ELLE Italia Numero 39 - 2021

La miglior lettura in tempi di moda. Le ultime tendenze della moda. Le inchieste al femminile. Lifestyle e attualità. Bellezza e benessere. Destinazioni di viaggio. E ancora cinema, musica, arte, libri, eventi. Lo stile fresco e unico della rivista femminile più venduta nel mondo.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Hearst Magazines Italia spa
Frequenza:
Monthly
SPECIALE: 20% di sconto sul tuo abbonamento
1,99 €(VAT inclusa)
34,99 €27,99 €(VAT inclusa)
50 Numeri

in questo numero

2 min
editoriale

“Oggi abbiamo la chance, unica, di tracciare consapevolmente uniti il futuro di una delle maggiori fonti di reddito nazionale. Sarebbe davvero un peccato se quest'occasione andasse sprecata” Repetita iuvant, recita un detto latino, e su queste pagine non ci stancheremo mai di ripetere quanto sia enorme, oltre che ancora enormemente sconosciuto, il valore della Filiera moda Made in Italy. Ne ho scritto giusto un paio di settimane fa (l'articolo è su elle.it ) dicendo che, fatte le debite proporzioni, il comparto dell'abbigliamento contribuisce al Pil nazionale quanto l'industria automobilistica contribuisce al Pil tedesco. Ho ricevuto alcune lettere (le potete leggere a pag. 24) e diverse telefonate in merito, quasi tutte da parte di chi, con orgoglio, ha voluto raccontarmi la sua storia e ribadire quanto la creatività, il talento, l'eccellenza manifatturiera…

elleit211023_article_022_01_01
4 min
ditelo a elle

VIVA IL MADE IN ITALY/1 Buongiorno signora Fiori, ho letto il suo editoriale sulle eccellenze del Made in Italy e ho pensato di segnalarle la Maison Leonori. Ha sede a Forlì e dal 1962 crea degli splendidi gioielli con pietre colorate di altissima qualità. Il fondatore, Agostino Leonori, aveva un profondo amore per l’arte, l’artigianato e l’oreficeria: smeraldi, zaffiri e rubini sono nel cuore di ogni creazione. Come le dicevo ogni gioiello è interamente realizzato in Italia da abilissimi artigiani. Eleonora, terza generazione della famiglia, ha lanciato il marchio sul mercato internazionale. Il 20 ottobre debutteranno sia la nuova collezione, Rock, che il sito rinnovato. Le anticipo qualche foto, mi farebbe piacere sapere cosa ne pensa. Tamara VIVA IL MADE IN ITALY/2 Salve Federica, mi ha colpito il suo editoriale sul Made in…

elleit211023_article_024_01_04
1 min
the show must go on

Sono passati poco più di cinque mesi da quando il covid si è portato via Alber Elbaz , ma il talento larger than life dello stilista più rimpianto di sempre gli sopravvive, e ne restituisce l’ironia e la tecnica impareggiabili con una sfilata collettiva a emozionante chiusura della recente Paris Fashion Week. Ben 45 colleghi hanno raccolto con affetto il testimone della sua AZ Factory, consegnandone in tempi record la seconda edizione alla P/E 2022: la show si è intitolato Love brings love, un mantra caro al designer, e ha portato in passerella tutti i codici creativi da lui elaborati in vent’anni esatti di onoratissima carriera (si è peraltro aperto con un suo look), più una serie di pezzi creati dal suo brillante ufficio stile. C’erano, per esempio, gli adorati…

elleit211023_article_026_01_01
3 min
il nobel per la pace a due giornalisti più fatti meno facebook

«Abbiamo bisogno di far brillare la luce, i giornalisti devono tenere alta la luce». Pronunciava queste parole con grande semplicità, Maria Ressa. Sorridente, ma determinata a lottare per la libertà di espressione nel suo Paese, le Filippine. Minuta, lo sguardo appassionato dietro gli occhiali, combatteva la disinformazione di Stato con la forza dei fatti. Di lì a pochi mesi sarebbe stata arrestata: il suo piccolo sito, Rappler.com, era troppo scomodo per il regime del presidente Rodrigo Duterte. Accadeva tre anni fa, e ci ho ripensato con emozione quando, venerdì mattina scorso, è arrivata la notizia che lei e il giornalista Dmitry Muratov, fondatore del giornale Novaja Gazeta in Russia, sono i vincitori del premio Nobel per la pace 2021, «per i loro sforzi per salvaguardare la libertà di espressione, che…

elleit211023_article_029_01_01
2 min
paris fashion week vive la vie!

Finale spoilerato, ma solo in parte, per l'ultimo scorcio di P/E 2022. Che finalmente si respirasse un'aria nuova lo si era capito fin dai primi giorni della tornata settembrina di sfilate, ma l'euforia permanente in passerella svela qualcosa che le logiche di fatturato, la bulimia creativa a lungo imposta agli stilisti, il fashion biz esasperato del pre-pandemia avevano in qualche modo sovrascritto senza davvero cancellare: l'uomo al centro della macchina. Il cuore e la ragione, la vulnerabilità dei sentimenti opposta alle dinamiche del mercato, la fragile resilienza delle scorse stagioni oggi trasformata in un catartico (e forse scaramantico) sabba liberatorio. Il buio che si trasforma in luce che inonda, come una marea, prima New York e poi Londra, poi ancora Milano e infine Parigi. È fin troppo facile immaginare i…

elleit211023_article_032_01_01
3 min
come parla il capodoglio

La passione per il mare l’ha sempre avuta e infatti si è laureata in Scienze ambientali marine all’Università di Genova. Ma da quando, cinque anni fa, ha iniziato a girovagare per il mar Ligure in cerca di capodogli, è persino aumentata. «Più animali avvisti, più cose vuoi imparare su di loro, anche perché ogni esemplare è diverso dall’altro», spiega. Lei è Giulia Calogero, 34 anni, presidente di Menkab, "il respiro del mare" (menkab.it), associazione che si occupa di ricerca scientifica ed educazione ambientale nell’area ligure del Santuario Pelagos e che parteciperà al Festival della Scienza di Genova dal 21 ottobre al 1° novembre (festivalscienza.it) con la mostra Deep tracks, in collaborazione con l’Istituto nazionale di Fisica nucleare. Uno dei progetti di Menkab si chiama Catodon, è sostenuto da Rolex all’interno…

elleit211023_article_034_01_01