Focus Italia

Focus Italia Maggio 2021

Aggiungi ai preferiti

Focus approfondisce temi di grande attualità: scienza e natura, tecnologia e comportamento, cultura e misteri, medicina ed economia, storia ed ecologia, innovazione. Soddisfa la curiosità dei suoi fedeli lettori suscitando emozione e interesse anche attraverso immagini spettacolari ed esclusive. Si avvale di scienziati, ricercatori, tecnici ed esperti di fama mondiale. Lo stile chiaro e diretto permette di raggiungere tutti e di far conoscere il mondo in modo divertente e sempre più coinvolgente. Focus stimola la tua voglia di sapere e soddisfa anche le curiosità che non sapevi di avere!

Leggi di più
Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Mondadori Scienza S.p.A.
Frequenza:
Monthly
COMPRA NUMERO
2,98 €(VAT inclusa)
ABBONATI
23,86 €(VAT inclusa)
12 Numeri

in questo numero

1 minuti
focus realtà aumentata

SCARICA LA APP Vai sul tuo store (App Store o Google Play) e cerca la app gratuita Focus Realtà Aumentata; scaricala e aprila. Se l’avevi già fatto per i numeri scorsi, basta aggiornarla. INQUADRA LA PAGINA Dove trovi l’immagine qui a fianco, c’è un contenuto in realtà aumentata: video, foto a 360°, test, modelli 3D e tanto altro. Inquadra la pagina con la app, che attiva la fotocamera di smartphone o tablet. E goditi lo spettacolo (più a destra, i contenuti di questo numero). DA SAPERE • La app ti mostra i contenuti in realtà aumentata di Focus in edicola. Per vedere quelli dei numeri precedenti, seleziona il numero nel menu della app, in alto a sinistra sullo schermo. • Per vedere alcuni contenuti può essere necessario che sia attiva una costante connessione dati cellulare o…

7 minuti
tutti i mondi del mondo

Quando moriamo si dice che andiamo all’altro mondo, alcuni miti celtici definivano Otherworld il luogo dove defunti e divinità si incontravano, Montezuma pensò che i conquistadores spagnoli con cavalli, armature e archibugi venissero da quel mondo lì, mentre i predatori di Cortés consideravano il Messico più prosaicamente un mondo nuovo perché poteva fornire loro ricchezze nuove. Se poi pensate al meraviglioso tuffatore dipinto nel sarcofago di Paestum, lo si vede saltare verso un aldilà che è il nostro mare. Recentemente ho visto un video di mia zia Pina ultranovantenne che per manifestare il suo stupore, con un’espressione tutta siciliana, diceva: “Cose, cose...” che significa “cose da pazzi, cose dell’altro mondo” e che si usa lasciare in sospeso per accentuare ancora di più l’incredulità. Trovo intriganti tutte queste espressioni perché nonostante servano…

2 minuti
sì, sono io!

I membri di questo club, uno dei più esclusivi, sono una decina: noi, i nostri parenti più prossimi tra i primati, qualche esemplare di altre specie. Sono stati respinti in molti, invece, dai gatti ai panda. Ora però a fare il loro ingresso tra i soci sono i cavalli, che hanno mostrato la dote necessaria: la capacità di riconoscersi allo specchio. Che, per gli etologi, è una misura della presenza della consapevolezza di sé. I cavalli hanno infatti superato il “test dello specchio” (cosa non scontata: i bambini ci riescono in genere solo dai 18-24 mesi di età). Si fa un segno sul corpo dell’animale, in un punto visibile solo se esso si guarda allo specchio. Se riconosce se stesso nell’immagine riflessa, vede il segno e reagisce alla sua presenza,…

1 minuti
la placenta è difettosa, ma funziona

Un concentrato di aberrazioni cromosomiche, mutazioni genetiche e cellule impazzite. Un agghiacciante miscuglio, all’apparenza incompatibile con qualsiasi funzionalità. La placenta, però, è fatta così. E tollera questi difetti come se nulla fosse, continuando a nutrire e ossigenare il feto per tutto il tempo necessario. A fotografare la struttura dell’organo è stato uno studio inglese pubblicato su Nature. I ricercatori hanno analizzato il Dna di 86 frammenti, prelevati da parti diverse di 42 placente. Il risultato ha sorpreso anche loro. Un guazzabuglio. Infatti, si sapeva già che la placenta presenta aberrazioni cromosomiche che sono assenti nel feto. Ma che le anomalie fossero così estese è un fatto nuovo, anche perché quest’organo si forma, nelle prime fasi della gravidanza, a partire da cellule dello stesso embrione. Nei campioni esaminati sono state trovate mutazioni…

1 minuti
abbiamo un cervello grande per cacciare animali enormi (e poi piccoli)

E se le dimensioni del nostro cervello (e quindi l’intelligenza umana) dipendessero dalla caccia? Secondo uno studio dell’Università di Tel Aviv (Israele) è stato proprio questo il “motore” principale dello svilluppo cognitivo umano. Se sappiamo parlare o capire che cosa sta passando nella testa altrui, insomma, è tutto merito delle nostre prede, e in particolare delle loro dimensioni. I ricercatori hanno studiato le taglie medie dei grandi erbivori e le hanno messe in rapporto con la grandezza del cervello umano. In gruppo. Inizialmente, i nostri antenati hanno affrontato animali grandi. Per poter abbattere questi colossi era fondamentale cacciare in gruppo, e quindi capirsi al volo con i nostri simili. Con il passare del tempo e l’estinzione dei grossi pachidermi, però, l’uomo ha dovuto imparare a inseguire e catturare prede più piccole…

1 minuti
a milano il più grande apiario urbano d’italia

Senza le api, anche la nostra vita sarebbe molto più difficile. Innanzitutto non avremmo più il 71% della frutta e degli ortaggi che siamo abituati a consumare e poi mancherebbero molte specie di piante da fiore. Insetti utilissimi, dunque, e purtroppo a rischio di estinzione in molti Paesi. Ecco perché, su iniziativa del settimanale Donna Moderna (Mondadori), è stato realizzato, in collaborazione con Green Island/Alveari Urbani, il più grande apiario urbano d’Italia: oltre un milione di api popolano ora 17 arnie poste nelle aree verdi di Cascina Merlata e Giardino di San Faustino, a Milano. Contribuiranno a impollinare le piante presenti in città e nell’hinterland. Challenge. Tutto è cominciato a fine marzo, quando, per far crescere la sensibilità ai temi ambientali, Donna Moderna ha lanciato il progetto #BeeGreen, con una sfida…