ONTDEKKENBIBLIOTHEEK
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Kunst & Architectuur
DomusDomus

Domus

Aprile 2019

Since 1928 Domus is a reference for architects, industry professionals, designers and students as well as a precious tool for work, for staying abreast with the news and for deepening knowlwdge. Completely bilingual (English and Italian), Domus is international in form, content and distribution.

Land:
Italy
Taal:
English
Uitgever:
Editoriale Domus Spa
Meer lezenkeyboard_arrow_down
SPECIAAL: Save 30% on your subscription!
EDITIE KOPEN
€ 6,97(Incl. btw)
ABONNEREN
€ 50,02€ 35,02(Incl. btw)
11 Edities

IN DEZE EDITIE

access_time1 min.
domus

Domus Direttore/Guest Editor Winy MaasGuest Editor Deputy Staff Javier Arpa, Jan KnikkerDirettore Editoriale/Editorial Director Walter Mariotti Redazione/Newsroom Art director Giuseppe BasileEditorial staff Rita Capezzuto (responsabile/head) Elena Sommariva (senior editor) Giulia RicciGrafici/Graphic department Elisabetta Benaglio Franco MiragliottaProduct editor offline–online Giulia Guzzinidomusweb/online Marianna Guernieri (design) Jessica Mairs (architecture) Alessandro Scarano (product)Allegati e speciali/Supplements Loredana MascheroniProgetti speciali/Special projects Simona BordoneCoordinamento/Coordinator Miranda Giardino di LolloSegreteria/Administration Isabella Di Nunno (assistente del direttore/assistant to the editor)Progetto grafico/Graphic concept Mark Porter AssociatesCollaboratori/Collaborators Cristina Moro (archivio/archives) Massimo Valz-Gris (domusforum) Raffaele Vertaldi (visual consultant) Fotolito/Prepress Editoriale DomusStampa/Printers ErreStampa, Orio al Serio (BG) Editoriale Domus Editore e direttore responsabile Publisher and managing editor Maria Giovanna Mazzocchi Bordone Amministratore delegato/ Chief executive officer Sofia Bordone Business unit consumer director Nicola LicciBrand and international director…

access_time7 min.
spazio alla diversità

Room for diversity La discriminazione e le disuguaglianze vanno eliminate. Ecco cosa mostra il progetto di Claude Cormier, architetto del paesaggio e urbanista canadese: una strada multicolore, uno spazio pubblico sicuro e accessibile a tutti, che andrebbe esportato ovunque, per tutti. Le nostre città, infatti, devono dare spazio alla diversità: a quelle differenze di razza, genere, carattere o gusto che garantiscono un mondo molto più stimolante e consapevole.Nel frattempo, il divario tra ricchi e poveri continua a crescere in tutto il mondo, innescando tensioni e conflitti. Non sarebbe meglio se tutti noi facessimo parte di un’unica, gigantesca classe media? Aumentare la ricchezza per tutti, rafforzare la ricerca della qualità, fare in modo che gl’investimenti nella lotta contro il cambiamento climatico diventino alla nostra portata: tutto questo potrebbe contribuire a…

access_time14 min.
un po’ di humour, per favore

Humour, please Landscape Beauty and joy The narratives of kitsch Placemaking from scratch (Photos Jean-Michel Seminaro) Una nozione del paesaggio lontana dall’idea romantica di natura, la convinzione che ogni intervento di architettura del paesaggio, anche nelle sue espressioni più naturalistiche, fa della natura un artificio: questa consapevolezza di Claude Cormier, architetto del paesaggio e urbanista, è sicuramente ascrivibile alla sua infanzia trascorsa in una fattoria del Québec, a Princeville, a contatto diretto e continuo con la natura.Si capisce, quindi, come mai Cormier, che ha studiato Storia e teoria del design all’Università di Harvard, Architettura del paesaggio all’Università di Toronto e, prima ancora,Agronomia all’Università di Guelph, sia ‘annoiato’ dal paesaggio quale riproduzione più o meno fedele della natura che ci circonda. Cerca invece sempre nuovi stimoli, inserendo per esempio riferimenti…

access_time16 min.
servono 600 milioni di case

We need 600 million homes Discussion A human right Affordable vs. adequate Mass housing globally Citizen-driven solutions Frederique van Andel: L’alloggio è un prodotto o un diritto? Marja Elsinga: Penso che avere una casa sia un diritto umano. Molte carte costituzionali dichiarano che è un’esigenza basilare per le società e, per questo, l’alloggio è al centro di ampie politiche. Negli ultimi decenni è sempre più un prodotto. Il tema degli alloggi è complesso, riguarda un diritto umano e un bene commerciale: questo lo rende interessante, ma anche difficile. Perché è così complicato rendere le abitazioni alla portata di tutti? È sempre stato un problema. In tutto il mondo è in corso una rapida urbanizzazione e la domanda di alloggi è enorme. Il mercato immobiliare non è perfetto, ci…

access_time14 min.
new york (in)accessibile

(Un)affordable New York Urbanism Extreme inequality Public housing under threat Micro-units and co-living Di recente, a New York, un appartamento condominiale è stato venduto per 238 milioni di dollari, diventando l’alloggio più costoso nella storia degli Stati Uniti. Questo mentre in città 63.636 persone sono senza un tetto, il livello più alto dalla Grande depressione. I picchi estremi di reddito e l’enorme disparità in termini di accesso alle abitazioni rappresentano un tema cruciale per l’amministrazione del sindaco Bill de Blasio, il quale sta implementando un piano del 2014 per sovvenzionare o preservare 300.000 unità abitative a prezzi accessibili costruite dall’impresa privata nell’arco di 12 anni.Nonostante recentemente la costruzione di alloggi a prezzi calmierati abbia toccato livelli senza precedenti e sebbene esista una serie di programmi messi a punto…

access_time13 min.
arte per cambiare

Change by art Public art Empower communities Create identity The facade as canvas Boa Mistura è un collettivo formato da un gruppo di amici che, fin da ragazzi, s’incontravano dopo la scuola per fare quello che più amavano: dipingere per strada. L’hobby è cresciuto fino a trasformare una passione comune in un lavoro per vivere. Da più di 15 anni dedicano a questo sogno tutto il loro tempo e il loro entusiasmo.Boa Mistura interpreta ogni lavoro come una nuova sfida, immergendosi fin dall’inizio nelle problematiche concrete del luogo dove interviene, nella cultura e nelle identità locali. A partire da questa idea, il gruppo lavora su un disegno, riportando sulla carta tutto ciò che ha appreso dalla gente del posto: che sia in forma di parole, di colori o…

help