EXPLORARMI BIBLIOTECA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Cultura y Literatura
Focus Storia CollectionFocus Storia Collection

Focus Storia Collection Inverno 2016

Il trimestrale monotematico e di approfondimento di Focus Storia. Un punto di vista autorevole ed esaustivo sui momenti più appassionanti e misteriosi della nostra civiltà. Segreti svelati e avvenimenti reinterpretati attraverso una lettura facile e divertente, corredata da splendide immagini e accurate illustrazioni.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Mondadori Scienza S.p.A.
Leer Máskeyboard_arrow_down
SUSCRIBIRSE
USD20.95
4 Números

EN ESTE NÚMERO

access_time1 min.
l’avventura delle crociate

Che cosa spingeva uomini ricchi, nobili, spesso ammogliati, a lasciare il loro mondo per una missione sicuramente piena di rischi e altrettanto sicuramente dagli esiti incerti? Le storiografia più moderna pone l’accento sulle motivazioni politico-economiche delle crociate. Ragioni che indubbiamente muovevano i “mandanti”, ma loro, i soldati di Dio, davvero si giocavano tutto per il denaro? Questo numero di Focus Storia Collection scava in un Medioevo intriso di misticismo dove la religione dettava legge anche nelle minime sottigliezze della vita quotidiana. Come resistere allora alle parole del papa che prometteva l’assoluzione dei peccati a chi si immolava per la conquista della Terrasanta? O alle esortazioni di Bernardo di Chiaravalle (ispiratore della regola dei Templari) che scriveva: “Il cavaliere di Cristo uccide in piena coscienza e muore tranquillo. Quando egli uccide…

access_time8 min.
la spada e la fede

Hanno segnato la storia del Medioevo e mutato le sorti dei rapporti tra Europa e Medio Oriente. Perché le crociate sono state molto di più di meri eventi bellici: hanno rinforzato gli scambi culturali e commerciali tra europei e mondo islamico. Alle motivazioni di ordine religioso si mescolarono infatti interessi, impellenze e opportunità che resero le crociate un capitolo estremamente complesso e contraddittorio della nostra storia. Anche se la lettura storiografica ha troppo spesso insistito sul riduttivo concetto di scontro tra civiltà, le crociate furono a tutti gli effetti anche una preziosa occasione di “incontro”... Per fare un po’ di ordine nella frastagliata cronaca di tali eventi, e per capire se la storia delle crociate ha condizionato anche il nostro presente, chiediamo aiuto a uno tra i massimi esperti sul…

access_time7 min.
mamma li crociati

Crociata e jihad: due termini che evocano la liberazione dei Luoghi sacri e la guerra santa. Parole che sembrano non lasciare dubbi sullo svolgersi dei fatti storici che le hanno originate. Ma è proprio sul piano della Storia che le crociate, intese come lotta religiosa o scontro di civiltà, sono state ridimensionate dagli studiosi. E così anche la jihad (tradotta come “guerra santa”) che portò alla riconquista musulmana di Gerusalemme. FEDE O FAME? Le crociate, in realtà, furono un fenomeno non previsto, dovuto più ai problemi sociali e politici interni all’Europa dell’XI-XII secolo che alla volontà di liberare il Santo Sepolcro. Cioè un evento più legato alla fame che alla fede. E con una conclusione paradossale: i perdenti, cioè i cristiani (che dovettero sloggiare nel 1291 dalla Terra Santa), portarono a…

access_time2 min.
i monaci con la spada voluti dalla chiesa

“Il cavaliere di Cristo uccide in piena coscienza e muore tranquillo: morendo si salva, uccidendo lavora per Cristo. Invero quando egli uccide un malfattore non commette un omicidio, ma un malicidio, e va considerato il carnefice autorizzato di Cristo”: sono le parole di Bernardo di Chiaravalle, venerato come santo dalla Chiesa cattolica, che autorizzarono e anzi spronarono la nascita degli ordini religiosi cavallereschi. Ad accrescerne la fama furono poi le Chansons de geste, la letteratura cavalleresca, una sorta di western del Medioevo. Integralisti. I più noti sono quelli che nacquero come Poveri compagni di Cristo e del Tempio di Salomone, espressione poi sintetizzata in Templari. Fondato da Hugues de Payns intorno al 1120, l’ordine era costituito in origine da un manipolo di cavalieri che si erano dati il compito di assicurare…

access_time1 min.
la crociata dei fanciulli: bambini in vendita?

Fra le varie spedizioni in Terra Santa, ce ne fu una particolare, poi detta “crociata dei fanciulli”. Migliaia di bambini che, accompagnati da donne e pastori, nel 1212 si misero in marcia verso il Santo Sepolcro. Questa crociata sarebbe iniziata nel villaggio francese di Cloyes, dove un giovane pastore di nome Stefano disse di essere stato chiamato da Gesù alla liberazione di Gerusalemme. Stefano guidò migliaia di adolescenti fino a Marsiglia. Qui si imbarcarono con alcuni mercanti. Alla tedesca. In Germania, nello stesso anno, stava avvenendo un fenomeno analogo sotto la guida del giovanissimo Nicola (originario di Colonia). Lui e i suoi proseliti giunsero a Genova e proseguirono verso Pisa, dove trovarono un passaggio navale: di loro non si seppe più nulla. Tutto vero? Le fonti (discordanti) si preoccupano più di enfatizzare…

access_time1 min.
sulla via della terrasanta

Le rotte verso la Terrasanta partivano da ogni angolo d’Europa e confluivano lungo le vie di pellegrinaggio verso i porti del Mediterraneo, oppure attraversavano i Balcani. A percorrerle furono re, cavalieri e disperati spinti dalle motivazioni più varie: prestigio personale, desiderio di riscatto o di ricchezze, fino a una più o meno sincera volontà di liberare i Luoghi Santi dai musulmani. CONQUISTATORI. Le crociate (termine introdotto nel ’700) furono un fenomeno complesso: guerra “coloniale” per controllare i traffici con l’Oriente, ma anche movimento nel quale la Chiesa riuscì a convogliare le spinte millenariste e pauperiste della società medioevale. LE CROCIATE IN 20 TAPPE 1095 Papa Urbano I indice la 1 crociata: in tutto, quasi 40mila persone. 1096 Pietro l’Eremita guida la “crociata dei pezzenti”. 1098 Presa di Edessa e di Antiochia, dove sorgono regni crociati. 1099 Il 15 luglio i…

help