EXPLORARBIBLIOTECA
searchclose
shopping_cart_outlined
exit_to_app
category_outlined / Moda
Lampoon MagazineLampoon Magazine

Lampoon Magazine

issue 18

Snob & Pop – is Lampoon’s DNA. Mixing high and low, the aristocrat with the business. A magazine for women and men. Fashion whose strength lies in aesthetic research. Always self-ironical, and so self-confident.

País:
Italy
Língua:
Italian
Editora:
Lampoon Publishing House SRL
Ler Maiskeyboard_arrow_down
Nota Risparmia il 40% sul tuo abbonamento con il codice: BIG40
COMPRAR EDIÇÃO
4,77 €(IVA Incl.)
ASSINATURA
13,03 €(IVA Incl.)
4 Edições

NESTA EDIÇÃO

access_time1 minutos
the fashionable lampoon

Editor in Chief CARLO MAZZONI P.A. to the Editor in Chief ALBERTA VIANELLO External Relations Editorial MARTA MAZZACANO Managing MATTEO MAMMOLI Editor EGLE DAMINI Web Editor GIADA STORELLI Photo Editor Senior Editor CESARE CUNACCIA Publisher MARINA LEMESSI Publishing Editor GIULIA CANGIANIELLO Circulation Manager BANA BISSAT Chief Financial Office SUSANNA MARTIN Financial and Accounting Office DANIELA HOLZAMMER Circulation / Distribution A.I.E Agenzia Italiana di Esportazione International Manager MARCO CERVILLIO Distribution Executive Manager ANDREA BELFI Creative Director ALESSANDRO FORNARO Fashion Editor GIORGIA FUZIO Producer SOFIA CASTELLACCIO Graphic Design SUSANNA MOLLICA CARLO ALFIERI…

access_time3 minutos
editor’s letter argentaia choreographies

C’è una questione di tempo che non può essere superata. Le pietre vanno spaccate, ci vuole tempo. Un castello va costruito, ci vogliono otto anni. Il tempo – per quanto possa essere un discorso sul craft, sul fare e sul rifare, sulla costruzione e sui dettagli, il tempo è un elemento così come lo è il legno, la calce, il ferro, la pietra. Il tempo permette la disciplina: la danza delle ore cerca una narrazione di rigore. Argentaia è il titolo di una coreografia cerebrale, che comanda il lavoro delle mani, la forza delle gambe, l’abilità delle parole. Italia, terra di resilienza e di acqua – l’acqua che cade pulita sulle Alpi, scende tra gli abeti e i marmi bianchi, si raccoglie nei fiumi, attraversa le città, i rubinetti, i…

access_time1 minutos
m

Daniel Steegmann Mangrané, nato a Barcellona nel 1977, oggi vive e lavora a Rio de Janeiro. La sua produzione sonda il rapporto tra cultura e natura, una riflessione sulle dinamiche tra gli elementi che ci circondano. L’artista, indagando i sistemi ecologici, introduce il mondo naturale all’interno delle sue opere. Ricorrenti gli elementi della foresta pluviale in Brasile – rami, foglie e insetti – accanto a forme geometriche e motivi astratti. Le sue opere sono in mostra all’Hangar Bicocca: A Leaf-Shaped Animal Draws The Hand, la prima esposizione in Italia (a cura di Lucia Aspesi e Fiammetta Griccioli) che presenta i lavori realizzati a partire dal 1998 fino a oggi – film, ambientazioni in realtà virtuale, ologrammi 2D, sculture e installazioni. Dall'alto, Daniel Steegmann Mangrané, 2014, veduta dell’installazione all'ABC Art Berlin,…

access_time1 minutos
h

Hybrid Sculpture è una riflessione sull'evoluzione della scultura a partire dagli anni Novanta. Quasi nessuna delle opere esposte sembra una scultura nell'accezione tradizionale del termine: gli artisti sconfinano da un'arte all'altra, mescolando scultura, pittura, performance, design. La mostra, fino al 12 gennaio 2020 allo Stedelijk Museum di Amsterdam, presenta più di venti opere di diciannove artisti, molti dei quali non avevano mai precedentemente esposto in un museo. Dall'alto, in senso orario, Keith Edmier, Cycas Orogeny, 2003-2004; Jessica Stockholder, Coupling, 1998. KAYA, S is for Secret Life, 2014-2016; Magali Reus, Arbroath Smokie, 2016. Tutte le fotografie sono di Peter Tijhuis…

access_time1 minutos
l

Simone Leigh, nata a Chicago nel 1967 lavora con un focus sulla rappresentazione della donna nera. Ha vinto il Premio Hugo Boss 2018 con la mostra Loophole of Retreat. Le sue opere sono esposte al Solomon R. Guggenheim Museum di New York fino al 26 ottobre. Il titolo si rifà agli scritti di Harriet Jacobs, un'abolizionista schiavizzata che nel 1861 pubblicò un racconto sulla sua lotta per la libertà. Leigh fonde il corpo umano con oggetti domestici o elementi architettonici, evocando l'archetipo della statua nuda, i bronzi del Benin e la ritrattistica di Diego Velázquez. In questa pagina, scatti dell'installazione di David Heald…

access_time1 minutos
h

La vita di Yun Hyong-Keun (Cheongju 1928 – Seoul 2007) è legata alla storia del suo paese: fu imprigionato più volte per le sue idee politiche e nel 1950 riuscì a fuggire da un’esecuzione di massa. Le sue opere sono esposte fino al 24 novembre al Palazzo Fortuny di Venezia nella mostra Yun Hyong-Keun Retrospettiva – la prima europea dedicata all’artista coreano, organizzata in collaborazione con il Museo Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea (MMCA) di Seoul e curata da Kim Inhye. Dopo una prima fase di sperimentazione, lo stile di Yun Hyong-keun si definisce nella prima metà degli anni Settanta riflettendo la sofferenza vissuta. Il dramma si accentua all’indomani del massacro di Gwanju del 1980. Dall’alto, in senso orario, Yun Hyong-Keun, Burnt Umber e Ultramarine, 1994; Burnt Umber, 1987;…

help