a Firenze, l’11 a Roma. In guerra, anzi in guerre, si trova un quinto del pianeta: un miliardo e mezzo di persone coinvolte a vario titolo in un conflitto, soldati o vittime, adulti o (più) spesso bambini, massacrati da kamikaze o da killer robot. Se la guerra colpisce i piccoli, la pace si impara da piccoli, come sa chi ha ideato il Festival (70 le scuole partecipanti solo a Milano). Ma tutti sono invitati alle decine di eventi (gratuiti) tra cui film, mostre, installazioni. Perché non è ancora tardi per riportare in vita il sogno di John Lennon e Yoko Ono, che 50 anni…