Moda
ELLE Italia

ELLE Italia Numero 26 - 2019

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Leggi di più
SPECIALE: 20% di sconto sul tuo abbonamento
COMPRA NUMERO
1,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €27,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

4 minuti
editoriale

Cara Carola, ti chiedo scusa. A nome mio e forse anche di chi un po’ si vergogna di quello che è successo a Lampedusa. Italia, casa nostra. Dico, di quei poveri cristi che hanno sostato 17 giorni in mezzo al mare, a poche miglia dalla costa, stanchi, disidratati, accatastati sulla nave, appesi al filo di una decisione che poteva farli attraccare o rimandare indietro, alla casella di partenza, come se fossero pedine e non persone, rogne di cui sbarazzarsi e non vite umane. E di te che non potevi fare altro che aspettare e friggere dalla rabbia e l’impazienza perché non s’è mai visto un Paese che nega l’accesso ai disperati e tratta chi li aiuta come criminali. Alla fine te ne sei infischiata del decreto legge che t’impediva di…

4 minuti
ditelo a elle

SENZA DECALOGO Carissime, ho letto a pag. 22 di “Elle” n. 24 il “decalogo per signorine” di Marilù Oliva e vi voglio confessare che in 50 anni di vita non ne ho mai rispettato nemmeno un punto. Da bambina ero ribelle, i maestri dicevano che avevo un carattere «difficile da contenere» (notare il verbo). Sessualmente lieta e giocosa, ho sempre vissuto il sesso in modo consapevole, godendomelo, esplorandolo, desiderandolo, cercandolo e donandolo con gioia. Mi sono sempre curata, ma senza ossessioni, e il regalo più bello della mia età è che finalmente me ne frego alla grande della prova costume, che bello, che libertà. Non ho VOLUTO (lo scrivo bello grande) figli. Ho avuto tanti ragazzi, fidanzati, un marito, che sono stati messi alla porta quando il rapporto con loro non mi…

3 minuti
nessuno mi può giudicare

L’ANONIMA Faccio una vita apparentemente normale, ho avuto tre storie lunghe, ma la mia vera passione è fare sesso con uomini in chat, e ogni tanto incontrarne qualcuno, ma senza strascichi, una volta e via. Nessuno lo sa, nessuno mi può giudicare. E poi non mi va di condividerlo. Mi sta bene così, volevo dirlo da anonima, ma non chiedo consigli. Lo so da sola cosa mi fa stare bene. Non ne ho mai parlato prima a nessuno dei miei amanti. G. Gim Ma allora non hai mai avuto dei veri amanti. L’amante che ignora i nostri gusti preferiti è uno sconosciuto con cui si va a letto. Non avrai mai una vera relazione con nessuno, se non ti farai conoscere. Una tale omissione esclude che tu possa amare o essere amata, e…

1 minuti
storie intramontabili di amore e di letto

Sei secoli dopo si parla ancora della sua bellezza, che non finì mai. A 65 anni (di allora: come 90 di oggi) aveva degli adoratori. Diana di Poitiers divenne l’amante di Francesco I, re di Francia, odiata dalla favorita. Che smise di soffrire quando la rivale si innamorò di Enrico (il figlio del re, più giovane di lei di vent’anni), e lui di lei, perdutamente. Erano amanti, complici, compagni di gioco, fratelli. Ma poi quel ragazzo diventò re col nome di Enrico II, e la ragion di Stato volle che sposasse la ricchissima Caterina de’ Medici. Dopo molti rifiuti Enrico cedette, ma quando arrivò la fidanzata, le disse: il nostro sarà un buon matrimonio, ma sappiate che io sono già sposato. Con Diana di Poitiers. Caterina, grande mente politica, ingoiò…

5 minuti
cose b elle

Luce dei miei occhi Una sfilata di lampade dalle eleganti silhouettes disegnate tra gli Anni '30 e '50 ancora attualissime. Firmate da due mostri sacri del design: Le Corbusier, architetto simbolo della modernità, e Charlotte Perriand, sua carismatica allieva. Appuntamento a Firminy, a Sud di Lione, nella mostra itinerante La Luce, ideata dal brand italiano d’illuminazione Nemo, editore di questi iconici pezzi, e sotto la direzione artistica di Valentina Folli con lo Studio Una. Un’installazione suggestiva in una location d’eccezione, la scultorea chiesa in cemento di Saint-Pierre, nel Site Le Corbusier, già patrimonio dell’Unesco. Un vis-à-vis virtuale tra le due archistar, attraverso documenti, fotografie, prototipi, modelli provenienti dalla Fondation Le Corbusier e dagli Archives Charlotte Perriand e le loro riedizioni by Nemo. Quando l’allieva supera il maestro... M. M. ECO VACANZIERI La sostenibilità in modalità…

2 minuti
capitane coraggiose

«Se glielo chiedeste, vi direbbero che hanno fatto solo quel che dovevano: a loro le medaglie non servono» Le ragazze non si fanno intimorire, e se qualcuno sostiene che hanno lingue troppo lunghe, loro se ne fanno crescere un altro mezzo metro, perché le ragazze dicono sempre quello che pensano e fanno sempre quello che dicono, zitti stateci voi. Le ragazze si chiamano Carola, Megan e Marta – con i soli nomi di battesimo non per spregio, ma affinché suonino più come nomi da battaglia – e di mestiere fanno le capitane. Chi è Carola Rackete, ormai è impossibile non saperlo: la trentunenne tedesca che guidava le rompighiaccio al Polo ha accolto sulla nave della ong Sea Watch 42 migranti che erano dispersi al largo delle coste libiche. Dopo 17 giorni di…