탐색내 라이브러리
패션
Vogue Italia

Vogue Italia Luglio 2018

Moda, beauty, cultura. E poi viaggi, design, architettura, cinema. E ancora personaggi, eventi, news e curiosità. Il mondo di VOGUE Italia. Internazionale ed esclusivo. E insieme a VOGUE Italia potrà apprezzare anche i suoi splendidi supplementi.

국가:
Italy
언어:
Italian
출판사:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
빈도:
Monthly
더 읽기
구독
₩27,281
12 발행호

이번 호 내용

2
in questo tempo

Una coppia: lei indossa una veste di seta, lui è nudo. Un poster che si srotola. Un quadro di Caravaggio, un bar nel cuore di Roma, tre baci. Una donna che scrive col rossetto sullo specchio: mai smettere di provare. Un ascensore, una modella, il ragazzo della pizza a domicilio. Un ristorante a Parigi: a tavola, in cucina. La top più richiesta della stagione. La top più famosa del mondo. Una top finora sconosciuta. Una top cresciuta in un campo profughi. La regina dei social, eppure irriconoscibile. Tre donne sulla spiaggia vestite di nero. Una ragazza che sorride nel luglio 2017, una ragazza che sorride nel luglio 2018. Dodici numeri (più uno), altrettanti capitoli di una storia: esattamente un anno fa partiva infatti la scommessa del nuovo Vogue Italia – e dodici…

3
avere sedici anni

Una giornata difficile. Un anno difficile, in verità, così me ne stavo seduta, da sola, sul portico, con un bicchiere di vino gelato in mano, a guardare le ultime luci del tramonto sulla cima degli alberi, i pipistrelli che mi sfiorano la testa, ascoltando i rumori della casa alle mie spalle, mio marito che fa il bagno ai miei figli e li mette a letto. La porta della casa di fronte si aprì, e la ragazza uscì, scese le scale, salì sul marciapiede, e si mise ad aspettare i suoi amici all’angolo. All’inizio dell’anno aveva le ginocchia paffute, i capelli arruffati, il volto pieno della luminosa timidezza infantile. Ma il cambiamento era sceso su di lei, veloce e selvaggio, e stasera usciva vestita bene, con la gonna corta, i tacchi,…

3
sono nato a busto arsizio

«Sai perché ho dentro la rabbia? Perché mi impediscono d’essere ciò che voglio». È questa la frase che mi sento ripetere più spesso da tanti ragazzi nati e cresciuti in Italia e ai quali è negato il diritto di cittadinanza, proprio come me. Giovani che devono chiedere il visto se vogliono fare un viaggio studio in Inghilterra. Rinunciare e basta, se gli capita la chance degli Stati Uniti per una borsa di studio meritata. Che vorrebbero fare i poliziotti o i magistrati e sono costretti a vedersi il diritto negato. Perché accade? Non è dovere di un Paese moderno far vincere le competenze contro i principi arcaici dell’identità? Perché un promettente atleta di colore, cresciuto nei nostri centri sportivi, non può cimentarsi con la sua nazionale? Perché un’ingiustizia così vigliacca…

1
lawrence ferlinghetti

Il tratto principale del mio carattere. Sono spensierato. Lo stato del mio spirito. Folle. Quel che apprezzo di più nei miei amici. L’amicizia. Quel che c’è di male in me. Scaccomatto. Quel che detesto più di tutto. Scaccomatto. Un talento o una qualità fisica che vorrei possedere. La genialità. Che cosa cerco di più in un romanzo. L’illuminazione. Il luogo dove sono stato più felice di lavorare. Certamente Parigi. Il libro che ha avuto il maggiore impatto sulla mia vita. “Dedalus. Ritratto dell’artista da giovane” di James Joyce (in Italia tradotto da Cesare Pavese e pubblicato nella Piccola Biblioteca Adelphi, ndr). I miei artisti preferiti. Me stesso. Il mio poeta preferito. Dylan Thomas, assolutamente. Il mio sogno di felicità. Non la dimenticherò mai... qual era il suo nome? La cosa più preziosa che possiedo. La memoria. Il modo migliore di passare il tempo. Ammazzando il tempo. Il mio miglior pregio. Gli occhi…

7
il cerchio che si chiude

Che sia o meno quello di una predestinata, di certo il viso di Kaia Gerber, così delicatamente vicino a quello di sua madre Cindy Crawford, è potente perché consente a un’intera generazione di rivivere i momenti più sublimi della storia della moda attraverso una lente contemporanea, più libera e sperimentale. Miuccia Prada, che l’ha scelta per la sfilata di Prada a Milano lo scorso febbraio, racconta di essere stata attratta dalla sua passione e ambizione: «È sicuramente ispirata dalla carriera e dal successo della madre, ma li ha trasformati in qualcosa di suo, e questa cosa è davvero sorprendente». Mentre Pierpaolo Piccioli spiega che «Kaia è capace di tradurre lo stesso mood di gioia e bellezza degli anni 80 in maniera contemporanea». La nuova stella della moda ha soltanto 16 anni,…

1
cronache dalla realtà

Molte vite. Non quelle recitate sui social, ma fremiti reali di questo scorcio di 21o secolo. Fissate dallo sguardo di 18 autori – selezionati da Siobhán Bohnacker, foto editor del “New Yorker” e dallo scrittore Antwaun Sargent –, sono riunite nella mostra “The Way We Live Now” di Aperture Foundation a New York. Indagano la black culture e la sua rappresentazione per riplasmarne la percezione Jamal Nxedlana, designer e artista di Johannesburg; o Tyler Mitchell, che in scatti saturi di colore medita sulla diaspora e ritrae «black people in modo realistico e puro, con uno sguardo onesto». E ancora, le storie dei carcerati di Lili Holzer-Glier e dei giovani nomadi di Maria Sturm. Davide Monteleone ha invece documentato la nuova Via della seta (rotta commerciale che unirà i Paesi dell’Eurasia)…