Focus D&R 2021 / 01

Focus Domande e Risposte è la rivista interamente dedicata alle domande più curiose, intelligenti, imbarazzanti, ma non impossibili. Permette di accostarsi in modo originale e immediato alla conoscenza scientifica con domande mai scontate, rapidità di lettura e divertimento. Tra i contenuti: notizie scientifiche, risultati di ricerche in tutti i campi, ma anche tematiche più leggere, curiose e ironiche e tante notizie legati a temi di attualità e di forte impatto.

Leggi di più
Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Mondadori Scienza S.p.A.
Frequenza:
Interrupted
3,99 €(VAT inclusa)
9,99 €(VAT inclusa)
4 Numeri

in questo numero

2 min
si può barare a un gioco da tavolo?

Avete mai pensato di “barare” a un gioco da tavolo? O addirittura di indurre gli avversari a fare le mosse sbagliate o quelle che possono favorirvi? Certo non è un pensiero natalizio, ma intorno al Monopoli o perfino davanti al tabellone di giochi apparentemente più semplici come Scarabeo il desiderio di vincere può prendere chiunque. E un modo di manipolare gli altri concorrenti c’è: basta usare la cosiddetta “psicologia inversa”. Funziona soprattutto nei giochi dove la strategia è importante. Parola di Corey Butler, psicologo sociale all’Università del Minnesota, scacchista e giocatore impenitente, che, a dire il vero, a dare questi consigli si è sentito un po’ “viscido”. 1 Scegli con saggezza il giocatore da manipolare: la psicologia inversa non funziona con tutti. Ma dato che al tavolo da gioco ci si…

focdrit2101_article_003_01_01
1 min
editore

“CON QUESTO NUMERO DI FOCUS D&R chiudiamo il 2020... e non ci dispiace neanche un po’. Scommettiamo: neanche a voi! Abbiamo davvero bisogno, tutti quanti, di scrollarci dalle spalle tristezza e preoccupazioni e di guardare al futuro con un po’ di coraggio e di ottimismo. Così, la copertina di questo numero l’abbiamo fatta gialla, come il sole e come gli “smile”, sperando che porti anche a voi almeno un briciolo di allegria. E poiché niente, ma proprio niente, passa da questa redazione senza che ne nasca una domanda (e una risposta), ci siamo chiesti come mai il colore giallo evoca la gioia e nello stesso tempo anche la paura, la brillante purezza dell’oro e la repulsione del veleno: scopritelo a pag. 72. Buona lettura!…

3 min
quali sono i dieci animali più pericolosi del mondo?

SQUALO BIANCO Secoli di letteratura lo identificano come uno dei più infallibili killer marini, ed è vero, ma solo nei confronti delle altre creature acquatiche. In realtà lo squalo si tiene alla larga dall’uomo e se lo attacca è spesso per un errore di identificazione (può scambiare, per esempio, le tavole da surf per foche o leoni marini). Si stima infatti che dal 1876 a oggi abbia ucciso “solo” 65 persone. LEONE Nell’immaginario collettivo, questo regale felino rappresenta l’animale pericoloso per antonomasia, e in effetti se si entra nel suo territorio il rischio di non uscirne vivi è alto. Il suo morso squarcia anche le carni più dure, mentre astuzia, agilità e velocità gli permettono di raggiungere ogni tipo di preda. Un consiglio, se doveste trovarvi a scappare da un leone: fatelo zigzagando…

focdrit2101_article_006_01_01
1 min
perché le zampe delle renne fanno “clic”?

Gli esemplari più giovani emettono un suono più flebile, mentre gli adulti producono un “clic” ben udibile quando camminano. Lo schiocco, prodotto dall’attrito tra un tendine e un osso delle zampe posteriori, servirebbe per segnalare la propria presenza e individuare quella di altri esemplari quando c’è scarsa visibilità. In inverno, il ticchettio delle articolazioni di alcune sottospecie di renne informa il resto del branco sui propri movimenti anche a distanza, e si rivela particolarmente utile durante le tempeste di neve. ODORI E COLORI. Il rumore non è però la sola caratteristica particolare delle loro zampe: appena sopra gli zoccoli vi è una ghiandola che rilascia una scia di odori al suolo, rendendo rintracciabili le renne dai propri simili. Inoltre, quando fuggono da situazioni pericolose, sollevano la coda, mostrandone il lato chiaro.…

focdrit2101_article_008_01_01
1 min
quante ne servono per la slitta di babbo natale?

5,6 milioni. È questo il numero di esemplari che secondo il quotidiano inglese The Telegraph sarebbe necessario a trainare il carico di Babbo Natale, stimato in 925.000 tonnellate di giocattoli. Non sono però tutti concordi. Una ricerca di Joel Potischman e Bruce Handy ritiene che il numero sia inferiore: basterebbero 214.200 renne, ma solo se ogni bambino avesse in regalo un normale Lego, dal peso di circa 900 g. La slitta trasporterebbe allora circa 321.300 tonnellate di regali, alle quali andrebbe aggiunto il peso di Babbo Natale (circa 150 kg) più quello delle renne stesse, il che porterebbe il carico da trasportare a 353.430 tonnellate. Ogni renna traina circa 136 kg, ma le renne volanti si ipotizza riescano a trasportare un peso dieci volte superiore…

1 min
un animale può stare immobile per 7 anni?

SÌ È rimasto completamente fermo per 2.569 giorni, poco più di sette anni: è il record raggiunto da un proteo, un anfibio parente delle salamandre che vive esclusivamente nell’ambiente acquatico delle grotte. Si tratta di uno dei 19 esemplari osservati per 8 anni nella grotta Vruljak 1, in Bosnia, da un team dell’Università di Budapest. Il più dinamico del gruppo si è spostato di 38 metri in 230 giorni, ma la maggioranza si è mossa in media di soli 5 m in un anno. Del resto, i protei non hanno fretta: possono sopravvivere per anni senza mangiare e restare tranquilli in attesa di catturare una preda, di solito un piccolo crostaceo, solo quando il boccone capita nel loro raggio d’azione. Un adattamento dovuto alla carenza di cibo, che ha imposto…

focdrit2101_article_009_01_01