탐색내 라이브러리
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / 과학
Geo ItaliaGeo Italia

Geo Italia

March 2016

Geo è un mensile che non propone solo luoghi da sogno ma anche cosa c’è dietro quei luoghi, dietro la loro attualità. Con uno stile che coniuga emozione e approfondimento, con dossier a tema, con servizi su popoli, geografia umana, natura, spedizioni, scienza, ambiente, spiritualità. Ma anche con storie italiane: per recuperare memorie e tradizioni, patrimonio naturalistico e antropologico.

국가:
Italy
언어:
Italian
출판사:
Mondadori Scienza S.p.A.
더 읽기keyboard_arrow_down

이번 호 내용

access_time1
editoriale

Cari lettori, in questo numero è bastato varcare appena un po’ i nostri confini verso est per scoprire un mondo... In Albania (pag. 94), navigando sul Vjosa, uno degli ultimi fiumi d’Europa ancora allo “stato brado”, che scorre libero senza essere sfruttato da opere umane, e custodisce habitat unici e rare specie animali, alcune ormai introvabili dalle nostre parti. Ancora per poco, però, perché nei Balcani sta salendo la “febbre dell’acqua”: un progetto per la costruzione di 2.700 centrali idroelettriche, di cui 313 in Albania e almeno otto sul Vjosa, rischia di sfigurare il volto dei paesaggi balcanici. Gli ambientalisti lanciano l’allarme perché le dighe rappresentano un pericolo reale per l’ambiente: i laghi artificiali distruggono le paludi, trattengono pietre, fango e sabbia. L’acqua entra più in profondità nel terreno e…

access_time1
l’unicità della vita

Blu, viola, giallo, rosso e bizzarre dentellature: questa creazione dalla bellezza enigmatica è un’elaborazione artistica delle informazioni genetiche di un soggetto autistico. L’organizzazione Autism Speaks, in collaborazione con Google, mette a disposizione i dati su internet. Ricercatori di tutto il mondo possono ora lavorare in simultanea sulle informazioni del Dna, per analizzare le cause di questo disturbo psichico. Il progetto viene supportato dalle immagini ottenute dal biochimico e artista fotografico Linden Gledhill. In questo caso, Gledhill ha sciolto il Dna in acqua, poi lo ha lasciato seccare di nuovo e ha fotografato i cristalli che si sono formati, ingrandendoli un migliaio di volte sotto il microscopio. Il preparato non ha subito colorazioni artificiali. I vari colori derivano da spostamenti all’interno della struttura cristallina, sui quali la luce va a rifrangersi.…

access_time1
perché mi guardi così?

Che un cavallo possa rizzare le orecchie, scoprire i denti o allargare le narici lo sanno tutti, magari non l'hanno visto dal vivo, ma almeno in un film western. Ora un gruppo di studiosi del comportamento animale dell'Università del Sussex, in Inghilterra, diretti dalla ricercatrice Jen Wathan, ha analizzato le espressioni di 86 tra giumente e stalloni di razze equine diverse. Finora, nel cosiddetto "Sistema di codifica dei movimenti facciali del cavallo"sono state documentate ben 17 variazioni. Solo gli esseri umani hanno un repertorio di espressioni più esteso (27), mentre i cani (16), gli oranghi (15) e gli scimpanzé (13) non possono competere. A ciascuna espressione i ricercatori hanno associato determinati movimenti dei muscoli. Ora vogliono anche decifrare le emozioni che stanno effettivamente dietro alla mimica facciale. Perché quel che un…

access_time1
progetto aria pulita

Alcuni ricercatori canadesi hanno costruito un impianto sperimentale che aspira aria per mezzo di ventole e la riemette dal lato opposto. Tra l'ingresso e l'uscita scorre costantemente un fluido che lega l'anidride carbonica contenuta nell'aria. Dalla soluzione a base di anidride carbonica così ottenuta la CO2 può essere separata nuovamente, ed elaborata per ottenerne idrocarburi. L'obiettivo è quello di installare grandi impianti che in regioni aride possano avere la funzione di purificazione dell'aria normalmente svolta dagli alberi. Gli idrocarburi ottenuti potrebbero essere usati come carburanti, la CO2 nuovamente liberata verrebbe nuovamente filtrata, e in questo modo si potrebbe dire di avere ottenuto un vettore di energia fossile riciclabile. Al momento, ci sono modi più a buon mercato di questo per ottenere CO2 sfruttabile a fini industriali, ma quando i costi dell'energia…

access_time1
meglio un partner esperto...

L'albatro reale trascorre la maggior parte della sua vita in coppia, come del resto molti altri uccelli. Questo comportamento è dettato dal fatto che consente agli animali di raggiungere risultati più validi dal punto di vista riproduttivo. Una coppia particolarmente affiatata, infatti, ha la possibilità di mettere al mondo una prole più numerosa. La separazione implicherebbe per l'uccello il rischio di imbattersi successivamente in un partner meno esperto, e di dover faticosamente reimpostare tutto il "ménage" per acquisire un nuovo affiatamento sessuale. Tutto questo si tradurrebbe in pratica in una gran perdita di tempo e quindi anche di opportunità riproduttive. Il biologo Stephan Leu ha verificato la validità di questa teoria anche nei rettili. In uno studio condotto su una specie di lucertole in gran parte monogama lo studioso ha riscontrato che, con…

access_time1
brevi verdi

BOTANICA SUI SOCIAL NETWORK In Brasile è stata scoperta una nuova specie vegetale tramite Facebook. Un escursionista ha fotografato una pianta dalle foglie lunghe e collose e pubblicato l’immagine sul social network. Uno dei suoi contatti – Paulo Gonella, botanico all’Università di San Paolo in Brasile – dopo aver visto la foto (un anno dopo la sua pubblicazione), si è precipitato sul luogo del ritrovamento. Una pianta come quella, infatti, non era mai stata studiata prima. Si trattava di una specie sconosciuta di drosera, una pianta carnivora che intrappola gli insetti sui suoi tentacoli cosparsi di goccioline di una sostanza collosa. I botanici le hanno assegnato il nome di Drosera magnifica. Nel 2014, grazie a Facebook, invece, era stata scoperta la pianta parassita Rafflesia mixta. ACQUA PER IL DESERTO In Israele, Paese afflitto…

help