ESPLORALA MIA LIBRERIARIVISTE
CATEGORIE
IN EVIDENZA
ESPLORALA MIA LIBRERIA
Auto e Moto
Quattroruote

Quattroruote Novembre 2019

Dal 1956 Quattroruote è la più amata, letta e autorevole rivista di automobilismo. Ogni mese news e anteprime dal mercato italiano e internazionale, inchieste, prove su strada e su pista, listino del nuovo e quotazioni dell'usato divenute riferimento per il mercato. Since 1956 Quattroruote has been  the most authoritative and appreciated car magazine in Italy. Every month it reports on car novelties, regulations, surveys, road tests and car-related economy. It is the true bible for car tests. Its quotations for second-hand and new cars are the benchmark for industry and consumers.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Editoriale Domus Spa
Leggi di più
COMPRA NUMERO
3,99 €(VAT inclusa)
ABBONATI
34,99 €(VAT inclusa)
12 Numeri

In questo numero

4 minuti
imposte sulle ev l'esempio usa

IN AMERICA SI FA LARGO L'IDEA CHE LE ELETTRICHE VADANO TASSATE DI PIÙ Esattamente sette anni fa, nel novembre del 2012, Quattroruote dava conto di un dibattito che stava nascendo negli Stati Uniti riguardo le tasse sui carburanti. Si scriveva dell'imbarazzo dell'amministrazione di Washington di fronte alla drastica contrazione del gettito fiscale derivante dal calo dei consumi di carburante: conseguenza, ciò, non tanto della crisi post 2008, quanto dell'avvento di automobili sempre più efficienti. Il tema era critico e la preoccupazione legittima, perché, come d'altronde accade in tutto il mondo, quei soldi servono a costruire e mantenere le infrastrutture: ergo, se le macchine consumano meno (e in America tale transizione si è sentita più che altrove, visto il drammatico shift tecnologico dalla cultura del V8 a quella dell'ibrido), lo Stato incassa…

1 minuti
coupé supernera chi l'ha vista?

Vertically aligned nano tube array. Altrimenti dette, schiere di nanotubi allineati verticalmente. I nanotubi in questione sono di carbonio. Carbonio nero come il carbone. Così da assorbire la quasi totalità della luce. Zero riflessione significa, per l'occhio umano, percepire una dimensione in meno. Ergo, l'oggetto rivestito di Vantablack, la sostanza composta dalle oscure schiere (brevetto della Surrey NanoSystems) diventa quasi invisibile. Sarà per quello che tra le schiere, questa volta di giornalisti, che hanno percorso in lungo e in largo l'ultimo Salone di Francoforte, in pochi hanno potuto verificare di persona l'effetto che fa la BMW X6 Vantablack, prima e unica vettura vestita di nero quasi assoluto. Nascosta più che esposta (si pavoneggiava schiva in una saletta chiusa), la show car indossava la variante VBx2 del tecnologico miscuglio. Consentendo quell'uno…

2 minuti
de profundis rimandato

Nelle ultime settimane tre notizie hanno mosso le acque nel mondo dei motori. La prima riguarda la Volvo, che ha annunciato che progetterà assieme alla capogruppo Geely quelli termici prossimi venturi. Seguendo quanto già fatto dalla Toyota, la Honda ha invece comunicato che dal 2021 cancellerà definitivamente il gasolio dai listini. Infine, la Daimler, che secondo alcuni avrebbe in animo di smettere di lavorare sulla combustione interna, in realtà ha semplicemente detto che, avendo appena introdotto un'inedita famiglia modulare di benzina e diesel, nell'immediato futuro provvederà a far evolvere quest'ultima; quanto a eventuali ulteriori generazioni, si vedrà più avanti. Ora, è evidente che l'impegno finanziario messo un po' da tutti nella corsa all'elettrico comporti un'inevitabile riduzione dei quattrini destinati ai propulsori convenzionali. Nel caso della Volvo va poi considerato che,…

2 minuti
green bond contro l'effetto serra

Chiamiamoli G-Bond. Con la G che sta per Green, verdi. Oppure, se preferite, vale come Greta, visto il politically correct di questi ultimi tempi. D'altra parte, nell'obbligazione l'abbreviazione pare d'obbligo. Anche i Treasury americani, cioè i Btp a stelle e strisce, per gli aficionados di tutto il mondo sono semplicemente i T-Bond. Fatto sta che i Green bond sono «strumenti finanziari relativamente nuovi, ma che hanno conosciuto un tasso di crescita straordinario dal 2007 a oggi. Sono obbligazioni come tutte le altre, la cui emissione è legata a progetti che hanno un impatto positivo per l'ambiente». TOYOTA DOCET Ecco allora che, secondo questa definizione di Borsa italiana, i titoli "verdi" possono diventare una leva finanziaria a disposizione dalla corporate automotive per governare e semplificare la costosissima transizione verso la mobilità elettrica. Come…

2 minuti
ma quanto pesa questo marchio

Vent'anni. Tanti ne sono passati dal primo Best global brands, la classifica di marchi, anzi del valore tangibile dei marchi, stilata da Interbrand, società di consulenza globale che molto ha contribuito a trasformare in un asset aziendale quello che a lungo è stato un mero sinonimo di logo. Nel suo ranking, tra i più apprezzati nell'ambiente, analizza la performance finanziaria dei prodotti o servizi contraddistinti da un determinato brand; il ruolo che lo stesso gioca nell'influenzare la decisione d'acquisto; infine, la sua forza competitiva e la sua capacità di fidelizzare e, quindi, creare profitti sostenibili nel tempo. All'esordio, il Best global brands comprendeva sei marchi automobilistici, che rappresentavano il 12% circa del valore di tutte le aziende considerate (grafico in alto a destra). Dai circa 112 miliardi di dollari di…

2 minuti
non è mai troppo tardi

Nel 2003, l'esordio in Brasile della Ford EcoSport fece alzare qualche sopracciglio: «Una Fiesta vestita da Suv, chi mai la comprerà?». E invece, da allora, il segmento delle sport utility compatte ha dominato le classifiche. All'EcoSport e alla Dacia Sandero si sono affiancate, tra le altre, la Duster (qui con logo Renault), la Jeep Renegade, l'Honda HR-V e la Hyundai Creta. Ma nessuna Fiat e nessuna Volkswagen, che pure sono i marchi dominanti del mercato nazionale. Un ritardo che entrambe adesso vogliono recuperare. I tedeschi, inizialmente scettici sulle potenzialità del segmento, per anni si sono limitati a importare la Tiguan e la CrossFox. Ora, però, stanziano l'equivalente di 437 milioni di euro nella fabbrica di San José dos Pinhais per proporre entro l'anno la versione maggiorata della T-Cross. Del miliardo…