SCOPRILIBRERIA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Lifestyle femminile
Vanity Fair ItaliaVanity Fair Italia

Vanity Fair Italia

16 aprile 2019

Vanity Fair è una vetrina infinita per i tuoi interessi che ogni settimana ti appassiona, ti diverte e ti informa su tutto quello che ti piace: avvenimenti e personaggi che contano, moda, bellezza, benessere, musica, libri, arte, cinema.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Leggi di piùkeyboard_arrow_down
COMPRA NUMERO
1,09 €(Incl. tax)
ABBONATI
19,99 €(Incl. tax)
25 Numeri

IN QUESTO NUMERO

access_time3 minuti
l come libro

Aveva letto quel libro qualche mese prima che sua mamma venisse ricoverata. Raccontava di una donna la cui madre, malata di Alzheimer, si trovava in ospedale. Mentre l’accudiva, la protagonista viveva una storia appassionata con un uomo incontrato lì, il cui padre era degente nello stesso reparto.Al tempo, quando l’aveva letto, il libro non l’aveva particolarmente colpita. O almeno così le era parso.Ma dalla prima volta che era arrivata in visita alla madre in ospedale, non aveva smesso di aspettarsi che succedesse anche a lei. Di innamorarsi, intendo. Come nel libro.Amava suo marito Yaron. Non solo non l’aveva mai tradito, non ne aveva mai neppure avuto il desiderio. Per lo meno non sul serio. Andava pazza per i suoi figli. Ed era orgogliosa di essere riuscita, nonostante la famiglia da…

access_time3 minuti
zampe di rospo, ali di pipistrello

Tu dài un calcio alla fortuna, gli stavano dicendo quei due. E ne hanno avuti di emuli: centinaia, migliaia di persone incoraggiate a dire a qualcuno che stavano dando un calcio alla fortuna. I primi due ebbero un successo insperato. Almeno per noi che leggevamo. Gliela spiegarono così: «Bisogna sapere che nel paese dei Barbagianni c’è un campo benedetto, chiamato da tutti Campo dei miracoli. Tu fai in questo campo una piccola buca e ci metti dentro, per esempio, uno zecchino d’oro. Poi ricopri la buca con un po’ di terra: l’annaffi con due secchie d’acqua di fontana, ci getti sopra una presa di sale, e la sera te ne vai tranquillamente a letto (…) ritornando nel campo, che cosa trovi? Trovi un bell’albero carico di tanti zecchini d’oro quanti…

access_time3 minuti
vanity fair

Direttore Responsabile SIMONE MARCHETTIVicedirettore MALCOM PAGANIDirettore Eventi e Progetti Speciali CRISTINA LUCCHINICreative Director MASSIMO PITISDesign Director FEDERICA MARZIALE IADEVAIA (PITIS E ASSOCIATI)Fashion Managing Director PAOLA VENTIMIGLIA Fashion Creative Director SARAH GRITTINIPhoto Editor STEFANO CARMINATI Art Director ELISA ARDENI Art Director (Allegati e Progetti Speciali) ALBERTO PEJRANO Caporedattore Centrale MARIO MANGIAGALLIUfficio Centrale ELEONORA PLATANIA Caporedattore, MARINA CAPPA Vice Caporedattore, LAURA PEZZINO (Libri) CaposervizioAttualità SILVIA NUCINI (Storie) Caporedattore, SILVIA BOMBINO (Presente e Spy) Vice Caporedattore, ANNA MAZZOTTI Caposervizio, NINA VERDELLIInviato ENRICA BROCARDOModa PAOLA SALTARI Vice Caporedattore, ILARIA CHIAVACCIBellezza VALENTINA DEBERNARDI Caposervizio, ROSSELLA FIORE Vice CaposervizioVarietà VALENTINA COLOSIMO (Spettacoli) Vice Caposervizio, LAURA FIENGO (Viaggi e Lifestyle) CaposervizioCasting GISELLA GENNA CollaboratoreImmagine ANDREA ANNARATONE, SARA CERVO, ALICE CROSE, MARISA ZANATTAReparto Artistico BRUNO BRUNELLO Responsabile di Produzione, TERESA MARRA Caposervizio, DANIELA SESENNA Vice Caposervizio, ANDREA BRINDISI,…

access_time1 minuti
nuove primavere

Aria di libertà in Sudan: dopo le proteste e il golpe dell’11 aprile, che ha deposto il dittatore Omar al-Bashir, al potere da 30 anni e accusato di genocidio, i militari hanno annunciato un governo di transizione, e poi promesso che al più presto sarà affidato a un civile proposto dalle opposizioni. Dopo la caduta di Bouteflika in Algeria, si parla già di una seconda «primavera araba», ma più consapevole: la mobilitazione è continua, i manifestanti non lasciano la piazza ai militari.…

access_time3 minuti
buchi neri nello spazio (e nel def)

1. TRIPOLI CONTESAContinua in Libia la guerra civile tra l’esercito del maresciallo Khalifa Haftar, capo dell’autoproclamato governo della Cirenaica, e quello di Fayez al-Sarraj, alla guida del governo riconosciuto dalla comunità internazionale. Ci sarebbero oltre un centinaio di feriti e circa 16 mila sfollati. E ricadute internazionali: per il Wall Street Journal, l’Arabia Saudita avrebbe finanziato Haftar per proseguire l’offensiva, e per Repubblica il maresciallo avrebbe avuto l’ok della Francia per attaccare. Il premier Giuseppe Conte invece ha ricevuto il ministro degli Esteri del Qatar, sostenitore di Sarraj. Allarme del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani sul rischio di ulteriori flussi migratori a causa della nuova instabilità libica.2. IL DESTINO DI ASSANGEDopo sette anni nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra, dove viveva da rifugiato politico, il fondatore di WikiLeaks Julian Assange, 47…

access_time5 minuti
non dite che è un «genio»

«Quando ha pronunciato la frase su Auschwitz, su come gli ingegneri tedeschi siano stati capaci di progettare nei dettagli la struttura del campo distaccandosi dall’orrore morale che rappresentava, lo seguivo da otto mesi. Mi sono sentita gelare: stava descrivendo quello che pensavo di lui, per questo l’ho messo all’inizio del film. Steve Bannon è capace di agire in modo scientifico, senza pensare alla crudeltà che esprime».Incontro la regista Alison Klayman, 35 anni, che ha avuto la chance mai concessa ai giornalisti, ossia accedere alle stanze dei potenti, e filmarli, dopo aver visto The Brink - Sull’orlo dell’abisso, documentario per cui ha seguito per 14 mesi l’ex stratega della Casa Bianca e spin doctor del populismo mondiale Steve Bannon.In Italia di lui si è parlato soprattutto in tre occasioni: dopo la…

help