ESPLORALA MIA LIBRERIA
Bambini e Ragazzi
Focus Wild

Focus Wild Luglio 2020

Focus Wild è la rivista per ragazzi e ragazze dai 10 ai 14 anni appassionati di animali e cuccioli. Suddivisa in due parti, nella sezione Mondo si potranno ammirare immagini fantastiche, reportage sugli animali e sul loro comportamento, interviste con personaggi famosi e tante notizie curiose; nella sezione PetClub si troveranno tutti i consigli e i trucchi per la cura dei propri animali domestici.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Mondadori Scienza S.p.A.
Frequenza:
Monthly
Leggi di più
COMPRA NUMERO
3 €(VAT inclusa)
ABBONATI
19,99 €(VAT inclusa)
12 Numeri

in questo numero

1 minuti
pixel

UN MINUSCOLO ACROBATA Il topolino delle risaie (Micromys minutus) è il più piccolo roditore europeo (è lungo meno di 10 centimetri) ed è un abile arrampicatore: per cercare il cibo, sale sullo stelo delle erbe alte aiutandosi con le zampe e con la coda prensile, che misura quanto tutto il corpo. UN SORRISO SMAGLIANTE Lo squalo limone (Negaprion brevirostris) deve il suo nome al colore giallo pallido della sua pelle, simile a quello della sabbia, grazie al quale si camuffa molto bene quando nuota sul fondale alla ricerca di prede. Questo individuo, in cui sono ben visibili i denti affilati e lisci, ha sul dorso due remore, pesci dotati di una ventosa sulla testa che serve per attaccarsi al corpo di altri animali e farsi trasportare.…

1 minuti
editoriale

Cari lettori, il desiderio più grande per un cane è collaborare con noi, fare cioè qualcosa insieme al suo branco. Così, grazie al suo impegno, al suo olfatto e ad altre sue qualità, lo abbiamo "assunto" per svolgere tanti nuovi mestieri in cui ci dà un aiuto insostituibile. Non solo bagnini o cani guida, dunque, ma ora ci sono addetti alla sicurezza in aeroporto, cani antibracconaggio, guardaparco e investigatori privati (pag.18)! Se, invece, siete tra i milioni di italiani che vivono con un gatto, a pag. 54 Sonia Campa spiega perché il vostro micio potrebbe non aver preso bene la quarantena e la vostra costante presenza in casa! Buona lettura, Chiara (e Vito)…

1 minuti
i nostri esperti di questo numero:

SONIA CAMPA Docente presso il Master universitario in Etologia degli Animali d’Affezione dell’Università di Pisa; si occupa della relazione uomo-gatto e uomo-cane. GÉRARD MANGIAGALLI Veterinario,presidente di Milano Natura (www.milanonatura.it). ROBERTO MARCHESINI Etologo e studioso della relazione tra l’uomo e le altre specie animali. Fondatore di SIUA (Scuola di Interazione Uomo-Animale). PIERO PAPA Vice Ispettore del Corpo Forestale dello Stato, si occupa di sorveglianza, didattica, recupero e gestione della fauna selvatica. GIULIA PARACCHINI Istruttore cinofilo, consulente della relazione felina, operatore di zooantropologia assistenziale e didattica. DUNIA RAHWAN Biologa, educatore cinofilo, si occupa della riabilitazione dei cani di canile. Appassionata di etologia e di immersioni subacquee. FRANCESCO TOMASINELLI Dottore in Scienze ambientali marine, naturalista e fotografo specializzato in scienza, viaggi e natura.…

1 minuti
il è servito!

LA PIÙ GRANDE AQUILA EUROPEA VOLA BASSA SULLE ACQUE, CON LENTE BATTUTE D'ALI, PER CATTURARE IL PESCE IN SUPERFICIE…

3 minuti
notizie dal mondo

Alba sta benissimo! Indonesia. La femmina di orango del Borneo (Pongo pygmaeus) affetta da albinismo, l’unico esemplare conosciuto al mondo, è stata avvistata in ottima salute nella foresta pluviale del Kalimantàn dopo un anno e mezzo dalla liberazione. Alba era stata salvata nel 2017 dalla Borneo Orangutan Survival Foundation quando era cucciola e viveva in gabbia, tenuta come animale da compagnia. Sottopeso, disidratata e divorata dai parassiti, era stata portata al centro di recupero per oranghi della Fondazione e lì aveva iniziato il lento recupero. Essendo albina, si temeva che sviluppasse problemi alla vista e all’udito, o il cancro alla pelle, oppure che non riuscisse a integrarsi con i suoi simili. Invece Alba è cresciuta sana e forte, è stata accettata dagli altri oranghi del centro e si è riabituata alla vita selvatica; così nel…

5 minuti
l’impollinazione è servita

Sembra che almeno i tre quarti delle piante siano impollinate dagli animali, soprattutto dagli insetti. I fiori producono il nettare, una sostanza zuccherina impiegata per attirare ospiti che si fermano a mangiare sulla pianta. Così facendo spesso gli animali caricano sul loro corpo il polline, indispensabile per fecondare le piante quando si spostano su un altro fiore della stessa specie. Solo in questo caso un vegetale può essere fecondato e produrre i semi che garantiscono la sua propagazione. NON POTREMMO VIVERE SENZA DI LORO Nel corso di un’uscita ogni ape (Apis mellifera) deve visitare diverse decine di fiori per raccogliere abbastanza nettare, mentre il polline depositato sul corpo viene condensato sulle zampe posteriori, unendo a esso un po’ di nettare che funge da collante. Le api sono così importanti non solo perché…