Focus Italia Settembre 2021

Focus approfondisce temi di grande attualità: scienza e natura, tecnologia e comportamento, cultura e misteri, medicina ed economia, storia ed ecologia, innovazione. Soddisfa la curiosità dei suoi fedeli lettori suscitando emozione e interesse anche attraverso immagini spettacolari ed esclusive. Si avvale di scienziati, ricercatori, tecnici ed esperti di fama mondiale. Lo stile chiaro e diretto permette di raggiungere tutti e di far conoscere il mondo in modo divertente e sempre più coinvolgente. Focus stimola la tua voglia di sapere e soddisfa anche le curiosità che non sapevi di avere!

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Mondadori Scienza S.p.A.
Frequenza:
Monthly
2,98 €(VAT inclusa)
23,86 €(VAT inclusa)
12 Numeri

in questo numero

5 min
stressati e contenti

Scrivere questi articoli mi piace, mi diverte e mi stressa. Quando picchietto sulla tastiera, le pupille si dilatano, divento una corda tesa, mi isolo nella concentrazione, ogni distrazione mi irrita, non sono mai soddisfatto, cambio, ricambio, correggo. Ma si può far bene una cosa da stressati? Se è una condizione transitoria, mirata, circoscritta, si può. Molti lo chiamano stress positivo, anche se altri studiosi cominciano a dividersi nel definirlo stress (per ricredersi, venissero qui a osservarmi). Secondo i teorici dello stress positivo, una buona dose di stress è in noi innata dopo millenni di evoluzione. Crescere e moltiplicarsi è lo scopo di tutti gli esseri viventi non soltanto una frase scolpita nella Bibbia, ma è dura la lotta per la sopravvivenza e doveva essere molto più dura in un mondo dove…

focusit2109_article_006_01_01
1 min
focus live sfide conto alla rovescia

• La nuova edizione di Focus Live sta prendendo forma. Vi diamo qualche anticipazione a pag. 28 e altre seguiranno nei prossimi numeri. Dall’11 al 14 novembre, al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, ci potremo incontrare di nuovo in presenza (ma chi non riuscirà a venire, potrà seguire il festival in streaming). Il format è sempre lo stesso: quattro giorni di eventi, conferenze, laboratori e incontri con scienziati, esploratori e divulgatori. Per vedere dal vivo come funziona la scienza e il metodo scientifico. Per lasciarsi ispirare da grandi personaggi. E soprattutto, per capire, divertendosi.…

1 min
a tu per tu con gli atomi

Una foto di questo tipo può ricordare strani oggetti celesti o misteriose cellule di qualche animale. Invece è l’immagine a più alta risoluzione che sia mai stata realizzata finora di atomi, come riporta la rivista Science. È frutto del lavoro di alcuni ricercatori della Cornell University di Ithaca (Usa), che già erano entrati nel Guinness dei primati nel 2018 proprio per la foto a più alta risoluzione mai scattata (fino ad allora). Ma che ora hanno battuto il loro stesso primato. A ben vedere, non è esattamente una fotografia tradizionale, perché nessun microscopio, per quanto sofisticato, consentirebbe di “fotografare” gli atomi. È stata ottenuta invece con una tecnica detta pticografia elettronica: consiste nell’inviare un fascio di elettroni, circa un miliardo al secondo, su un materiale bersaglio. Ma quando gli elettroni…

focusit2109_article_008_01_01
1 min
nella testa dei troll

Narcisisti, machiavellici, psicopatici. E con il gusto di godere delle disgrazie altrui: è l’identikit dei “troll”, le persone che pubblicano messaggi provocatori, falsi o fuori tema sui social media. La parola “troll” evoca infatti i demoni del folklore scandinavo: creature antisociali, litigiose e lente che rendono la vita difficile ai viaggiatori. Una nuova ricerca della Brigham Young University (Usa), pubblicata sulla rivista Social Media and Society, ha fatto luce sui motivi e sulle caratteristiche della personalità dei troll di Internet. Aspetti oscuri. Attraverso un sondaggio online completato da oltre 400 utenti di Reddit, lo studio ha scoperto che i troll sono per lo più individui con tratti oscuri della personalità. Hanno maggiori probabilità di dimostrare comportamenti di questo genere se traggono piacere dall’osservare passivamente gli altri soffrire: le persone che provavano…

focusit2109_article_010_01_01
1 min
quei cosmetici preistorici di 6.000 anni fa

Oggi le signore mettono i cosmetici in borsetta. Più di 6.000 anni fa, li portavano in bottigliette agganciate con una corda alla vita o al collo. Uno studio ha infatti scoperto, in contenitori risalenti al 4350-4100 a.C. trovati in Slovenia, le tracce di sostanze usate forse come “make up”. L’impiego di cosmetici sarebbe quindi stato diffuso in Europa oltre mille anni prima che in Egitto o in Mesopotamia, dove finora se ne erano trovate le tracce più antiche. Trucco. Il team guidato da Bine Kramberger, dell’Istituto per la protezione dell’eredità culturale della Slovenia, con Christoph Berthold e Cynthianne Spiteri, entrambi dall’Università di Tubinga, ha analizzato le tracce rimaste in 14 bottigliette (sotto). In alcune, i ricercatori hanno trovato resti di un minerale contenente piombo, chiamato cerussite, e di altri minerali del…

focusit2109_article_010_03_01
1 min
anche l’amazzonia, in alcune aree, comincia a emettere co2

Le foreste, si sa, sono un ottimo modo per “ripulire” l’aria dall’anidride carbonica; ma non sono il rimedio definitivo, perché poi gli alberi, alla fine della loro vita, tornano a essere fonti di CO2 invece di assorbirla. Risultato: le foreste assorbono CO2 quando si espandono, ma la emettono quando si restringono. Decadimento. È quanto sta cominciando a verificarsi, secondo uno studio, in particolare nel Sud-est dell’Amazzonia: le misurazioni atmosferiche mostrano che la deforestazione e il riscaldamento hanno ridotto o eliminato la capacità soprattutto di quest’area di assorbire carbonio (sotto forma di CO2 ). I ricercatori hanno utilizzato un aeroplano per misurare direttamente le concentrazioni di anidride carbonica e monossido di carbonio in quattro luoghi dell’Amazzonia per nove anni, a partire dal 2010. Nel Sud-est, è stato emesso più carbonio dai processi…

focusit2109_article_011_01_01