ESPLORALA MIA LIBRERIA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Auto e Moto
Quattroruote Quattroruote

Quattroruote

Settembre 2019

Dal 1956 Quattroruote è la più amata, letta e autorevole rivista di automobilismo. Ogni mese news e anteprime dal mercato italiano e internazionale, inchieste, prove su strada e su pista, listino del nuovo e quotazioni dell'usato divenute riferimento per il mercato. Since 1956 Quattroruote has been  the most authoritative and appreciated car magazine in Italy. Every month it reports on car novelties, regulations, surveys, road tests and car-related economy. It is the true bible for car tests. Its quotations for second-hand and new cars are the benchmark for industry and consumers.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Editoriale Domus Spa
Leggi di piùkeyboard_arrow_down
COMPRA NUMERO
3,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €(VAT inclusa)
12 Numeri

IN QUESTO NUMERO

access_time3 minuti
iva e bonus/malus lo stato ingordo

SE SCATTERANNO LE CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA L'IMPATTO SUI CONSUMI SARÀ DEVASTANTE Lo scorso febbraio, nel commentare dopo settimane di bagarre la formulazione definitiva del meccanismo bonus/malus (incentivi sotto i 70 g/km di CO2 e sovrattassa sopra i 160), sostenevo che la misura del governo gialloverde si sarebbe rivelata inefficace e controproducente. Non ero l'unico a esprimere una posizione così apertamente critica: a condividerla erano quasi tutti i professionisti dell'automobile, che più volte avevano cercato di spiegare al governo la sostanziale inutilità di una decisione dalla forte impronta demagogica. Nei mesi successivi, abbiamo dato conto dell'accidentata applicazione della norma, fra concessionari disinvolti che s'intascavano la prebenda pubblica, impreparazione diffusa sui tecnicismi, stanziamenti incerti fino all'ultimo e piattaforme per la verifica dei fondi non pronte. I dati elaborati dal Centro studi e statistiche…

access_time2 minuti
decidere o non decidere

La Nhtsa, l'ente governativo statunitense che ha la missione di ridurre il numero d'incidenti imputabili ai veicoli, aveva persino suggerito di sottoporre a una sorta di test etico le aziende che stanno sviluppando la guida autonoma. Non se ne è fatto nulla. Anche perché, si chiede Maya Ganesh, ricercatrice che da anni studia questa problematica, «chi può giudicare in assoluto che cosa sia bene e che cosa sia male?». Un bel problema che, secondo l'americano Ricardo Martinez, assistente di medicina d'urgenza alla Emory school di Atlanta e amministratore della Nhtsa dal 1994 al '99, dev'essere risolto attraverso la collaborazione tra politica e industria, affinché il fondamento del comportamento delle driverless car sia la sicurezza (principio alla base del Safety first for automated driving, recente report frutto della collaborazione tra 11…

access_time2 minuti
e ora la citycar non decolla più

Se il listino delle citycar fosse un tabellone nella sala partenze di un aeroporto, le cancellazioni sarebbero più numerose delle conferme. L'ultimo in ordine di tempo è stato l'annuncio della Ford: la Ka+ non sarà più importata dall'India. In precedenza, il gruppo Peugeot aveva deciso di far uscire di scena 108 e Citroën C1, oltre alle cugine Opel Adam e Karl. Per parte sua, il gruppo Volkswagen ha in programma di sopprimere il trio up!-Mii-Citigo, rimpiazzato con altrettante vetturette elettriche (vedere a pag. 74). L'annunciata migrazione della produzione Smart in terra di Cina apre poi un interrogativo sul futuro della Renault Twingo, realizzata su una piattaforma condivisa con la piccola tedesca. In pratica, a presidiare un territorio dove i clienti comunque non mancano (anzi, il cosiddetto segmento A ha chiuso…

access_time1 minuti
la fiera dell'ovest tra crisi e rimbalzi

Dieci anni di mercato automotive. Dieci anni dal 2009 al 2018, tra crisi, riprese e ripresine dell'economia, con il dieselgate in mezzo (o giù di lì) e una serie di avvenimenti rilevanti per l'industria, comprese alleanze e acquisizioni. Sono incappato nei dati consolidati dell'Acea relativi ai 18 Stati della Western Europe. Li ho smontati e rimessi insieme. Più per curiosità che per velleità statistica. Ne è emerso il quadro raffigurato nella grafica che circonda questo testo. Nel decennio post-Lehman Brothers sono state immatricolate oltre 130,6 milioni di auto, con due picchi mensili: uno all'insù, 1 milione 813 mila nel marzo 2017; l'altro negativo, 632.652 unità nell'agosto 2013. In questa pagina non è raffigurata una classifica, ma la variazione percentuale tra il 2009 e il 2018 delle vendite dei singoli gruppi…

access_time3 minuti
io, la bugatti e l'uomo nero

Ha ottantasei anni, qualche sassolino nelle scarpe e tanta voglia di raccontare la sua versione della storia. Così, mentre la Bugatti – poco prima del lancio della Centodieci (vedere il riquadro qui sotto) – con un lungo comunicato stampa gli rende merito di aver riportato in auge il marchio negli anni 90, Romano Artioli pubblica un libro: "Bugatti & Lotus thriller, la costruzione di un sogno" (Cairo editore, 226 pagine, 16 euro). Un'autobiografia dell'imprenditore, prima che dell'uomo, ricca di dettagli e povera di false modestie. Una valanga di ricordi che fanno da sfondo a un'intervista senza peli sulla lingua. Uno tsunami di recriminazioni, arginato, a stento, dall'avvocato che lo assiste. Un'irruenza di parole e gesti che nasce dalla frustrazione di aver visto fallire il suo visionario progetto. Per colpa di un…

access_time2 minuti
ricarica d'ottimismo

Fino a qualche anno fa, nella piccola Macedonia del Nord, la mobilità elettrica sembrava una meta irraggiungibile. Nessun divieto alle importazioni di Euro 2 e un mercato in caduta libera: dalle 10 mila immatricolazioni pre-crisi alle 2.800 dell'anno peggiore, il 2013. Allora, AvtoPlus, la locale rivista partner di Quattroruote, e il sindaco di Skopje (la capitale più inquinata d'Europa) hanno unito le forze per promuovere il piano Electric city transport. Il primo passo è stato l'acquisto di una Nissan Leaf per i funzionari municipali. Un esempio seguito da altre città e da qualche società privata, anche in seguito all'arrivo – nel 2015 – delle prime colonnine AC di tipo 2. Per i privati, tuttavia, al momento le elettriche restano un miraggio, stante l'assenza di una seria politica degli incentivi. A…

help