EXPLOREMY LIBRARY
Food & Wine
La Cucina Italiana

La Cucina Italiana

Lugliov 2020

Ogni anno oltre 1.000 nuove ricette provate per voi nella cucina di redazione. Spunti, idee e suggerimenti per divertirsi ai fornelli e preparare piatti di sicuro successo. La Cucina Italiana, recentemente rinnovata nella veste grafica, propone anche rubriche che vanno dalla scuola di cucina all’educazione alimentare dei più piccoli, dal turismo enogastronomico alle nuove tendenze.

Country:
Italy
Language:
Italian
Publisher:
Edizioni Condé Nast S.p.A.
Frequency:
Monthly
Read More
SUBSCRIBE
$16.19
12 Issues

in this issue

1 min.
perché unesco, perché bottura

Mercoledì 27 maggio, 9:41. «Luglio, luglio, luglio». È il WhatsApp con cui cerco di far colpo su Massimo Bottura. Abbiamo pensato che sia tempo di candidare la cucina italiana come Patrimonio Immateriale dell’Umanità Unesco – non il magazine, proprio la tradizione culinaria italiana, e stavolta tutta intera senza campanilismi, in quella che due nostri amici a pag. 10 chiamano «la sua straordinaria biodiversità». Abbiamo scelto di lanciare la candidatura con una serie di numeri guest edited dai più grandi chef del Paese. E abbiamo deciso che il primo, luglio, deve essere firmato da lui. Che però prima non reagisce: vedo solo la spunta blu. Poi chiama per dirmi che è una follia. E lo capisco: siamo alla vigilia del 2 giugno, la Festa della Repubblica che Bottura ha scelto come…

2 min.
insieme con noi

«Sono nata nel 2000. Dite che baro sull’età biologica? Giusto. Ma sono rinata quando nel 2000 è uscito il mio primo romanzo. Da allora sono una scrittrice. Amo mangiare, bere vino, frequentare ristoranti. E raccontare il mondo del cibo come un romanzo». CAMILLA BARESANI SCRITTRICE «La prima illustrazione che ho pubblicato in assoluto, nei lontani primi anni Novanta, era proprio un soggetto legato al CIBO, coincidenza?». PIERLUIGI LONGO ILLUSTRATORE «Fotografo da sempre, dopo essere scivolato senza costrutto tra Milano, Londra, Parigi decido di diventare lucchese. Nel frattempo prendo delle decisioni che mi trasformano nel più vecchio giovane fotografo italiano. Frequento mercatini bio e grandi chef locali ma non disdegno il trash. Vini solo naturali di amici fidati». MASSIMO VITALI FOTOGRAFO «Lavoro per la più grande galleria d’arte del mondo, i muri delle città. Per parlare anche…

5 min.
buona e immateriale

DAL MONDO DELL’ARTE CONTEMPORANEA Tutto, dalla tovaglia candida ai piatti, alle posate, ai trionfi a centro tavola, ogni cosa è fatta di zucchero. La meravigliosa apparecchiatura, che univa sapore e profumo, cibo e scultura in una vera e propria installazione d’arte, era destinata al fastoso banchetto per Enrico di Valois, futuro re di Francia, in visita a Venezia il 18 luglio 1574. È solo uno dei tanti racconti della storia della cucina italiana, arte millenaria intrecciata alla storia del Belpaese e specchio della sua geografia, degli stili alti e delle consuetudini popolari. La cucina italiana è giunta fino a noi, trasmettendoci una straordinaria biodiversità, punto di forza che ci fa ambire al prestigioso riconoscimento dell’Unesco. La nostra è un’eredità preziosa, da condividere con l’umanità in quanto forma di educazione, portatrice dei…

1 min.
notizie di cibo

Massimo godimento Modena State of Mind. «Modena è uno stato mentale», ama ripetere Massimo Bottura della sua città (che qui gli fa da cornice nell’immaginario dell’illustratore Pierluigi Longo), lanciata, grazie al suo inarrestabile «fare», in un Rinascimento gastronomico e culturale, globale. Modena come New York. Da città di provincia a icona senza confini. Dove il ristorante è una galleria, i prodotti autoctoni fanno tendenza, il dialetto è puro slang. Non a caso il menù del suo b&b, Casa Maria Luigia, si chiama Tòla dòlza, ovvero «prendila con calma», versione emiliana del take it easy (vedi a pag. 132). Abbiamo seguito i consigli del cuoco già due volte migliore al mondo tra menù digitali, meloni dal gusto surreale e basilico sostenibile. Pronti a partire?…

1 min.
maturare in quota

Non solo mele: tra le delizie della Val Venosta anche le fragole. Coltivate tra i 900 e 1000 metri, si colgono fino a settembre, ben oltre la loro consueta stagionalità. Tra metà luglio e metà agosto invece maturano tre tipi di albicocche e le ciliegie di varietà Regina (grandi e croccanti) e Kordia, a forma di cuore, colte a mano da piante tra gli 800 e i 1000 metri di altitudine. Così tardive, acquistano un sapore più intenso e una compattezza davvero particolare. Tutti i frutti, biologici, sono prodotti secondo i criteri di VIP, l’Associazione delle Cooperative Ortofrutticole della Val Venosta. vip.coop/it…

1 min.
poliglotti al ristorante

Anche il nuovo menù dell’Osteria Francescana di Modena è ora consultabile in modo interattivo (in norma con le nuove norme igieniche e antiCovid-19) attraverso un codice QR, direttamente sul proprio cellulare, in tutte le lingue. Il ristorante di Massimo Bottura è infatti tra quelli che hanno aderito a Dishcovery, start up nata nel 2018, durante un periodo trascorso in Cina, da due giovani modenesi, Marco Simonini e Giuliano Vita, decisi a ovviare alle barriere linguistiche riscontrate, a tavola, durante il loro soggiorno asiatico. dishcovery.menu…