ELLE Italia Numero 38 - 2021

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Frequenza:
Monthly
SPECIALE: 20% di sconto sul tuo abbonamento
1,99 €(VAT inclusa)
34,99 €27,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

2 min
editoriale

“ Lo sharenting è discutibile e dopo i 14 anni, tra l'altro, è obbligatorio il consenso dei figli per postare le foto con loro. Ma chi difende i genitori dalle story a tradimento dei nostri ragazzi? ” Ne abbiamo parlato tanto: postare foto dei nostri figli senza il loro consenso è un’invasione illecita della privacy, lasciamo pericolose “impronte digitali” che potrebbero essere fonte di umiliazione in futuro, soprattutto se ci prendiamo gioco delle loro difficoltà. E attenzione al body shaming. Ma adesso ditemi che, al contrario, non sono la sola a ritrovarsi nelle storie Instagram dei figli con le orecchie da coniglio o aggrappata a una fontanella con la lingua di fuori dopo aver fatto una salita. Quando li vedo ridere sul divano con il telefonino in mano comincio a controllare come…

elleit211016_article_026_01_01
1 min
elle world

elle . it Lezioni di stile dallo street style milanese, dove dominano blazer dai colori puri da abbinare a fantasie ton sur ton. E poi occhiali da sole, foulard, borse, gioielli... Una cura per il dettaglio che, onestamente, ci era proprio mancata. Bentornata, coolness! #ElleModa facebook Chi sono i "finfluencer" e perché stanno sbancando su TikTok parlando di finanza? Sono i protagonisti dello spazio social soprannominato FinTok, la nuova frontiera della socialità per i più giovani che vogliono investire. Ma attenzione: perché notorietà non coincide necessariamente con competenza. Se ne parla anche su Elle nella sezione #financiallyconscious e su @Elle_italia Diversity & inclusion Gender gap, lotta alle discriminazioni e inclusione: se ne parla tanto, ma mai abbastanza. Il primo passo per cambiare è informarsi, conoscere quello che accade anche lontano da noi, nei Paesi dove…

elleit211016_article_028_01_01
1 min
a carte scoperte

(S)NODI CRUCIALI Non solo cashmere al 100 per cento rigenerato e Made in Italy, per Mate, ma anche nuovi passi verso la sostenibilità. Ora, la CO2 prodotta per ogni spedizione dall'e-commerce viene compensata con un progetto a scelta dell'acquirente dal sito di Up2You. Inoltre, per acquisti oltre i 200 euro, il brand regala un albero da piantare scegliendo tra diversi piani di riforestazione, sempre su Up2You. A garanzia del tutto, codici univoci inviati via mail. LA MATERIA DEI SOGNI Con quell'aria un po' così, tra l'understated e il naïf, la Xc1 Crochet de laMilanesa è diventata un piccolo cult. Ora lo sarà ancora di più, perché a tesserne il delizioso patchwork saranno le Fabbricatrici di sogni, donne in difficoltà riscattate da un programma che unisce il brand a Intesa Sanpaolo, Fondazione…

elleit211016_article_030_01_01
1 min
p@ris touch

Je(ne)sais QUOI Come fanno le parigine a essere sempre "vestite&scompigliate" con quel quid drammaticamente chic? A parte meritarne approfonditi studi degni del Cern, sbirciate il profilo di @magalipascal, che incarna alla perfezione quell'atout della femminilità moderna, boho il giusto, romantica all'occorrenza. West SIDE Ai "piedi" della Torre Eiffel c'è un angolo gipsy. Il label parigino @shiloh_heritage potrebbe infatti essere definito l'arrondissement texano grazie a questi santiago boots, sinuosi e slouchy quanto basta. Per una promenade a metà strada tra il fascino dégagé francese e il guizzo folk d'oltreoceano. Affair PRIVÉ? Nella patria che ha dato i natali al termine lingerie, l'intimo è un capo tutt'altro che da tenere nascosto, nonché un'arma nemmeno troppo segreta dell'allure d'Oltralpe. Lo sa bene @yasmineeslami, vezzoso label per parigine doc, che sciorina suadenti bra di pizzo e…

elleit211016_article_032_01_01
2 min
seren dipity

Essere Jeff Bezos e vivere per sempre Il mio cattivo dei fumetti preferito è Jeff Bezos. Il suo superpotere è la crisi di mezz’età: gli è stato fatale compiere i 55 anni, come per la Bella Addormentata i 16. È allora che ha dovuto lasciare la moglie (sposata nel 1993, in un mondo senza Amazon), non tanto perché si era invaghito di un’altra signora – può capitare, tra miliardari di mondo – quanto per via del fratello della signora medesima, che ha venduto messaggini (illustrati) al National Enquirer come si usa tra i Kardashian. Poi Jeff ha stabilito di conquistare lo spazio, ne avrete sentito parlare: era la vita che sognava da bambino. Per questo, adesso, ha deciso di non voler morire più. La rivista del Mit – è il Massachusetts…

elleit211016_article_036_01_01
1 min
le buonenotizie

Cercare il cavo giusto per ricaricare il cellulare fa perdere un sacco di tempo. La commissione europea ha perciò annunciato l’intenzione di chiedere all’industria dei telefonini di uniformare i cavi caricabatteria – tutti uguali per tutti i modelli! – ponendo fine ad almeno la metà dei litigi domestici del dopo cena. Nessuna dovrebbe vergognarsi di chiedere se quello che le capita sia normale. Così è nata The Peanut Menopause, una app dedicata alla discussione di tutto quello che succede prima, durante e dopo questa fase della vita. E c’è anche la funzione “Trova un’amica” per le serate difficili. Il vino dovete portarlo voi.…