Barn og tenåringer
Focus Wild

Focus Wild

Agosto 2020

Focus Wild è la rivista per ragazzi e ragazze dai 10 ai 14 anni appassionati di animali e cuccioli. Suddivisa in due parti, nella sezione Mondo si potranno ammirare immagini fantastiche, reportage sugli animali e sul loro comportamento, interviste con personaggi famosi e tante notizie curiose; nella sezione PetClub si troveranno tutti i consigli e i trucchi per la cura dei propri animali domestici.

Land:
Italy
Språk:
Italian
Utgiver:
Mondadori Scienza S.p.A.
Hyppighet:
Monthly
Les mer
KJØP UTGAVE
NOK 30.91
ABONNER
NOK 206.28
12 Utgaver

i denne utgaven

1 min.
pixel

SGUARDO MAGNETICO Gli emù (Dromaius novaehollandiae) sono tra i più grandi uccelli del pianeta, alti fino a 2 metri. Per proteggere gli occhi dalla polvere delle zone aride e ventose in cui vivono, di Australia e Tasmania, hanno palpebre aggiuntive traslucide che si muovono orizzontalmente, dal bordo interno al bordo esterno dell’occhio. APNEA SUL FONDALE La tartaruga verde (Chelonia mydas) è un rettile marino tipico delle acque calde tropicali. Questo individuo, fotografato a Marsa Alam, in Egitto, si sta riposando sul fondale sabbioso ricoperto da una prateria di piante acquatiche ed è in compagnia di due giovani carangidi dorati (Gnathanodon speciosus), piccoli pesci che spesso nuotano vicino a tartarughe o squali per proteggersi dai predatori.…

1 min.
i nostri esperti di questo numero:

SONIA CAMPA Docente presso il Master universitario in Etologia degli Animali d’Affezione dell’Università di Pisa; si occupa della relazione uomo-gatto e uomo-cane. FRANCO CAPONE Giornalista scientifico, documentarista, ha partecipato a diverse ricerche in Africa e Sudamerica nei settori della paleontologia, dell’etologia e dell’antropologia. MADDALENA JAHODA Biologa e divulgatrice scientifica, si occupa di cetacei da oltre 30 anni. Ha pubblicato vari libri, tra cui “Le mie balene”. GÉRARD MANGIAGALLI Veterinario,presidente di Milano Natura (www.milanonatura.it). ROBERTO MARCHESINI Etologo e studioso della relazione tra l’uomo e le altre specie animali. Fondatore di SIUA (Scuola di Interazione Uomo-Animale). PIERO PAPA Vice Ispettore del Corpo Forestale dello Stato, si occupa di sorveglianza, didattica, recupero e gestione della fauna selvatica. GIULIA PARACCHINI Istruttore cinofilo, consulente della relazione felina, operatore di zooantropologia assistenziale e didattica.…

1 min.
un salto da record

LA CODA DEL PUMA È LUNGA CIRCA UN TERZO DELLA SUA LUNGHEZZA TOTALE: COME UN TIMONE, DÀ STABILITÀ DURANTE IL SALTO Un puma (Puma concolor) spicca un grande balzo (1, 2, 3) da una delle rocce rosse della Monument Valley, in Utah (Stati Uniti), rimanendo sospeso in aria (4), per poi atterrare con agilità sulla sponda opposta (5). Come molti altri felini, i puma sono degli ottimi saltatori: senza rincorsa, possono compiere salti lunghi anche 10 metri e alti 5. Amano la vita in alta quota e per questo sono anche chiamati “leoni di montagna”, pur se assomigliano più a gattoni di 50-70 kg di peso. Non emettono ruggiti, soltanto miagolii, sibili e ringhi.…

3 min.
notizie dal mondo

Fioriture anticipate Svizzera. I bombi, importanti insetti impollinatori, sono in grado di stimolare la fioritura precoce delle piante praticando dei taglietti sulle loro foglie. La scoperta è stata fatta da Foteini Pashalidou, uno studente della professoressa Consuelo De Moraes, ecologa chimica presso il Politecnico federale di Zurigo, che ha notato i bombi terrestri (Bombus terrestris) incidere le foglie delle piante nella serra dell’università, ma non per mangiarle né per portarle al nido. Dopo una serie di esperimenti i ricercatori hanno appurato che, se il polline scarseggia come in una serra o all’inizio della primavera, i bombi segnano le piante più del solito e le stimolano a fiorire fino a un mese in anticipo. Questa capacità è un salva vita perché, quando gli insetti si risvegliano in anticipo per il riscaldamento globale,…

6 min.
balene... come noi

I cetacei, lo sappiamo, trascorrono tutta la vita in mare, ma anche se sono “travestiti” da pesce, la loro natura di mammiferi li rende molto più simili a noi di quello che immaginiamo. Le balene e i delfini, infatti, hanno una complessa vita fatta di comunicazione, di rapporti, probabilmente di simpatie e antipatie, di amore delle mamme per i figli e, in ultima analisi, anche di quelli che noi chiamiamo“valori morali”. IMPARARE A PARLARE Il linguaggio delle balene si evolve nel corso della vita di ogni individuo. I neonati, fino a un anno di età emettono suoni più corti, semplici e più confusi, facilmente distinguibili. In altre parole, sono come i bambini piccoli. Dal secondo anno le vocalizzazioni cominciano ad assomigliare un po’ di più a quelle degli adulti, per diventare, con…

7 min.
sono tornato! un orso marsicano sul gran sasso

Un movimento di passi sulle foglie secche, rumore di fronde spezzate, pietre e tronchi che rotolano dal pendio e infine una sagoma che svela la sua inconfondibile presenza nella faggeta del Voltigno, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. È così che un orso marsicano si è mostrato una mattina di maggio agli occhi dell’incredulo fotografo che ha così documentato il ritorno del plantigrado tra queste montagne (foto a destra). «Avevo intuito che un grande animale stava arrivando nella mia direzione ma non avrei mai pensato che un giovane orso sarebbe passato a pochi metri dal mio appostamento tra gli alberi. Quando mi ha visto ha fatto un passo a lato, ha annusato nella mia direzione e poi ha ripreso il cammino. Ho scattato qualche foto e…