Moda
ELLE Italia

ELLE Italia Numero 25 - 2019

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Leggi di più
SPECIALE: 20% di sconto sul tuo abbonamento
COMPRA NUMERO
1,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €27,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

3 minuti
noi madri performanti.

Che non fanno, facciamo, quando parlano dei figli. Ci piace non ci piace, ci sta bene ci sta male, da grandi vorremmo… Il plurale maiestatis come atto di ingerenza non richiesta mascherata da amore materno. Durante gli esami si dà il peggio. Ci tocca studiare. Non è un’opzione, è una necessità. Non l’abbiamo fatto per il resto dell’anno, prese com’eravamo a lavorare, tornare tardi, chiedere frettolosamente com’è andata la scuola senza ascoltare la risposta, che comunque era vaga e reticente, consultare il registro elettronico tanto per, negoziare sufficienze ai colloqui, accendere ceri, invocare santi, dilapidare stipendi in ripetizioni e corsi di recupero, chiederci insistentemente ma com’è che le madri secchione hanno figli svogliati e le madri ex svogliate hanno figli secchioni? Qual è la regola o l’algoritmo misterioso? Dov’è che abbiamo…

3 minuti
ditelo a elle

EMMELINE E NOI Gentile redazione, sono una ragazza di 26 anni e oggi più che mai mi sento arrabbiata e francamente umiliata dal maschilismo che, nel 2019, siamo costrette a subire. Per dirne una, non trovate ingiusta la scelta di sette tracce per il tema della maturità 2019 tutte riguardanti solo le gesta e il coraggio di uomini? A distanza di un secolo da Emmeline Pankhurst, siamo ancora a questo punto? Non è umiliante leggere articoli tipo “Gli uomini con la pancia piacciono di più: è emerso da uno studio bla bla bla” e in tv vedere moltiplicarsi le pubblicità di creme anticellulite nell’imminenza della mitica “prova costume”? Non è umiliante ricevere costantemente avance da uomini maturi con la fede al dito e sentire additare la donna matura come ridicola se approccia…

2 minuti
gli ex dei figli sono figli nostri

Figlia unica, padre e madre distratti ma affettuosi, mi hanno insegnato la disciplina e la libertà, lasciandomi seguire le mie inclinazioni in tutto. Quando ho presentato la mia prima fidanzata, le hanno subito voluto bene. Poi l’ho lasciata, non per un’altra, ma perché non sentivo più come prima. I miei si erano molto affezionati, ci sono rimasti male. A Natale vado da loro di rado, ma stavolta ho voluto fare una sorpresa e sono piombata dai miei per il pranzo, e chi trovo seduta a tavola? La mia ex. Non ci vedevamo dalla rottura, ero imbarazzata. Dopo li ho rimproverati, e loro mi hanno detto «l’hai lasciata tu, mica noi, dopo tre anni ormai è di casa». Lo trovo molto indelicato, non credi che almeno dovevano avvertirmi? Dany Ti è presa…

1 minuti
storie intramontabili di amore e di letto

Uomo fortunato: è morto innamorato, a 82 anni. Alberto Moravia era uno scrittore di grande successo, ma soprattutto un grande amante. Da giovane amò Elsa Morante, nella maturità Dacia Maraini. E quando sposò Carmen Llera si avvicinava agli 80. Lei ne aveva 30. L’ultima sfida, l’amore senza possesso, quello che gli altri non capiranno, con una donna che tornerà sempre, perché lui la aspetta. Quando lo scrittore morì, all’improvviso, Carmen era in viaggio. La stampa la fece a pezzi: povero vecchio! Lui moriva e lei era in giro. Ma questo era compreso nella durezza del patto. Per questo la amava, perché partiva. Se avesse voluto un’infermiera se la sarebbe presa, ma lui aveva voluto per moglie una zingara. Quando era assente, lui parlava di lei agli amici. Diceva tutto, senza…

5 minuti
cose belle

Magnifica ossessione Tutto è diverso, visto da dietro. In un mondo – reale e virtuale – smanioso di selfie, la schiena è un terreno fuggevole e sofisticato. Elude la vista e in parte il tocco, nasconde e svela allo stesso tempo, riflette il suo mistero offrendosi solo allo sguardo altrui. Inevitabile, quindi, che la moda se ne innamorasse, e traducesse la sua attenzione in scolli vertiginosi, elaborati intrecci, profili sinuosi. Ma, anche, in allacciature strette come quelle dei corsetti, in zaini, strascichi e accessori di ogni tipo. Questo e altro nella mostra Back Side/Dos à la mode, che il Palais Galliera inaugura il 5 luglio al Musée Bourdelle, facendo dialogare 100 capi scelti con le splendide sculture di Antoine Bourdelle, delle quali – non a caso – verrà messa in risalto…

2 minuti
la felicità quando arriva

Non so voi, ma io, in quanto donna, ho sempre pensato che ci fosse qualcosa che non andava in me. Non mi era mai saltato in mente però che potessero essere le mie scelte a essere sbagliate, il mio atteggiamento o, peggio, l’opinione che avevo di me. Noi donne siamo specializzate in questo. Quando qualcuno non ci apprezza, ci offende, ci tradisce, scatta in noi un senso di inadeguatezza che ci induce a pensare subito di avere commesso degli errori, di non esserci spiegate bene, di essercelo meritato, quel tradimento. Forse perché la felicità in fondo ci fa paura. Non ci hanno insegnato a viverla. Non abbiamo quel tipo di educazione sentimentale lì. Ci siamo abituate a soffrire e a guadagnarci i successi con fatica. E la felicità, quando arriva,…