Marie Claire Italia

Dicembre 2021 - Gennaio 2022

Quando l'eleganza è di moda. Una delle più qualificate riviste internazionali. Moda da sogno, shopping irrinunciabile, bellezza e benessere. Approfondimenti di attualità e interviste esclusive. Marie Claire da oltre 25 anni racconta le donne e le loro passioni con uno stile unico e inconfondibile

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
HMC IITALIA SRL
Frequenza:
Monthly
2,98 €(VAT inclusa)
14,99 €(VAT inclusa)
12 Numeri

in questo numero

3 min
editoriale

Scrivere il mio primo editoriale proprio per il mese che ci accompagna al Natale è una bella responsabilità. Si avvicina infatti il periodo dell’anno che tutti aspettano e che in un lampo finisce, e tra burberi Grinch e bambini mai cresciuti, a Natale è sempre difficile mettere tutti d’accordo. Sta per chiudersi un anno difficile e dovremmo almeno in questo periodo vivere ogni giorno più intensamente. Abbiamo bisogno di essere rassicurati, di coccolarci e ritagliare del tempo solo per noi, ascoltare musica, fare delle camminate in mezzo alla natura, sentire amiche, stare vicini ai genitori e farsi delle risate con i nostri bambini, riaccendere i nostri interessi. È proprio dalla rassicurazione e dalla voglia di andare avanti che nascono queste pagine: vi terranno compagnia in edicola fino all’anno nuovo. Alcuni…

marclarit2112_article_028_01_01
1 min
digital

La nostra playlist del 2022 avrà la loro voce, il loro mood, la loro urgenza di raccontarsi: abbiamo intervistato le otto autrici protagoniste del servizio di moda di Elisabetta Massari, scattato da Mattia Guolo, intitolato "Unplugged Vol. 2°". Il risultato sono le video-interviste esclusive che trovate su MarieClaire.it e sui nostri profili IG e FB: ascoltate le loro storie e poi immergetevi con noi nel mondo di Boyrebecca, Casadilego, Claudym, LaHasna, Clara, Anice, MyDrama, Cara. Follow #marieclaireitalia #morewomen #lecantantesse (Non più) reali giapponesi #princessmako Uno sguardo di complicità è ciò che resta del matrimonio tra la principessa Mako e Kei Komuro, prima del congedo dalla famiglia. La scelta di Mako della rinuncia al titolo reale piace e raccoglie tanti commenti (positivi). Grandi battaglie #ddlzan 30 mila visualizzazioni in poche ore per il video in diretta dall’Arco della…

marclarit2112_article_032_01_01
3 min
lui ha una moglie, due figli e un’amante. e pensa da uomo rotto

Niente, non riesco più ad addormentarmi in questo letto. Ho ancora l’odore di M. che mi chiama, me lo porto addosso ogni volta. Io ci ho provato a dire basta, giuro che l’ho fatto. Ma come si può dire basta alla vita, quando torna e tocca a te? Ho rimboccato le coperte a Matteo e ho raccontato una favola a Elisa. Ho aspettato in silenzio che chiudessero gli occhi. Basterebbe il loro respiro che molla la presa, appena si addormentano, a tenermi qui. Ma fino a quando potrò continuare a mentire anche ai miei figli? Intanto, la donna che da diciassette anni mi dorme accanto sembra non accorgersi di niente. Lo fa perché ha paura di perdermi, perché ha voglia che resti? O perché, come me, è rassegnata al fatto che ci…

marclarit2112_article_036_01_01
3 min
attenzione (soglia della)

Dicevi? Dicevi? È, ne sono quasi certa, la domanda più posta del pianeta. Non ho dati sottomano, ma se l’osservazione empirica fa almeno un po’ statistica, allora ho ragione. Dicevi? Te lo chiedono tutti: i figli a cui dici «Ciao, dormito bene?» la mattina, la collega con cui vai a prendere il caffè alla macchinetta, pure tua madre quando la chiami per sapere come sta: scusa gioia, dicevi? La prossimità affettiva non è né un’aggravante né un’attenuante: nessuno ascolta più nessuno. E non è per cattiveria: è che ci si è ristretta la soglia dell’attenzione. Questa cosa di distrarsi, quando ero bambina, sembrava una malattia tipica dell’infanzia, tipo gli orecchioni. Potevi avercela oppure no, ma a un certo punto non ti poteva venire più. Fino a neanche tanto tempo fa gli adulti distratti…

marclarit2112_article_038_01_01
3 min
è giusto che un creativo possa decidere a chi destinare le proprie opere?

Il suo ultimo romanzo, Beautiful World, «Il boicottaggio artistico è giustificato se l’indegnità di un Paese è certificata, se no minaccia l’essenza della letteratura» Where Are You, Sally Rooney ha deciso di non pubblicarlo con la casa editrice israeliana Modan, che ne aveva tradotto i precedenti. Sottrarre a un Paese il proprio contributo culturale - come lei dice di voler fare - è un’operazione che non capisco. Per me il boicottaggio artistico è una scelta legittima solo se rivolta contro un Paese o un gruppo la cui indegnità è certificata, come nel caso dell’Iran che impicca le persone gay in piazza. Invece il gesto di Rooney, come altri analoghi al suo, mi pare una minaccia per l’essenza stessa della letteratura: è profondamente ingiusto escludere una potenziale platea di lettori a causa della…

marclarit2112_article_040_01_01
4 min
perché ci fidiamo degli astrologi (soprattutto se sono maschi)?

AVETE NOTATO CHE I PIÙ FAMOSI astrologi italiani sono uomini? Eppure (non è difficile da credere) abbiamo grandissime astrologhe, spesso di gran lunga migliori rispetto ai loro colleghi maschi. Ma la preferenza sopra citata è indubitabile. Per chi, come me, scrive oroscopi, diventa più facile entrare nelle meccaniche di chi legge. Si tratta di una cosa che facciamo spesso, del resto. Cominciamo con il dire che sbirciare un oroscopo corrisponde a una coccola, a un momento di grande intimità, a un frangente in cui a parlarci sono addirittura le stelle (bello sentire la loro voce, bello che ne abbiano una). E, proprio per questo, l’astrologo non è uno che capita per caso, ma si sceglie, affidandosi, nella speranza che saprà interpretare e tradurre i percorsi del firmamento (che, a dispetto del…