ESPLORALA MIA LIBRERIA
Marie Claire Maison Italia

CASA BIANCA

Il living è arredato con sedute Piedmont, Michael Berman; tavolino Paris, in cristallo e ottone antico, Baker; consolle in rovere custom-made, sgabelli Serge Ottoman, di Hickory Chair; chandelier Zia Priven. Sopra il camino in pietra calcarea, quadro di Nick Gaetano. Tende Honeycomb Sheer, Pollack; tappeto Tamarian.
Qui, lampada Statuette, di Barbara Barry, Baker (stessa linea per quella nella foto accanto); tela di Nick Gaetano; luce Arctic Pear, Ochre; poltroncina Palladian, Councill; sgabello di Ohara Davies-Gaetano. Al centro, sulla madia, quadro Fallen Feathers, Natural Curiosities. A destra, l'ingresso.
IL NITORE DELLA PIETRA CALCAREA INTRODUCE CON RISPETTOSA COERENZA LE NUANCE SCELTE PER GLI INTERNI
Nel soggiorno, occupa la scena un sofà angolare realizzato dall'interior Davies-Gaetano con tessuti Kravet; sopra, plaid Avalon in lana merinos e cashmere, Hermès. Coffee table su progetto, con superficie in rovere sbiancato rifinito chiaro e acciaio. A dare un tocco green, un vaso con rami e foglie di eucalyptus.

La brezza spira tra gli ulivi e i pini. Lo sguardo si perde nell'orizzonte infinito dell'oceano. La Pacific Riviera è un angolo di Provenza negli States, parte di quell'Orange County resa famosa, in passato, dall'omonima serie televisiva. Sul waterfront, la marina esplode di mondanità con il suo porto affollato di ristoranti, boutique e lussuosi yacht. Ma basta percorrere qualche chilometro in direzione sud per ritrovarsi nel paesaggio idilliaco di Newport Coast, quartiere esclusivo scelto come buen retiro dall'upper class losangelina. A un'ora di automobile dalla metropoli, è il luogo ideale in cui rimodellare la quotidianità all'insegna della quiete interiore e di una rinnovata alleanza con il contesto green.

«I proprietari di questa villa sono una giovane coppia di Los Angeles con due bambini», racconta Ohara Davies-Gaetano, interior designer newyorkese che ha curato il restyling della dimora. «Per loro si è trattato di amore a prima vista. Sono rimasti folgorati soprattutto dal giardino e dalla magnifica apertura sul Pacifico. La residenza su due piani, costruita in stile mediterraneo una decina di anni fa, si sposa con sapiente disinvoltura alla dolcezza del paesaggio e rappresenta uno scenario perfetto per la vita familiare e per ricevere i tanti amici».

UNA TAVOLOZZA DAI TONI PACATI E LA TEXTURE DELICATA DEI TESSUTI INFONDONO UN SENSO DI PACE AGLI AMBIENTI. QUI SI COMPIE LA MAGIA DEL BUEN RETIRO

Il punto dolente erano gli interni. «I colori cupi delle pareti e l'arredo dai toni scuri contrastavano con il progetto abbozzato all'inizio. Sono stata incaricata di studiare un revamping in sintonia con l'architettura, privilegiando una palette acromatica e naturale». Il risultato è una casa che cattura la luce californiana dalle sue ampie vetrate, creando uno spiccato contrasto tra il rovere nero e il nitore impeccabile di pareti, sedute e tappeti. Un'elegante allure senza ostentazioni e forzature è il fil rouge comune agli spazi della socialità e alla parte più privata dell'abitazione, articolata in quattro camere da letto. Sopra la vasca freestanding si fa notare, invece, una sospensione a spirale chic e vezzosa, star del bagno padronale. Davies-Gaetano, che l'ha disegnata, ne ha affidato la creazione agli specialisti dell'illuminazione Marcia Zia e Paul Priven, gli stessi dell'imponente chandelier nel soggiorno.

Nel dehors si conquista una vetta di sorprendente bellezza con l'allestimento ideato da John Shippy di Geoscape. Contemplare il tramonto dal divano incastonato in una struttura in muratura è la quintessenza del relax, enfatizzata dal tavolo con braciere al centro, dall'inatteso twist spettacolare. Le fiamme che lo fanno vibrare trasmettono tepore e accoglienza, in una rivisitazione contemporanea del focolare d'antan. Per godere anche all'aperto di una mite serata di fine estate.

Qui, letto bespoke di Ohara Davies-Gaetano; ottomane Arc Bench, firmata Barbara Ferry; chaise-longue Patricia by Thomas Pheasant, Baker; lampadario, 1stdibs. Al centro, lo spazio outdoor con coppia di coffee table di Gloster. A destra, nel bagno, tavolino di Baker, piastrelle Concept Studio e chandelier Zia Priven.
GIOCHI DI LUCE NATURALE E RAFFINATI CHANDELIER DIALOGANO CON SUPERFICI GLOSSY E GEOMETRIE RIGOROSE