EXPLORARMI BIBLIOTECA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Cultura y Literatura
Focus Storia CollectionFocus Storia Collection

Focus Storia Collection Inverno 2017

Il trimestrale monotematico e di approfondimento di Focus Storia. Un punto di vista autorevole ed esaustivo sui momenti più appassionanti e misteriosi della nostra civiltà. Segreti svelati e avvenimenti reinterpretati attraverso una lettura facile e divertente, corredata da splendide immagini e accurate illustrazioni.

País:
Italy
Idioma:
Italian
Editor:
Mondadori Scienza S.p.A.
Leer Máskeyboard_arrow_down
SUSCRIBIRSE
USD21.58
4 Números

EN ESTE NÚMERO

access_time1 min.
editore

L’attrice Hazel Down posa con la bandiera statunitense mentre due colombe reggono rami d’ulivo. (LEEMAGE/MONDADORI PORTFOLIO) Nel saggio Occidente, Niall Ferguson immagina di fare un giro del mondo nel XV secolo: “Il Nord America non era che un’anarchica foresta selvaggia in confronto ai regni degli Aztechi, dei Maya e degli Inca in America Centrale e Meridionale, con i loro torreggianti templi e le strade che s’inerpicavano sulle montagne”. Un confronto impari anche con l’Europa, devastata da guerre e flagellata da epidemie. Eppure, nel 1913, 11 imperi occidentali controllavano quasi tre quinti del territorio mondiale e il 79% della produzione economica globale. Gli imperi coloniali europei sono collassati, ma la presunta superiorità dell’Occidente è passata nelle mani degli Stati Uniti. Gli eredi dell’Impero britannico hanno esportato il loro modello…

access_time4 min.
quattromila anni di dominatori

DAL PRIMO ALL’ULTIMO Ogni fascia rossa posta sulla linea del tempo rappresenta la durata di ogni impero. Sfumature diverse di colore indicano il passaggio da un governo all’altro, come nel caso dell’Impero russo e sovietico. L’Impero azteco si sviluppò a partire dalla capitale Tenochtitlán (Città del Messico) fra il ’400 e il ’500. Ecco le schede di alcuni degli imperi trattati in questo numero: da quelli precolombiani spazzati via dai conquistadores agli sconfinati imperi coloniali europei IMPERO AZTECO Dominatori precolombiani Nel 1324, narra la leggenda, un’aquila che mordeva un serpente si posò su un cactus le cui radici affondavano in uno specchio d’acqua limpida. Lì fu fondata Tenochtitlán (ora Città del Messico), futura capitale imperiale azteca. Feudali. Gli…

access_time6 min.
chi ha scoperto l’america?

Colombo non fu il primo. E ormai è assodato. Ma non lo furono nemmeno i Vichinghi. Altro che continente ignoto: in America potrebbero essere approdati persino i Fenici, con più di 17 secoli di anticipo rispetto al navigatore italiano. L’ipotesi, che ovviamente fa discutere, arriva da Lucio Russo, fisico e docente di Storia della Scienza all’Università Tor Vergata di Roma, che ne ha parlato nel suo saggio L’America dimenticata (Mondadori).Ma sono davvero esistiti contatti transoceanici tra Occidente e America prima del più famoso viaggio del 1492? Lucio Russo ha pensato di dimostrarlo calcolatrice alla mano. TERRA TONDA. Nel V secolo a.C., i Greci sapevano che il nostro pianeta era di forma (oggi aggiungeremmo “approssimativamente”) sferica e l’avevano diviso in meridiani (verticali) e paralleli (orizzontali). «La geografia matematica era un…

access_time2 min.
e li chiamarono precolombiani

DOPPIO VOLTO Una delle due teste di un serpente azteco (XV-XVI secolo), usato nelle cerimonie come pettorale. Il serpente bicefalo era un tema ricorrente nelle culture mesoamericane. (SCALA) CIVILTÀ A STRATI Nella cartina, i territori dei popoli precolombiani. I pallini indicano, in modo semplificato, l’area in cui le civiltà sono nate, sovrapponendosi poi nel corso dei secoli. LA SIGNORA DEL VASO Una donna di alto rango su un vaso realizzato dai Moche peruviani. Risale al IV-IX secolo d.C. (DE AGOSTINI/GETTY IMAGES) MESSAGGI DALLA TERRA Gigantesco uccello sul deserto di Nazca (Perù). Erano disegni legati forse ai culti dell’acqua e della fertilità. (UIG VIA GETTY IMAGES) Li conosciamo come popoli precolombiani perché l’arrivo di Colombo e la colonizzazione europea ne decretarono la fine. Da nord a…

access_time2 min.
la venezia degli aztechi

IMPONENTE Il Templo Mayor era dedicato a Tlaloc, dio della pioggia, e a Huitzilopochtli, divinità guerriera. Qui, durante la conquista spagnola, fu trucidata la corte del sovrano azteco Montezuma (vedi articolo seguente). A COLORI La base del Templo Mayor, alto 60 metri, a gradoni e probabilmente dipinto, misurava 250mila m2. FORMA SPECIALE Il tempio del serpente piumato, Quetzalcoatl, era circolare: forma riservata solo a questa divinità. 1 IL TEMPIO Al centro dell’area sacra urbana c’era il Templo Mayor. 2 IL MERCATO Il Tlatelolco era il mercato principale. Le merci erano contenute in apposite aree. 3 LA STRADA La più importante delle strade d’accesso era lunga 13 chilometri e larga 20 metri. 4 LE ABITAZIONI Le case erano a…

access_time1 min.
educazione all’azteca

Gli insegnanti nel calmecac erano sacerdoti, che usavano sia strumenti punitivi sia la pedagogia. I ragazzi scrivevano sull’amatl (supporto ricavato da corteccia) e imparavano a illustrare i codici con inchiostro blu, rosso e giallo. UOMO FATTO L’istruzione finiva intorno ai 20 anni, età in cui si diventava ufficialmente guerrieri. A quel punto ci si poteva sposare. ARMI D’ALLENAMENTO Gli allievi usavano armi quali il macuahuitl, una spada di legno con affilate lame di ossidiana. IL LUOGO C’era un telpochcalli in ogni regione del regno azteco, in genere vicino ai templi. Vi erano ammessi solo uomini, che vi arrivavano a 15 anni, accompagnati dai genitori. SEGUITI DAL TUTOR Gli insegnanti erano sacerdoti e guerrieri già…

help