ZINIO logo
ESPLORALA MIA LIBRERIA
Scienza
Focus D&R

Focus D&R

2020 / 04

Focus Domande e Risposte è la rivista interamente dedicata alle domande più curiose, intelligenti, imbarazzanti, ma non impossibili. Permette di accostarsi in modo originale e immediato alla conoscenza scientifica con domande mai scontate, rapidità di lettura e divertimento. Tra i contenuti: notizie scientifiche, risultati di ricerche in tutti i campi, ma anche tematiche più leggere, curiose e ironiche e tante notizie legati a temi di attualità e di forte impatto.

Leggi di più
Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Mondadori Scienza S.p.A.
Frequenza:
Quarterly
COMPRA NUMERO
3,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
9,99 €(VAT inclusa)
4 Numeri

in questo numero

2 minuti
chi ha il pene più strano del mondo animale?

Non è facile dare una sola risposta: ci sono peni a cavatappi, doppi, sempre eretti, staccabili… Ne fa una rassegna Emmanuelle Pouydebat, del Centro Nazionale della Ricerca Scientifica francese, nel libro Sexus Animalus (edizioni L’Ippocampo). In natura ce n’è per tutti i gusti. Cominciamo dal record numerico: serpenti e lucertole ne hanno due. Per la precisione, hanno un pene bifido che si biforca in due emipeni, a volte con due ulteriori punte. Prendiamo il marasso: questa vipera eurasiatica usa uno o l’altro dei suoi emipeni in una delle vagine della femmina (in effetti, anche loro ne hanno due). Nel momento dell’utilizzo, avviene una “eversione”: di norma l’organo sessuale è rivoltato nel corpo e quando fuoriesce si rovescia come un guanto. Il coccodrillo marino e l’alligatore del Mississippi hanno invece un pene…

1 minuti
editore

“IL BELLO DI FOCUS D&R è che riesce sempre a sorprenderci. Sì, perché prima di stupire voi che ci leggete, certe domande lasciano interdetti anche noi. Alcune, certo, sono farina del nostro sacco, ma molte ce le suggerite voi e, tra queste, le migliori sono sempre quelle dei bambini. Qualche esempio: perché i crackers hanno i buchi? (la risposta è a pag. 77). Oppure, perché le nuvole non ci cadono in testa? (a pag. 43). Tante altre D&R, però, le troviamo spulciando le più prestigiose riviste scientifiche, dove gli studiosi pubblicano i risultati delle loro ricerche. Ed è così che troviamo conferma del fatto che, per essere bravi scienziati, bisogna essere rimasti “candidi e curiosi” come i bambini. Altrimenti, come si spiegherebbe, per esempio, uno studio svolto su mille gatti…

1 minuti
chi vince le olimpiadi degli animali?

ALTRI CAMPIONI PUGILATO CANOCCHIA PAVONE Il pugno più forte del regno animale non è né della lepre né del canguro, ma di un crostaceo marino. I due arti raptatori della canocchia pavone sviluppano una forza di 500 newton l’uno e colpiscono alla velocità di 23 m/s, ovvero 83 km/h... nell’acqua! Va detto che un peso massimo della boxe può anche sferrare colpi di 6.500 newton, ma con una massa circa 100 volte superiore, e senza la resistenza dell’acqua. MARATONA RONDONE COMUNE Questo diffusissimo pennuto è in grado di volare per oltre 900 km al giorno e sedici ore di fila, percorrendo la distanza di una maratona (42,195 km) in appena 45 minuti netti. Basti pensare che il record ufficiale umano appartiene al kenyano Eliud Kipchoge, che nel 2018 vinse a Berlino in 2 ore,…

1 minuti
i serpenti possono essere amici fra di loro?

SÌ Lo prova uno studio pubblicato su Behavioral Ecology and Sociobiology e condotto dalla Wilfrid Laurier University in Canada. La ricerca si è concentrata su 40 esemplari di serpente giarrettiera (nella foto), un rettile non velenoso che popola Nord e Centro America. Per obbligarli a creare delle unioni, sono stati prima divisi in gruppi di dieci e poi inseriti in una teca con solo 4 tane. Dopo giorni di attente osservazioni dei legami nati, la teca è stata svuotata e ripulita per eliminare ogni odore. Successivamente i serpenti sono stati reintrodotti in ordine sparso. Ebbene, ognuno di loro ha cercato i compagni con cui era nelle tane nella prima parte dell’esperimento, dimostrando di preferire la compagnia dei “vecchi amici”. Quale sia il motivo che li spinge a creare e conservare…

1 minuti
dove vanno i gatti quando si allontanano?

Ci sono gatti famosi per la loro pigrizia che mai lascerebbero il loro appartamento. Ma se i padroni hanno un giardino e lasciano ai felini maggiore libertà, molti di questi animali passano gran parte del loro tempo gironzolando fuori di casa. Ma dove vanno questi gatti quando si allontanano? Se lo sono chiesto alcuni ricercatori dell’Università della Carolina del Nord (Usa), e per scoprirlo hanno legato per una settimana dei radiotrasmettitori Gps attorno al collo di mille gatti, sia domestici sia randagi. Lo studio, non a caso, è stato intitolato Cat Tracker (tracciatore di gatti). VAGABONDI? Il tracciamento dei loro percorsi ha dato un risultato inequivocabile: la maggior parte degli animali controllati (compresi i gatti selvatici) ha trascorso tutto il tempo a meno di 100 metri dal proprio “domicilio”, mentre i…

1 minuti
il riscaldamento globale fa scollare le cozze?

Le cozze si attaccano a una grande varietà di materiali, dagli scogli al legno dei pontili e delle barche, alle plastiche galleggianti. Per farlo utilizzano il bisso, una fibra cheratinosa e filamentosa da loro prodotta assorbendo anche il ferro presente in mare, che ne aumenta la resistenza. L’acidificazione delle acque, conseguente all’aumento delle temperature, potrebbe però alterare la disponibilità di questo elemento: le cozze infatti per produrre il bisso utilizzano il ferro in forma di particolato, ma la diminuzione del pH spinge il particolato a disciogliersi, rendendo più difficile la cattura dei nutrienti per gli organismi filtranti. Uno studio della Purdue University di West Lafayette (Usa) ha confermato questa tesi, mostrando che le cozze in acque carenti di ferro avevano capacità di adesione più deboli.…