ONTDEKKENBIBLIOTHEEK
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Kinderen & Tieners
Focus Wild Focus Wild

Focus Wild Settembre 2019

Focus Wild è la rivista per ragazzi e ragazze dai 10 ai 14 anni appassionati di animali e cuccioli. Suddivisa in due parti, nella sezione Mondo si potranno ammirare immagini fantastiche, reportage sugli animali e sul loro comportamento, interviste con personaggi famosi e tante notizie curiose; nella sezione PetClub si troveranno tutti i consigli e i trucchi per la cura dei propri animali domestici.

Land:
Italy
Taal:
Italian
Uitgever:
Mondadori Scienza S.p.A.
Meer lezenkeyboard_arrow_down
EDITIE KOPEN
€ 3,48(Incl. btw)
ABONNEREN
€ 23,26(Incl. btw)
12 Edities

IN DEZE EDITIE

access_time1 min.
pixel

COLAZIONE A BAGNO Un orso bruno (Ursus arctos) cerca i salmoni rossi nel lago Kuril, nella penisola della Kamchatka (Russia siberiana): questi pesci, che qui vengono a deporre le uova, sono ricchi di proteine e permettono ai plantigradi di accumulare il grasso necessario per affrontare il letargo invernale. CAMBIO D’ABITO Un camaleonte orecchiuto (Chamaleo dilepis) sta cambiando pelle: a differenza dei serpenti, che lo fanno in un colpo solo, i camaleonti perdono a pezzi il “vestito” ormai stretto. Questo processo avviene più spesso nelle prime fasi di vita, quando la crescita è più rapida; da adulti, invece, capita una volta al mese, o anche meno. Per liberarsi della pelle vecchia, c’è chi si sfrega contro i tronchi e chi si gratta con le zampe munite di unghie.…

access_time1 min.
editoriale

Cari lettori, abbiamo preparato un numero in gran parte “marino”. Dai pesci velenosi, al cavalluccio marino, agli elefanti marini, passando per un poster speciale, che a noi fa davvero ridere: sono le foto di cani in immersione che stanno cercando di raggiungere vari oggetti sul fondo della piscina. Non sapevamo quale scegliere... così ne abbiamo messi 4! Lo stesso discorso per l’altro lato del poster, che ritrae le espressioni più incredibili (ed estasiate) di cani che stanno cercando di prendere un bocconcino al volo: quali sono i vostri preferiti? Buona lettura!…

access_time1 min.
focus wild

Direttore responsabile Sarah Pozzoli Redazione Chiara Borelli (coordinamento, vicecaposervizio), Marta Ferrario Ufficio fotografico Laura Giovannitti Ufficio grafico Cristina Mercante (art director, caporedattore) Segreteria di redazione Barbara Francesconi Progetto editoriale Chiara Borelli Progetto grafico Cristina Mercante Hanno collaborato a questo numero: Sonia Campa, Marco Colombo, Claudia Fachinetti, Gérard Mangiagalli, Roberto Marchesini, Giulia Parachini, Lara Perego, Dunia Rahwan, Francesco Tomasinelli, Emilio Vitaliano Publisher Pamela Carati Coordinamento tecnico Valter Martin…

access_time1 min.
pericolo scampato

SE C’È UN PUMA O UN GIAGUARO AFFAMATO NEI PARAGGI, QUESTO ARMADILLO SI CHIUDE A PALLA: COSÌ LA SUA CORAZZA DI PLACCHE OSSEE LO PROTEGGE Quando è chiuso a palla (1), l’armadillo a tre fasce del Brasile (Tolypeutes tricinctus, chiamato anche bolita, che in portoghese significa pallina), protegge sotto la corazza le zone più vulnerabili del corpo, testa compresa. Passato il pericolo, inizia ad aprirsi (2), facendo uscire prima la testa poi le zampe e la coda (3, 4) per tornare, infine, nella posizione a quattro zampe (5).Altri armadilli, se minacciati, si difendono scavando gallerie in cui nascondersi. La corazza di cui sono dotati serve anche per restare al caldo: quando si appallottolano, infatti, resta intrappolata tra le placche e la pelle uno strato d’aria che viene riscaldato dal calore corporeo.…

access_time4 min.
attenzione: veleno

PESCE SCORPIONE ( PTEROIS VOLITANS ) La livrea zebrata così appariscente è un segnale di pericolo rivolto a chiunque sia in cerca di guai: il pesce scorpione è dotato di raggi della spina dorsale, collegati a ghiandole velenifere, capaci di scoraggiare gli attacchi di pesci molto più grandi di lui. Così questa specie può permettersi di nuotare a bassa velocità in piena vista nelle scogliere coralline tropicali dell’Oceano Indiano e Pacifico, catturando piccoli pesci e gamberetti. TRIGONE A MACCHIE BLU ( TAENIURA LYMMA ) Il trigone a macchie blu dell’Oceano Indiano vive sui fondali sabbiosi e raggiunge i 40 cm di diametro. La sua coda lunga e sottile, con strisce laterali blu su entrambi i lati, è dotata di due aculei collegati a ghiandole velenifere. In caso di pericolo questo pesce timido preferisce…

access_time1 min.
e nel mediterraneo?

PIÙ VISIBILI E MENO PERICOLOSI La tracina (Trachinus araneus,a destra) è il pesce più velenoso dei nostri mari. Vive sui fondali sabbiosi e, se infastidito o calpestato, estrae le spine urticanti dalla pinna dorsale, che infliggono una puntura molto dolorosa. Anche lo scorfano rosso (Scorpaena scrofa,a sinistra) agisce allo stesso modo, ma ha una puntura meno dolorosa. Il vermocane (Hermodice carunculata,in basso a destra), un verme marino lungo circa 20 cm, ha setole bianche urticanti sui lati del corpo che provocano un intenso bruciore locale. Tra le meduse, la pelagia (Pelagia noctiluca,in basso a sinistra) è la più pericolosa tra quelle che si avvistano con regolarità lungo le nostre coste. Suo lontano parente è il pomodoro di mare (Actinia equina,sotto), ma molto meno fastidioso: si riconosce per il colore rosso intenso…

help