RTI spa

Scienza
Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine Aprile 2020

Il noto divulgatore Roberto Giacobbo, presentatore dell’omonima trasmissione in onda sulle reti Mediaset, ci conduce in un viaggio alla scoperta delle meraviglie della natura e della storia, oltre il confine della conoscenza. Una lettura all’ultimo respiro, con tanti fatti nuovi, approfondimenti e immagini spettacolari.

Leggi di più
Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
RTI spa
Frequenza:
Monthly
COMPRA NUMERO
2,50 €(VAT inclusa)
ABBONATI
24,99 €(VAT inclusa)
12 Numeri

in questo numero

1 minuti
freedom anno nuovo nuova stagione

Ben trovati! Siamo tornati con una nuova serie di Freedom - Oltre il confine cambiando casa, Italia1. Comincia una nuova stagione, un nuovo anno di lavoro nel quale tutti insieme affronteremo sfide, avventure, sorprese e speriamo affascinanti novità. Dopo la pausa invernale i nostri mezzi già stanno percorrendo migliaia di chilometri lungo le strade italiane e del mondo e ci fa molto piacere ogni volta trovare il calore di chi ci incontra e la gioia di fare insieme un selfie o avere uno scambio di pareri e idee. Devo ringraziare tutti coloro i quali mi informano su luoghi o fatti che meriterebbero un approfondimento da parte nostra, ci fa tanto piacere sentirci sostenuti da un calore costruttivo. È una gioia da condividere, del resto una passione comune che ci piace coltivare…

1 minuti
origini l’africa è stata la culla dell’homo sapiens?

Dall’Università di Sidney arriva uno studio che identifica il Botswana come il luogo in cui l’homo sapiens avrebbe vissuto per la prima volta. In un articolo su Nature, gli studiosi australiani hanno descritto questa parte dell’Africa meridionale come un antico paradiso, con vegetazione lussureggiante e abbondanza di animali. Il luogo ideale, dai 200mila ai 130mila anni fa, per stabilirsi a vivere. Non tutti gli scienziati però sono concordi. Che l’Africa sia stata centrale per lo sviluppo della vita dell’uomo sulla Terra è un dato assodato, ma forse per una risposta definitiva sulla storia umana più remota dobbiamo ancora aspettare.…

1 minuti
alimentazione due caffè e il gioco è fatto

Basterebbe bere due caffè al giorno per migliorare la proprio capacità di percepire una scena visiva. Questo vuol dire che grazie alla caffeina contenuta nel caffè potremmo leggere più velocemente o valutare meglio una serie di immagini. Lo studio è stato portato avanti da scienziati delle Università di Padova, Firenze e Bergamo. Le persone coinvolte hanno dimostrato che con una modesta quantità giornaliera di caffè, come quella data da due tazzine di espresso, si avrebbe anche un aumento della facilità di parola. Insomma, una piccola pausa al bar non potrebbe che farci bene.…

1 minuti
astronomia una nuova terra nello spazio

A soli 101 anni luce da noi c’è un pianeta, chiamato TOI 700d, che potrebbe essere il gemello della nostra Terra. La scoperta si deve alla cooperazione di una squadra di scienziati tra i quali c’è l’astrofisico Giovanni Govone, dell’Inaf, Istituto Nazionale di Astrofisica e dell’Università Federico II di Napoli, della quale fa parte anche l’altro italiano che ha partecipato alla ricerca, lo studente Luca Cacciapuoti. Il telescopio spaziale internazionale TESS ha individuato il pianeta in una zona della galassia considerata vivibile, alla giusta distanza dalla stella più vicina e con l’acqua in superficie. Ci sarà già anche la vita?…

1 minuti
archeologia / 1 in cina cresce l’esercito di terracotta

È uno di quei ritrovamenti che lasciano stupiti. Gli scavi, che ancora continuano intorno al Mausoleo del primo imperatore della Cina, Qin Shi Huang, colui che nel 221 d.C. ha unificato tutti i regni dell’immenso territorio del paese, hanno portato alla luce altri duecento guerrieri. Siamo nei pressi di Xi’an, il capoluogo dello Shaanxi. Qui nel 1974 è stato trovato il maestoso esercito di terracotta destinato a proteggere il sonno eterno dell’imperatore. Una impressionante armata composta da 8000 soldati, 100 carri e 18 cavalli in legno. Le 200 statue appena ritrovate raffigurano arcieri e soldati armati e possono contribuire a dare ulteriori informazioni sul sistema di combattimento dell’esercito che ha unificato la Cina, del quale tutta l’armata di terracotta è lo specchio fedele.…

1 minuti
archeologia / 2 ritrovate guerriere russe di duemila anni

Sono state trovate sepolte in posa di guerra, con tanto di copricapi in oro, armi e protezioni. Nel corredo funebre c’erano anfore, pugnali di ferro, paramenti e punte di frecce, con una sdoppiata considerata rara. Una di loro è stata inumata come una cavallerizza, con a fianco le due lance che deve aver usato in battaglia. Il ritrovamento di queste sepolture è stato fatto in Russia, vicino a Devitsa, un villaggio nella parte sud-occidentale del paese. Si tratta di donne guerriere di età diverse, risalenti al 2400 a.C. circa. Secondo gli studiosi potrebbero essere appartenute alla comunità Sciita.…