ESPLORALA MIA LIBRERIA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Cultura e Letteratura
Focus StoriaFocus Storia

Focus Storia Giugno 2018

La rivista interamente dedicata alle vicende, ai personaggi, alle curiosità che hanno caratterizzato i secoli passati. Ogni mese un numero speciale da conservare, con i grandi temi approfonditi alla maniera di Focus, per entrare nella Storia in modo diverso e avvincente.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Mondadori Scienza S.p.A.
Leggi di piùkeyboard_arrow_down
COMPRA NUMERO
3,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
27,99 €(VAT inclusa)
12 Numeri

IN QUESTO NUMERO

access_time1 minuti
editoriale

Tutti ci ricordiamo Mani Pulite, e sappiamo quanto l’inchiesta milanese ha cambiato l’Italia, anche se certamente in modo controverso, anzi “devastante”, come spiega bene in questo numero la storica Simona Colarizi. Ma, proprio perché è così vivo il ricordo dell’inchiesta milanese, dovrà ancora passare del tempo prima che la nebbia della cronaca si diradi per lasciare il posto alla luce, sia pure relativa, della Storia. È certo invece che, nel corso dei millenni, ai grandi processi è sempre stato dato il compito di chiudere delle epoche e riaprirne altre, e poco importa, come vedremo, se le sentenze spesso non hanno ricostruito gli eventi né reso giustizia alle persone coinvolte. I processi, giusti o ingiusti, equanimi o strumentali, anche quando non hanno svelato la verità, per la sola ragione di essere…

access_time1 minuti
ancora sulle monete antiche

Volevo rispondere alla signora Anna Bembo che su Focus Storia n° 139 chiedeva informazioni su due monete. Premetto che per avere un’identificazione certa si dovrebbe conoscere peso e diametro di ciascuna moneta. In ogni caso, la prima (in alto a sinistra) dovrebbe essere un quattrino battuto nella città di Bologna tra ’600 e ’700. Sul dritto della moneta dovrebbe esserci la scritta bononia docet . Per quanto riguarda la seconda moneta, si tratta di un quattrino coniato a Roma sotto Clemente VIII, tra il 1592 al 1605, da una parte reca lo stemma del pontefice e dall’altra la Porta Santa. Le due monete sono state coniate nell’area di influenza dello Stato Pontificio, di cui anche Bologna faceva parte.…

access_time4 minuti
la pagina dei lettori

La lunga marcia di Radetzky Con feldmaresciallo Radetzky ( Focus Storia n° 138) vorrei aggiungere un curioso accenno alla sua citata esperienza militare fatta contro le armate napoleoniche, in particolare a Marengo, memoria storica di noi alessandrini. È noto che la famosa “battaglia”, nello stesso 14 maggio 1800, ebbe storicamente due fasi: la prima cessò alle ore 15 con i francesi in rotta; a seguire, la seconda vide l’entrata in campo del generale Desaix, e finì con gli austriaci sconfitti e la resa del 71enne comandante dell’armata austriaca in Italia barone von Melas. Vinta la prima fase, lasciando che altri suoi comandanti inseguissero i fuggitivi, il Melas si premurò di comunicare a Vienna l’avvenuta “vittoria”spedendo alla capitale un dispaccio a mezzo di un fidato corriere: il 34enne tenente colonnello aiutante generale…

access_time1 minuti
ma quali suicidi?

Non furono poi molti i soldati del colonnello George A. Custer che si suicidarono il 25 giugno 1876 nella battaglia di Little Big Horn contro gli indiani Sioux e Cheyenne. Furono i racconti dell’epoca a sostenere che molti militari, vedendosi inferiori di numero e circondati, si fossero sparati per evitare di cadere in mano nemica, temendo di essere torturati e uccisi. Sopraffatti. Risultati diversi hanno dato recentemente le ricerche di una bioarcheologa dell’Università del Montana, Genevieve Mielke, che ha prima esaminato 30 resoconti dell’epoca e gli esiti della riesumazione di una parte dei caduti. In 14 delle fonti storiche, risalenti a nativi americani e a reggimenti che operavano nell’area, la studiosa ha rilevato la descrizione di casi di morte volontaria; dai dati sull’esame dei resti di 31 dei 268 caduti del…

access_time2 minuti
il fumo della tirpitz che fermò la natura

Della nebbia tossica artificiale che nascondeva la corazzata nazista Tirpitz , ormeggiata nei fiordi norvegesi, rimane ancora traccia nei boschi circostanti. Lo rileva uno studio di Claudia Hartl, che, all’Università Johannes Gutenberg di Magonza (Germania), si occupa di dendrocronologia, la scienza della datazione attraverso lo studio degli anelli di crescita degli alberi. Tutto era iniziato nel 1942, quando l’enorme corazzata tedesca, lunga 250 metri, si appostò nei fiordi settentrionali per attaccare le navi alleate che rifornivano l’Urss. Alla fine del 1944, però, la Tirpitz fu bombardata. Per difenderla, soldati con apposite tute protettive sparsero acido clorosolfonico, una sostanza corrosiva che formò un’enorme cortina fumogena. Non bastò e la corazzata fu affondata dagli inglesi. Alberi stressati. Mentre prelevava campioni intorno al Kåfjord (Norvegia) – dov’era ancorata nel ’44 la Beast , “la…

access_time1 minuti
pennuti superstar

Tra il I e il IV secolo d.C., nei Paesi nordici chi voleva dimostrare il proprio status doveva sfoggiare oche e galline. “Colpa” dei Romani, che le consideravano sacre alla dea Giunone, diventarono ambite anche presso gli scandinavi per i quali invece erano una rarità. I ricchi danesi modificarono addirittura i loro rituali di sepoltura, aggiungendo i volatili agli oggetti preziosi del corredo funerario. Intorno alla metà del II secolo, il principe sepolto in una delle tombe più fastose analizzate dai ricercatori dell’Università di Copenaghen, nel sito di Ellekilde presso Torslunde (Danimarca), aveva con sé un’oca, un maiale, una mucca, una pecora e un cane. Migliori amici. Le scoperte si devono agli archeologi danesi che hanno esaminato un centinaio di sepolture e che, per la prima volta, hanno collegato il prestigio…

help