ELLE Italia Numero 24/25 - 2021

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Frequenza:
Monthly
1,99 €(VAT inclusa)
34,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

3 min
ovunque sarà, sarà nel blu.

Quello accecante del cielo inondato dal sole e quello vibrante del mare che luccica di mille colori. Scuro e pastoso come petrolio, che sembra d’immergersi nel secchiello di un pittore oppure trasparente e smerigliato come l’acquamarina, il cristallo di rocca, gli occhi chiarissimi di una bambina. Mare nostrum. Il più bello del mondo. Selvaggio e sgarbato quando aggredisce le coste di scogli aguzzi e inospitali, le spiagge isolate, le insenature su cui si buttano sentieri improvvisati di rocce impervie oppure placido e addomesticato mentre lambisce il bagnasciuga di ampie distese di sabbia disseminate di lettini, e fa giocare i bambini e fa sentire leggere le mamme col pancione e fa da trainer alle signore che fanno avanti e indietro con l’acqua a metà coscia per risvegliare la circolazione. Si è aperta ufficialmente…

elleit210710_article_013_01_01
1 min
ditelo a elle

OPINIONI, RICHIESTE, COMMENTI? SCRIVETECI A diteloaelle@hearst.it IL CIGNO BIANCO Gentile Direttore, sono una vostra lettrice da molti anni. Solo due parole in merito all'articolo relativo alla divina Carla Fracci. Ho trovato fuori luogo associare la moda, il suo stile, a foto di abiti, scarpe che in qualche modo lo rispecchiano... Avrei preferito un articolo dedicato a Lei, esclusivamente alla grande Donna quale era. Mi è sembrato veramente di cattivo gusto e per una volta la moda poteva passare in secondo piano. Cordiali saluti Susanna RISPONDE GIOVANNI BATTISTA SPARACIO Cara Susanna, la ringraziamo molto per aver sottolineato la grandezza di Carla Fracci, ballerina immensa a cui più volte in passato abbiamo dedicato dei servizi. Non era nostra intenzione sminuirla associandola a scarpe e vestiti, ma visto che la sua storia era già stata ampiamente raccontata in…

1 min
elle world

Vieni in vacanza con noi ! Il nostro speciale tour nel mondo dei viaggi continua in questo numero e anche on line, con tante proposte di mete, itinerari e consigli per una (meritatissima) stagione di relax, divertimento, avventure tra mare, monti, campagne e città d'arte, alla riscoperta del nostro Bel Paese. E non solo... elle.com/it/viaggi-estate-2021 Elle around the world Tre copertine per tre edizioni del nostro giornale preferito. Omaggio all'Italia e alla Dolce Vita sulla cover di Elle Germania; Alva Claire, nuova star delle passerelle e già un'icona in Gran Bretagna; in Svezia trionfa la voce e la bellezza della cantautrice Sabina Ddumba. Su Instagram @elleinternational Borse piccole così Le it-bag del desiderio in versione XXS da portare al collo come amuleti. Cosa ci sta dentro? Giusto l'essenziale... #ElleFashion #ElleModa…

elleit210710_article_016_02_01
5 min
e se diana fosse ancora fra noi ?

Nel 2004 avrebbe vinto il Nobel per la pace... Sono le 2.06 del 31 agosto 1997. La principessa Diana del Galles arriva all’ospedale Pitié-Salpêtrière di Parigi dopo lo schianto nel tunnel dell’Alma. Ha il bacino disintegrato, la mano sinistra maciullata, una ferita che le attraversa il viso. Le sue condizioni sono critiche, ma è ancora viva: la cintura di sicurezza le ha risparmiato la frattura della colonna vertebrale e la rottura dell’aorta che invece hanno ucciso sul colpo il suo accompagnatore estivo, Dodi Al-Fayed. Alle 2.37 Diana entra in sala operatoria, ne esce 11 ore dopo. Quando riprende conoscenza, nella sua camera d’ospedale c’è soltanto Carlo. E una decisione da prendere. Diana decide di sopravvivere. Possono chiederle tutto, ma non di abbandonare i suoi ragazzi. A Londra l’appartamento di Kensington Palace viene…

elleit210710_article_020_01_01
2 min
il primo bacio gay? di domenica

SI CHIAMANO MORE LOVE LE CALZE ARCOBALENO FIRMATE GALLO E DEDICATE AL PRIDE MONTH . E SUL PROFILO INSTAGRAM DEL BRAND SONO PROTAGONISTE DI ILLUSTRAZIONI SUL TEMA DELL' AMORE IN OGNI PROSPETTIVA 50 anni dopo, Domenica maledetta domenica èintenso ecommovente come nel 1971. Questo film maturo di John Schlesinger, che allora era all’apice del suo successo, venne nominato agli Oscar nelle categorie principali: miglior regia, sceneggiatura, attrice e attore principali a Glenda Jackson e Peter Finch. Basato sulla sceneggiatura di Penelope Gilliatt, il film occupa un posto importante nella storia del cinema perché rappresenta il primo bacio gay e soprattutto la prima immagine positiva di un personaggio omosessuale nel ruolo da protagonista in un film mainstream. Schlesinger (scomparso nel 2003 a 77 anni), ebreo e dichiaratamente gay, è meglio conosciuto per Midnight…

elleit210710_article_022_01_02
2 min
la nostra squadra ideale

È il primo grande evento sportivo dopo un anno di stop, e già per questo vale la pena di seguire Euro 2020 (si chiama così perché era previsto per la scorsa estate, ma è saltato causa pandemia). E poi c’è che è il primo campionato europeo senza un Paese ospite: le partite si tengono ovunque negli Stati membri. In più l’Italia è la squadra da battere. Ma anche se il calcio vi interessa quanto una svendita di pentole e questi motivi non vi bastano, una buona ragione per appassionarvi ce l’avete comunque. Anzi 11. La squadra ideale, dal portiere agli attaccanti: se non i più forti, certamente i più instagrammabili. Tutti muniti di basette, perché il calciatore contemporaneo con sfumatura di capelli francescana, neanche in panchina. Gli azzurri a questa formazione…

elleit210710_article_023_01_01