ESPLORALA MIA LIBRERIA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Lifestyle femminile
Vanity Fair ItaliaVanity Fair Italia

Vanity Fair Italia 22 giugno 2019

Vanity Fair è una vetrina infinita per i tuoi interessi che ogni settimana ti appassiona, ti diverte e ti informa su tutto quello che ti piace: avvenimenti e personaggi che contano, moda, bellezza, benessere, musica, libri, arte, cinema.

Paese:
Italy
Lingua:
Italian
Editore:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Leggi di piùkeyboard_arrow_down
COMPRA NUMERO
1,09 €(VAT inclusa)
ABBONATI
16 €(VAT inclusa)
25 Numeri

IN QUESTO NUMERO

access_time1 minuti
risvegli

Dormire per un anno intero. È la scelta della scrittrice americana Ottessa Moshfegh per la protagonista del suo ultimo romanzo. Il libro narra di una ragazza di 27 anni bionda, magra, benestante, alla quale una psicologa fuori di testa somministra i farmaci necessari per dormire dall’agosto del 2000 al settembre del 2001. Non voglio svelarvi altro, soprattutto del suo risveglio: per saperne di più andate a pagina 76 dove troverete la recensione. Questo numero di Vanity Fair parla di risvegli dopo periodi di sonnolenza per non affrontare la realtà. Qualche esempio? La nuova vita di Lizzo, fenomeno musicale del momento, che si è destata dal sogno della bellezza canonica grazie alla musica trap (a pag. 52). O la battaglia dell’illustratrice Zuzu che ha fatto a pezzi l’incubo dell’anoressia a colpi di…

access_time3 minuti
r come ricchezza

Qualche anno fa Alon ha fatto i soldi. Non so esattamente come. Credo in qualche maniera legata alla Borsa. Deve avere inventato qualcosa, uno strumento finanziario. Il suo capitale è stimato in cento milioni di dollari. La cifra non l’ho sentita da lui. Era scritta sul giornale. Adesso ha una villa fuori città su un terreno enorme e una mega piscina. Quando arriva l’estate e scoppia il caldo invita tutto il gruppo, con mogli e figli, per un barbecue a bordo piscina. Siamo sei amici, ci conosciamo da quando avevamo quindici anni. Tutti cresciuti nella stessa cittadina. Giocavamo tutti nella stessa squadra di pallanuoto. I genitori di tutti lavoravano sodo e faticavano ad arrivare alla fine del mese, il rischio di non farcela era sempre nell’aria. Quando arriviamo da Alon…

access_time2 minuti
bassolino

Immagino non sappiate che Antonio Bassolino è stato assolto. Probabilmente non sapevate nemmeno fosse sotto processo e i più giovani di voi forse non hanno idea di chi sia Bassolino. In poche parole, era il sindaco del Rinascimento Napoletano – secondo ridondante definizione dell’epoca. Fu eletto nel 1993, in piena Mani pulite, laddove il paradosso della storia si evidenziò lampeggiante: lui, cresciuto nel Partito comunista, contro Alessandra Mussolini, nipote del Duce e campionessa del Movimento sociale, diretta filiazione del fascismo del nonno. Tutto quello che c’era stato in mezzo e fino a due ore prima – democristiani, socialisti, liberali, repubblicani, socialdemocratici – fatti fuori perché protagonisti del sistema criminale issato sulle tangenti. Rivista oggi è una faccenda piuttosto ridicola: finito il Novecento, dichiarate sconfitte ed estinte le ideologie assassine, trionfante è…

access_time2 minuti
mark caltagirone

Fin da bambini giochiamo a essere invisibili, spesso abbiamo amici invisibili: sono passaggi fondamentali per lo sviluppo psichico. Poi da adulti il vero mistero del mondo diventa il visibile, non l’invisibile. Ma non per Pamela Prati, soubrette sessantenne in declino di popolarità, che ha saputo unire l’invisibile e l’inesistente e intascare qualche dovizioso compenso. E solo coloro che possono vedere l’invisibile possono compiere l’impossibile, come annunciare in ogni media di sposarsi con una persona mai vista. La saga del suo «omesso sposo», l’inesistente Mark Caltagirone, scoperchiata da Dagospia, tiene banco da un mese e mezzo, incendiando di chiacchiere e balle le trasmissioni popolari e la stampa di ogni tipo. Ormai è una figura iconica che è entrata anche nella politica. «Che fine ha fatto Mark Caltagirone? Ha fatto la fine di…

access_time4 minuti
vanity fair italia

Direttore Responsabile SIMONE MARCHETTI Vicedirettore MALCOM PAGANI Direttore Eventi e Progetti Speciali CRISTINA LUCCHINI Creative Director MASSIMO PITIS Design Director FEDERICA MARZIALE IADEVAIA (PITIS E ASSOCIATI) Fashion Managing Director PAOLA VENTIMIGLIA Fashion Creative Director SARAH GRITTINI Photo Editor STEFANO CARMINATI Art Director ELISA ARDENI Art Director (Allegati e Progetti Speciali) ALBERTO PEJRANO Web Editor VERONICA BIANCHINI Caporedattore Centrale MARIO MANGIAGALLI Uffcio Centrale ELEONORA PLATANIA Caporedattore, MARINA CAPPA Vice Caporedattore, LAURA PEZZINO (Libri) Caposervizio Attualità SILVIA NUCINI (Storie) Caporedattore, SILVIA BOMBINO (Presente e Spy) Vice Caporedattore, ANNA MAZZOTTI Caposervizio, NINA VERDELLI Inviato ENRICA BROCARDO Moda PAOLA SALTARI Vice Caporedattore, ILARIA CHIAVACCI Bellezza VALENTINA DEBERNARDI Caposervizio, ROSSELLA FIORE Vice Caposervizio Varietà VALENTINA COLOSIMO (Spettacoli) Vice Caposervizio, LAURA FIENGO (Viaggi e Lifestyle) Caposervizio Casting GISELLA GENNA Collaboratore Immagine ANDREA ANNARATONE, SARA CERVO, ALICE CROSE, MARISA ZANATTA Reparto Artistico BRUNO BRUNELLO Responsabile di Produzione, TERESA MARRA Caposervizio, DANIELA SESENNA Vice Caposervizio, ANDREA BRINDISI, MARIANNA CISTERNINO, MASSIMO CORRADINI,…

access_time2 minuti
la gaffe (premonitrice) dei 5 stelle

L’HASHTAG #SeNonCiFosseIlMovimento Alla vigilia del voto, il 22 maggio, l’account Twitter del Movimento 5 Stelle ha postato un invito a scrivere «come sarebbe l’Italia senza il Movimento 5 Stelle», con questo hashtag. È stato un boomerang: centinaia i tweet di insulti, ironie e accuse in poche ore. Il post più rilanciato: «#SeNonCiFosseIlMovimento la Lega non sarebbe al governo». IL CLIMA I TOPI SI PRENDONO NEW YORK Lo sostiene il New York Times: hanno invaso i marciapiedi, i ristoranti, rosicchiano i cavi delle auto. Dal 2014 al 2018 sono quasi raddoppiate (da 16.315 a 30.874) le volte in cui gli ispettori sanitari hanno trovato tracce della presenza di ratti. Le cause? Inizialmente si era pensato al sistema di raccolta di rifiuti e ai continui nuovi cantieri, i cui scavi distruggono le tane e fanno emergere i…

help